Commissione europea: i cambiamenti climatici nel tuo piatto

//Commissione europea: i cambiamenti climatici nel tuo piatto

Commissione europea: i cambiamenti climatici nel tuo piatto

I cambiamenti climatici possono ancora essere piuttosto astratti per molti di noi. Sentiamo parlare di fusione poli in fusione, aumento globale dell’intensità degli uragani o aumento delle temperature. Per molti europei questo fenomeno non sembra influenzare la loro vita quotidiana. Ma questo non coglie il quadro completo. Il cibo che consumi giornalmente, dalla sua disponibilità alla sua qualità, è direttamente influenzato dal cambiamento climatico. Le attività agricole dipendono dalle condizioni climatiche ed è quindi altamente esposta alle conseguenze dei cambiamenti climatici.

Le conseguenze dei cambiamenti climatici sul settore agroalimentare

Le conseguenze del cambiamento climatico incidono sempre più sull’agricoltura Europea. Dalle condizioni meteorologiche estreme ai cambiamenti di stagionalità e variabilità, hanno un impatto significativo sulla produzione, con una possibile riduzione di qualità del prodotto oppure un notevole decremento delle forniture. In futuro questi effetti si intensificheranno, sfidando costantemente il settore agroalimentare.

Anche il tuo piatto di pasta è minacciato dai cambiamenti climatici. Nell’estate 2018, l’Europa ha affrontato condizioni climatiche estreme con gravi conseguenze per i produttori. Ad esempio, la siccità che ha colpito l’Europa ha comportato un calo significativo della produzione totale di cereali nell’UE, stimata all’8% al di sotto dell’ultima media quinquennale.

Un altro settore colpito dalle condizioni calde e secche della scorsa estate è la produzione di carne bovina, che è cresciuta più del previsto nel 2018. La siccità ha provocato una carenza di foraggio, portando avanti la macellazione. La produzione netta di carne bovina per il 2018 è prevista all’1,6% in più rispetto al 2017.

Non è solo la quantità di prodotti agricoli ad essere minacciata dai cambiamenti climatici, ma anche la qualità. Un esempio di ciò è la frequente pioggia nell’Europa settentrionale che ha comportato un minor contenuto proteico nel grano nel 2017. Ciò può quindi avere un impatto negativo anche sulle esportazioni europee.

La risposta dell’Europa

Rispondendo a tali questioni, l’UE offre sostegno agli agricoltori che si trovano in difficoltà finanziarie. Ad esempio quest’estate, ha permesso agli stati membri di aumentare i pagamenti anticipati agli agricoltori colpiti dalla siccità. Questo aumento é stato destinato ai pagamenti diretti e ad alcuni pagamenti per lo sviluppo rurale per gli agricoltori, aumentando l’importo che poteva essere versato dalla metà di ottobre 2018 dal 50% al 70% dell’importo totale per i pagamenti diretti e dal 75% all’85% per lo sviluppo rurale pagamenti.

Aiutare i produttori a far fronte ai risultati del cambiamento climatico è comunque solo una parte della storia. Un altro aspetto chiave è la mitigazione – come aiutare gli agricoltori a contribuire agli sforzi complessivi per ridurre l’impatto dei cambiamenti climatici in primo luogo e come migliorare il loro potenziale di sequestro del carbonio. L’UE sta anche lavorando sodo su questo – aggiornando le sue politiche e assicurando che i fondi siano disponibili per contribuire a garantire l’uso sostenibile delle risorse naturali, limitare le emissioni e adottare pratiche di gestione del territorio che possano proteggere il suolo e la sua capacità di immagazzinare carbonio.

A livello europeo, la politica agricola comune si è evoluta nel tempo e oggi si concentra più che mai sull’ambiente e sul clima. I risultati sul campo sono chiari: dal 1990, ad esempio, c’è stata una riduzione del 23% delle emissioni agricole di gas serra non CO2, mentre il livello di agricoltura biologica dell’UE in tutta l’UE è aumentato del 5,5% ogni anno per gli ultimi dieci anni.

Per raggiungere questo obiettivo, l’UE ha cambiato il modo in cui la PAC opera per promuovere una maggiore sostenibilità nel settore agroalimentare. Ad esempio, secondo le cosiddette regole di condizionalità, gli agricoltori ricevono il sostegno finanziario dalla PAC solo se soddisfano requisiti e obblighi ambientali specifici. I pagamenti diretti agli agricoltori possono anche essere completati con somme aggiuntive in cambio delle cosiddette misure di “inverdimento”, come la diversificazione delle colture, la protezione delle praterie o la creazione di “aree di interesse ecologico” in cui il terreno non è coltivato tra le loro colture. Benché un’aggiunta relativamente recente alle norme della PAC, queste misure di inverdimento hanno già dimostrato i loro benefici ambientali per la biodiversità, la qualità dell’acqua e del suolo, il sequestro del carbonio e i paesaggi – e tale ulteriore miglioramento degli aspetti ambientali dell’agricoltura dovrebbe continuare a essere una priorità per la politica agricola dell’UE in futuro.

Anche i programmi di sviluppo rurale svolgono un ruolo importante nella lotta contro i cambiamenti climatici. Questi sono redatti a livello di Stati membri o regioni e devono affrontare obiettivi, tradotti in priorità come il ripristino, la conservazione e il miglioramento degli ecosistemi connessi all’agricoltura e alla silvicoltura o la promozione dell’efficienza delle risorse e il sostegno a un’economia a basse emissioni di carbonio e resiliente ai cambiamenti climatici nei settori agricolo, alimentare e forestale.

Innovazione, alleata strategica contro i cambiamenti climatici

L’innovazione e la conoscenza possono anche contribuire in larga misura a un settore agricolo più sostenibile.

Dai robot ai satelliti, la tecnologia e l’innovazione stanno lentamente cambiando l’agricoltura. Una grande quantità di informazioni è ora accessibile a un’ampia fetta di popolazione, consentendo agli agricoltori una maggiore precisione nelle loro attività quotidiane, ma anche contribuendo a migliorare la qualità delle previsioni meteorologiche, il monitoraggio delle colture e la previsione dei raccolti. Questa combinazione consente risposte locali come un uso più responsabile delle risorse, ma anche a livello europeo, per informare il processo decisionale e la definizione delle politiche.

Attraverso il suo programma Horizon 2020, l’UE sta anche investendo in modo significativo in ricerca e innovazione. Nel suo ultimo programma di lavoro, lanciato il 27 ottobre 2017, 1 miliardo di euro è dedicato alla conoscenza e all’innovazione in agricoltura, cibo e sviluppo rurale, principalmente nell’ambito dei temi della sicurezza alimentare sostenibile, del rinascimento rurale e, in misura minore, delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione.

Cambiamenti climatici, un problema globale

È fondamentale che l’UE adempia i suoi impegni nella lotta contro il cambiamento climatico, con l’agricoltura al centro di essa. Gli impegni dell’UE derivano principalmente dagli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite e dall’Accordo di Parigi, adottato nel 2015 dopo i negoziati sul clima COP21 svoltisi a Parigi nel novembre 2015 e mirano a mantenere l’aumento della temperatura globale ben al di sotto dei 2° C. La COP24 a Katowice tra il 2 e il 14 dicembre 2018 continuerà a lavorare per l’attuazione dell’Accordo di Parigi con le 197 parti coinvolte. La COP24 segna anche l’inizio del lavoro comune sull’agricoltura di Koronivia (KJWA) concordato alla COP23. Lo scopo del KJWA è aiutare gli agricoltori di tutti i paesi a implementare l’azione per il clima sul terreno. Il primo seminario del KJWA si svolgerà a Katowice durante la COP24.

L’Europa ha un settore agroalimentare ricco e diversificato, che dovrebbe essere protetto. Questo è il motivo per cui la Commissione europea vuole fare un ulteriore passo avanti e porre la sostenibilità al centro delle sue priorità. A giugno 2018, la Commissione ha adottato le proposte legislative per la futura PAC, che mira a incoraggiare l’assistenza ambientale e l’azione per il clima e a contribuire agli obiettivi ambientali e climatici dell’UE.

Questa proposta include:

  • Un nuovo sistema di condizionalità che colleghi il sostegno al reddito degli agricoltori all’applicazione di pratiche agricole rispettose dell’ambiente e del clima.
  • Eco-schemi, che sosterranno e incentiveranno ad andare oltre i requisiti obbligatori sul clima.
  • Il bilancio per lo sviluppo rurale dove almeno il 30% della spesa dovrebbe essere destinato all’ambiente e al clima.

In linea con gli impegni previsti dall’accordo di Parigi e dagli obiettivi di sviluppo sostenibile, la PAC aumenterà le sue ambizioni generali, con il 40% del bilancio complessivo che si prevede contribuirà all’azione per il clima. Con l’obbligo di “non retrocedere”, gli stati membri dovranno dimostrare un maggiore contributo al raggiungimento degli specifici obiettivi ambientali e climatici.

Questi ambiziosi obiettivi saranno raggiunti attraverso un nuovo sistema di consegna, garantendo una maggiore flessibilità per gli Stati membri e gli agricoltori e garantendo una maggiore efficacia. Permette di indirizzare e progettare meglio gli obiettivi climatici in linea con le esigenze locali.

 

Fonte: Commissione Europea

Print Friendly, PDF & Email
Di |2018-12-05T12:24:44+00:005 Dicembre 2018|Categorie: domus casei|Tags: , , , , , |

About the Author:

Ruminantia - Lo spazio in rete dell'Allevatore. I migliori professionisti del settore a supporto dell'allevatore italiano, con informazioni aggiornate e articoli scientifici.

Scrivi un commento