Airbus: la Federazione Nazionale Produttori di latte USA sostiene la proposta dell’USTR di nuovi dazi sui prodotti lattiero-caseari UE

//Airbus: la Federazione Nazionale Produttori di latte USA sostiene la proposta dell’USTR di nuovi dazi sui prodotti lattiero-caseari UE

Airbus: la Federazione Nazionale Produttori di latte USA sostiene la proposta dell’USTR di nuovi dazi sui prodotti lattiero-caseari UE

La National Milk Producers Federation risponde alla consultazione pubblica tenuta ieri dall’USTR sulle contromisure proposte in risposta ai sussidi UE ad Airbus

L’Organizzazione Mondiale del Commercio ha recentemente stabilito che i sussidi europei per gli aerei civili Airbus erano contrari alle regole del commercio internazionale e ha permesso agli Stati Uniti di imporre dazi sui prodotti dell’UE fino a quando l’Europa non sarà conforme. L’ammontare delle contromisure che gli Stati Uniti sono autorizzati a imporre è attualmente oggetto di arbitrato presso l’OMC, il cui  responso è previsto per questa estate.

La comunicazione del Federal Register che include l’elenco proposto di prodotti UE per i quali possono essere applicati dazi aggiuntivi può essere visualizzata qui.

L’US Trade Representative’s Office dovrebbe applicare dazi sulle importazioni di prodotti lattiero-caseari dall’Europa in risposta agli 11 miliardi di dollari di danni causati agli USA dai sussidi EU ad Airbus” ha affermato il Presidente e CEO della National Milk Producers Federation, Jim Mulhern, ieri in una testimonianza davanti ad un panel dell’USTR.

Abbiamo un’opportunità unica per creare una grande ammaccatura nel divario di accesso al mercato lattiero-caseario che abbiamo in Europa. L’inclusione di formaggi, yogurt e burro dell’UE in questo elenco, come proposto dall’USTR, è del tutto giustificata, e vorremmo incoraggiarvi ad aggiungere ulteriori linee tariffarie relative al settore lattiero-caseario UE. Questo porterebbe maggiore attenzione alle disuguaglianze che attualmente definiscono le nostre relazioni commerciali nel settore lattiero-caseario“, ha affermato Mulhern.

Gli Stati Uniti hanno attualmente un deficit commerciale per i prodotti lattiero-caseari da 1,6 miliardi di dollari con l’Europa, causato, secondo Mulhern, da una rete complessa di tariffe e ostacoli non chiari.

In poche parole, siamo in gran parte bloccati dal mercato dell’UE nonostante siamo fornitori di latte affidabili e comprovati per il resto del mondo“, ha detto, additando l’uso europeo dei requisiti per l’uso delle Indicazioni Geografiche che riguardano prodotti comuni che portano nomi legati all’origine geografica come il parmigiano, la feta e il Munster. “L’Europa blocca le vendite di questi prodotti di uso quotidiano provenienti dagli Stati Uniti e sta facendo pressione in modo aggressivo su altri paesi affinchè facciano lo stesso“.

È essenziale che l’America porti un messaggio chiaro e potente oltre oceano”, ha detto Mulhern. “Le sovvenzioni e le barriere che ostacolano le imprese statunitensi nel mercato globale non saranno tollerate. E i giorni dei deficit commerciali indotti da pratiche commerciali sleali stanno volgendo al termine“.

Fonte: National Milk Producers Federation (NMPF)

Print Friendly, PDF & Email
Di |2019-05-16T15:01:10+02:0016 Maggio 2019|Categorie: News|Tags: , , , |

About the Author:

Ruminantia - Lo spazio in rete dell'Allevatore. I migliori professionisti del settore a supporto dell'allevatore italiano, con informazioni aggiornate e articoli scientifici.

Scrivi un commento