Il 15 gennaio scorso, gli Stati Uniti e la Cina hanno raggiunto un accordo storico ed esecutivo su un accordo commerciale Fase Uno che richiede riforme strutturali e altri cambiamenti al regime economico e commerciale della Cina in materia di proprietà intellettuale, trasferimento tecnologico, agricoltura, servizi finanziari, valuta e scambio. L’accordo Fase Uno prevede anche l’impegno della Cina a effettuare ulteriori acquisti sostanziali di beni e servizi statunitensi nei prossimi anni. È importante sottolineare che l’accordo stabilisce un solido sistema di risoluzione delle controversie che garantisce un’implementazione e un’applicazione rapide ed efficaci. Gli Stati Uniti hanno concordato di modificare le azioni tariffarie della Sezione 301 in modo significativo.

Di seguito sono fornite informazioni su capitoli specifici dell’accordo di Fase Uno:

  • Agricoltura: il capitolo Agricoltura affronta le barriere strutturali agli scambi e sosterrà un’importante espansione delle esportazioni statunitensi di prodotti alimentari, agricoli e ittici, aumentando il reddito agricolo e della pesca americano, generando più attività economiche agricole e promuovendo la crescita dell’occupazione. Vengono affrontati numerosi ostacoli non tariffari all’agricoltura e ai prodotti ittici statunitensi, tra cui carne, pollame, frutti di mare, riso, prodotti lattiero-caseari, alimenti per lattanti, prodotti orticoli, alimenti zootecnici e additivi per mangimi, alimenti per animali domestici e prodotti della biotecnologia agricola.
  • Proprietà intellettuale: il capitolo Proprietà intellettuale (PI) affronta numerose preoccupazioni di vecchia data in materia di segreti commerciali, proprietà intellettuale correlata al settore farmaceutico, indicazioni geografiche, marchi e applicazione contro i beni piratati e contraffatti.
  • Trasferimento tecnologico: il capitolo Trasferimento tecnologico stabilisce obblighi vincolanti e applicabili per affrontare alcune delle pratiche sleali di trasferimento tecnologico della Cina che sono state identificate nelle indagini della Sezione 301 di USTR. Per la prima volta in qualsiasi accordo commerciale, la Cina ha accettato di porre fine alla sua pratica di lunga data di costringere o esercitare pressioni su società straniere per trasferire la loro tecnologia a società cinesi come condizione per ottenere l’accesso al mercato, approvazioni amministrative o ricevere vantaggi dal governo. La Cina si impegna inoltre a garantire trasparenza, equità e giusto processo nei procedimenti amministrativi e a far sì che il trasferimento di tecnologia e le licenze avvengano a condizioni di mercato. Separatamente, la Cina si impegna inoltre ad astenersi dal dirigere o sostenere investimenti in uscita finalizzati all’acquisizione di tecnologia straniera in base a piani industriali che creano distorsioni.
  • Servizi finanziari: il capitolo Servizi finanziari affronta una serie di ostacoli commerciali e di investimento di lunga data ai fornitori statunitensi di una vasta gamma di servizi finanziari, tra cui servizi bancari, assicurativi, titoli e di rating del credito, tra gli altri. Queste barriere includono limiti di capitale straniero e requisiti regolamentari discriminatori. La rimozione di questi ostacoli dovrebbe consentire ai fornitori di servizi finanziari statunitensi di competere su un piano di parità e di espandere le loro offerte di esportazione di servizi nel mercato cinese.
  • Valuta: il capitolo sulle Politiche Macroeconomiche e le questioni relative ai tassi di cambio comprende gli impegni politici e di trasparenza relativi alle questioni valutarie. Il capitolo affronta le pratiche valutarie sleali richiedendo impegni di alto livello per astenersi da svalutazioni competitive e obiettivi dei tassi di cambio, promuovendo al contempo la trasparenza e fornendo meccanismi per la responsabilità e l’applicazione. Questo approccio contribuirà a rafforzare la stabilità macroeconomica e dei tassi di cambio e garantirà che la Cina non possa utilizzare le pratiche valutarie per competere ingiustamente contro gli esportatori statunitensi.
  • Commercio in espansione: il capitolo Commercio in espansione include impegni dalla Cina per l’importazione di vari beni e servizi statunitensi nei prossimi due anni in un importo totale che supera il livello annuale delle importazioni cinesi per tali beni e servizi nel 2017 di non meno di 200 miliardi di dollari. Gli impegni della Cina riguardano una varietà di manufatti statunitensi, prodotti alimentari, prodotti agricoli e ittici, prodotti energetici e servizi. Le maggiori importazioni cinesi di beni e servizi statunitensi dovrebbero continuare su questa stessa traiettoria per diversi anni dopo il 2021 e dovrebbero contribuire in modo significativo al riequilibrio delle relazioni commerciali USA-Cina.
  • Risoluzione delle controversie: il capitolo Risoluzione delle controversie stabilisce una base per garantire l’efficace attuazione dell’accordo e per consentire alle parti di risolvere le controversie in modo equo e rapido. Questo accordo crea regolari consultazioni bilaterali sia a livello principale che a livello lavorativo. Stabilisce inoltre solide procedure per affrontare le controversie relative all’accordo e consente a ciascuna parte di intraprendere azioni di risposta proporzionate che ritiene appropriate.

Fonte: USDA

Il settore lattiero-caseario statunitense accoglie i principali risultati raggiunti nell’accordo con la Cina, ma il lavoro non è completo finché non saranno estinte tutte le tariffe imposte al lattiero-caseario

La firma dell’accordo commerciale Fase Uno con la Cina compie importanti progressi su questioni non chiare che danneggiano il commercio lattiero-caseario negli Stati Uniti. Mentre le promesse di ulteriori acquisti cinesi di prodotti agricoli statunitensi nei prossimi due anni sono incoraggianti, i benefici per l’industria lattiero-casearia rimangono poco chiari. Dato che le tariffe di ritorsione della Cina rimangono un ostacolo significativo alle vendite di prodotti lattiero-caseari statunitensi in Cina, il Consiglio delle esportazioni di prodotti lattiero-caseari degli Stati Uniti (U.S. Dairy Export Council, USDEC) e la Federazione nazionale dei produttori di latte (National Milk Producers Federation, NMPF) sottolineano che il lavoro con la Cina non sarà completo fino a quando le tariffe di ritorsione contro tutte le esportazioni di prodotti lattiero-caseari statunitensi non saranno completamente estinte.

L’annuncio di un accordo che fa progressi sulle restrizioni normative e su altri ostacoli non chiari che ostacolano il commercio di prodotti lattiero-caseari è un passo avanti positivo. Questi sono importanti risultati per i quali l’USDEC ha sollecitato la Cina nel corso degli ultimi anni”, ha affermato Tom Vilsack, presidente e CEO di USDEC. “Dobbiamo continuare a lavorare con il nostro governo, il governo cinese e i nostri clienti per completare il lavoro alzando le restanti tariffe di ritorsione cinesi contro le nostre esportazioni“.

I produttori di latte americani sono stati danneggiati in modo sproporzionato dalle tariffe di ritorsione della Cina e non possiamo chiedere ai nostri agricoltori di continuare a operare in questa incertezza finanziaria“, ha affermato Randy Mooney, produttore di latte di Rogersville, MO e presidente di NMPF, che si è unito al presidente Trump e ai funzionari dell’amministrazione mercoledì alla cerimonia della firma della Casa Bianca. “Apprezziamo il duro lavoro investito sia dal governo degli Stati Uniti che da quello cinese, ma esortiamo la Cina a sollevare rapidamente tutte le tariffe di ritorsione contro i prodotti lattiero-caseari statunitensi e collaborare con i fornitori statunitensi per adempiere al loro impegno di acquisto“.

La Cina rimane un prezioso mercato di esportazione per i prodotti lattiero-caseari statunitensi, nonostante le tariffe di ritorsione. Nel periodo di 12 mesi compreso tra dicembre 2018 e novembre 2019, le esportazioni di prodotti lattiero-caseari statunitensi in Cina hanno totalizzato vendite per 377 milioni di dollari. Tuttavia, le tariffe di ritorsione sui prodotti lattiero-caseari statunitensi hanno fortemente svantaggiato l’industria statunitense rispetto ai suoi concorrenti e hanno contribuito al calo del 47% delle esportazioni statunitensi in Cina nello stesso periodo, danneggiando agricoltori, produttori ed esportatori statunitensi.

Fonte: The National Milk Producers Federation

NCBA: Accordo commerciale con la Cina un “punto di svolta” per i produttori di carne bovina americani

La National Cattlemen’s Beef Association oggi ha applaudito alla firma dell’accordo commerciale Fase Uno con la Cina, affermando che questo accordo getterà le basi affinché la carne prodotta negli Stati Uniti sia altamente competitiva nel mercato più popoloso del mondo.

L’accordo Fase Uno con la Cina sarà un punto di svolta per l’industria americana della carne bovina“, ha dichiarato il presidente dell’NCBA Jennifer Houston, che si è unito al presidente Trump alla Casa Bianca per l’evento di oggi (15 gennaio, ndr). “Per molti anni ai consumatori cinesi è stato negato l’accesso a manzo americano di alta qualità: lo stesso manzo americano con il quale nutriamo per le nostre famiglie. Le barriere commerciali non scientifiche come il divieto di tecnologie di produzione, i requisiti estesi di tracciabilità e la restrizione della BSE di 30 mesi hanno notevolmente limitato la nostra capacità di attingere alla crescente domanda di carne bovina in Cina. La rimozione di queste enormi barriere commerciali offre ai consumatori cinesi l’accesso alla carne bovina americana che desiderano e offre ai produttori di carne l’opportunità di fornire carne bovina americana a una base di consumatori in crescita che rappresenta un quinto della popolazione mondiale e una classe media superiore all’intera popolazione americana.”

Quando la carne bovina di produzione americana è stata bandita dalla Cina per 14 anni, l’NCBA ha lavorato con il governo degli Stati Uniti per oltre un decennio per riaprire l’accesso al mercato di quasi 1,4 miliardi di consumatori. I produttori americani hanno ottenuto una vittoria iniziale nel giugno 2017, quando il mercato cinese è stato riaperto per la prima volta dal 2003. L’NCBA si è unito al segretario americano per l’agricoltura Sonny Perdue e all’ambasciatore americano presso la Cina Terry Branstad a Pechino per celebrare ed evidenziare la riapertura ufficiale del mercato cinese.

 

Fonte: National Cattlemen’s Beef Association

Print Friendly, PDF & Email