100 anni di Danone: l’azienda apre l’accesso alla collezione storica di 1800 ceppi, tra cui 193 tra fermenti lattici e bifidobatteri

//100 anni di Danone: l’azienda apre l’accesso alla collezione storica di 1800 ceppi, tra cui 193 tra fermenti lattici e bifidobatteri

100 anni di Danone: l’azienda apre l’accesso alla collezione storica di 1800 ceppi, tra cui 193 tra fermenti lattici e bifidobatteri

Raggiunti i 100 anni dalla creazione del suo primo yogurt, Danone apre l’accesso alla sua collezione storica di 1800 ceppi

Questa iniziativa, finalizzata a promuovere la cooperazione nella ricerca su cibo, salute e sostenibilità è stata accolta con favore dall’Institut Pasteur

Celebrando 100 anni dalla creazione del suo primo yogurt, Danone ha annunciato l’8 maggio che aprirà la sua collezione di 1.800 ceppi per scopi di ricerca. Ciò include la concessione dell’accesso alla sua attuale collezione di 193 ceppi di fermenti lattici e bifidobatteri depositati presso la National Collection of Cultures of Microorganisms, presso il Centro di risorse biologiche dell’Institut Pasteur (CRBIP). Danone aprirà anche la sua collezione di oltre 1.600 varietà nel suo centro di ricerca e innovazione a Parigi-Saclay a ricercatori di tutto il mondo, con l’obiettivo di condividere l’eredità di Danone a vantaggio di tutti.

L’annuncio promuove l’impegno di Danone nel promuovere la scienza aperta, un movimento aperto verso la ricerca scientifica, la condivisione e lo sviluppo della conoscenza attraverso reti di collaborazione. Contribuisce anche alla realizzazione degli Obiettivi 2030 di Danone e, cosa più importante, l’obiettivo della società di supportare la rivoluzione alimentare con i partner.

Costruire sull’eredità di Isaac Carasso per approfondire la ricerca sul ruolo dei fermenti nell’intestino e nella salute generale 

L’annuncio è stato ben accolto dall’Institut Pasteur, il centro di ricerca biomedica di fama internazionale creato da Louis Pasteur nel 1887, oggi un centro di ricerca leader a livello globale con una rete di 32 istituti in tutto il mondo.

Il primo yogurt Danone fu prodotto a Barcellona nel 1919 da Isaac Carasso, che si ispirò alla ricerca dell’immunologo Elie Metchnikoff all’Institut Pasteur nel ruolo dei fermenti nell’intestino e nella salute generale. Di fronte alla scarsa salute intestinale che colpisce i bambini di Barcellona, Isaac è stato spinto all’azione e ha iniziato a vendere i suoi primi yogurt fermentati con fermenti lattici nelle farmacie di Barcellona. Nel corso degli anni, attraverso la ricerca e l’innovazione e la collaborazione con ricercatori internazionali, Danone ha costruito una collezione di fermenti di alta diversità genetica.

Fermenti lattici e bifidobatteri – speciali batteri che possono, ad esempio, essere utilizzati per produrre yogurt e latte fermentato – possono avere una gamma di usi aggiuntivi, sia per applicazioni alimentari che non, molti dei quali, ad oggi, non sono stati completamente esplorati o utilizzati. Essi potrebbero potenzialmente contribuire ad affrontare una serie di sfide sanitarie, sociali e ambientali, tra cui:

  • aumentare la diversità dei prodotti alimentari naturali fermentati e sviluppare prodotti lattiero-caseari a valore aggiunto per garantire un maggiore flusso di reddito per gli agricoltori;
  • ridurre le perdite colturali ed alimentari prevenendo la crescita di funghi, batteri e virus sulle colture, nonché sui prodotti alimentari raccolti e stoccati;
  • proteggere e rigenerare i suoli;
  • mitigare le emissioni in metano da parte dei bovini;
  • ridurre l’uso di antibiotici e la diffusione della resistenza agli antibiotici, sia negli animali che nell’uomo;
  • sviluppare metodi più semplici per somministrare farmaci o vaccini agli esseri umani.

Promuovere la scienza aperta come parte degli obiettivi 2030 di Danone per creare valore sostenibile per tutti

Parlando ad un evento di due giorni che celebra i 100 anni di Danone con partner e leader di pensiero nel settore alimentare, della salute e della sostenibilità, il Presidente e CEO di Danone, Emmanuel Faber, ha dichiarato: “Come parte del nostro impegno per soddisfare le esigenze delle persone, abbiamo investito continuamente il secolo scorso per costruire l’esperienza di Danone in fermenti, fermentazione e salute attraverso il cibo. In un momento in cui il nostro sistema alimentare e la società affrontano una serie di sfide senza precedenti, siamo orgogliosi di aprire la nostra esclusiva collezione di ceppi ai ricercatori del mondo per aiutarci a progredire verso un mondo più sano e più sostenibile“.

Questa iniziativa fa parte degli sforzi più ampi di Danone per promuovere la scienza aperta. La Danone Nutricia Research ha recentemente unito le forze con il California San Diego Center for Microbiome Innovation (CMI) per far progredire la comprensione della connessione tra la dieta e l’intestino umano attraverso l’iniziativa “The Human Diets & Microbiome Initiative“. Attraverso collaborazioni scientifiche e collaborazioni più ampie per incoraggiare la scienza aperta e l’innovazione, Danone progredisce nel suo viaggio verso i suoi 2030 obiettivi, e più specificatamente supportando la rivoluzione alimentare con i partner. Queste iniziative si collegano anche con l’ambizione di Danone di diventare un B CorpTM globale, usando le attività commerciali per creare valore sostenibile per tutti.

 

Fonte: Danone

Print Friendly, PDF & Email

About the Author:

Ruminantia - Lo spazio in rete dell'Allevatore. I migliori professionisti del settore a supporto dell'allevatore italiano, con informazioni aggiornate e articoli scientifici.

Scrivi un commento