Al via una campagna per rendere riconoscibile il latte del Lazio

//Al via una campagna per rendere riconoscibile il latte del Lazio

Al via una campagna per rendere riconoscibile il latte del Lazio

Nell’incontro con le istituzioni l’impegno di tutta la filiera ovi-caprina per valorizzare il prodotto della nostra regione

Mentre in Sardegna è in corso l’agitazione dei pastori che rivendicano un prezzo più equo per il latte, Regione e Arsial incontrano a Roma i rappresentanti della filiera ovi-caprina del Lazio. Con Antonio Rosati, presidente di Arsial, l’assessore all’agricoltura della regione Enrica Onorati e il capo di Gabinetto della presidenza Albino Ruberti.

A margine di un confronto che ha visto un’ampia convergenza su obiettivi a breve, medio e lungo termine, il presidente di Arsial ha tenuto a sottolineare l’apprezzamento espresso dalle associazioni di produttori e trasformatori presenti al tavolo, per la tempestività e l’impegno dimostrati dalla Regione sulle tematiche di filiera.

“Abbiamo istituito una commissione paritetica – ha precisato Rosati – che ci consentirà di sviluppare al massimo il concetto di tracciabilità e qualità del prodotto, in modo che il consumatore possa distinguere il latte della regione Lazio. Questo porterà a un disciplinare con delle etichette che permetteranno di riconoscere il prodotto”.

Nel corso dell’incontro, sono emerse anche voci critiche riguardo alla gestione del Consorzio del pecorino romano “che però – sottolinea Rosati – vede una regia in Sardegna. Nella nostra regione il panorama è migliore, perché qui c’è già un sistema per cui ad alcuni pastori viene pagato il latte sulla base del principio della qualità e questo consente, ad alcune aziende che lavorano bene, di ricavare qualche centesimo in più. A oggi, la media del prezzo del latte nel Lazio è di circa 80-85 centesimi al litro”.

“Come Arsial – ha concluso il presidente dell’Agenzia – faremo iniziative di promozione per sostenere la qualità del latte della nostra regione, oltre ad un’adeguata comunicazione, per esempio nelle scuole con il progetto ‘Sapere i sapori’, per instaurare una grande alleanza tra i produttori e i consumatori basata sulla qualità del latte del Lazio”.

Fonte: Arsial

Print Friendly, PDF & Email
Di |2019-02-19T09:18:41+00:0019 Febbraio 2019|Categorie: News|Tags: , , |

About the Author:

Ruminantia - Lo spazio in rete dell'Allevatore. I migliori professionisti del settore a supporto dell'allevatore italiano, con informazioni aggiornate e articoli scientifici.

Scrivi un commento