Ruminantia Mese è lo speciale di Ruminantia dedicato ad articoli di approfondimento relativi all’allevamento dei ruminanti. Si tratta di una sorta di rivista nella rivista in cui, con una cadenza mensile, sono pubblicati articoli di carattere tecnico-scientifico scritti da esperti del settore. Gli articoli sono suddivisi in sei sezioni: editoriale, genetica, sanità, ambiente e management, nutrizione ed economia.

Con questa raccolta, andremo a scoprire quali sono stati gli argomenti trattati nella sezione ambiente e management nel corso del 2020.

Luci e ombre della preparazione al parto – Dicembre 2020

La fase di asciutta delle bovine da latte, e più in generale dei ruminanti da latte, si divide in tre fondamentali momenti: la messa in asciutta, la fase centrale e la preparazione al parto. Non sempre negli allevamenti queste tre fasi fisiologiche coincidono con raggruppamenti fisici e cambi di razione. Errori nella gestione e nella nutrizione possono avere un impatto negativo su salute, fertilità e produttività di questi animali nella successiva lattazione… Clicca qui per continuare a leggere l’articolo!

Quid pluris: la certificazione non è un mucchio di carta – Novembre 2020

Quando un operatore sceglie di certificare fa volontariamente un passo avanti rispetto al modus operandi adottato fino a quel momento ed intraprende una strada che non è semplicemente forma, ma soprattutto sostanza. Certificare un servizio, un processo, un sistema o un prodotto è per l’imprenditore un investimento importante sia in termini economici che di impegno continuativo nel tempo. Il punto di partenza dovrà essere perciò in grado di sostenere l’allineamento ad uno standard o norma, ma dovrà anche produrre un ritorno economico in grado di giustificare l’investimento… Clicca qui per continuare a leggere l’articolo!

Chianina, antica razza bovina del futuro – Ottobre 2020

Nell’attuale mercato della carne, che segue come tutti le fluttuazioni registrate settimanalmente, c’è un soggetto anomalo, che sembra vivere una dinamica propria: sto parlando della Chianina, che continua a vedere stabile, se non in aumento, il prezzo pagato alla stalla. Dalla crisi economica del 2008 in poi, i consumi di alimenti d’origine animale si sono ridotti. Abbiamo anche visto l’aumentare del numero di persone che hanno scelto di seguire una dieta vegetariana o vegana. Se pensiamo alle scelte commerciali del consumatore italiano, noteremo che negli ultimi anni ha dimostrato di essere sempre più orientato verso prodotti che rispettino i principi del benessere animale… Clicca qui per continuare a leggere l’articolo!

Quali e che quantità di micotossine fanno realmente male agli animali? – Settembre 2020

Il ruolo negativo delle micotossine sulla salute dei ruminanti è tuttora controverso e questo porta inevitabilmente o a sottovalutarne o sopravvalutarne l’importanza. Gli allevamenti di bovine da latte, soprattutto a fine estate ed inizio autunno, hanno spesso problemi di produzione di latte, di fertilità e zoppie e questo momento “frustrante” spesso coincide anche con l’inserimento in razione dei fieni, degli insilati e dei concentrati “nuovi”. Anche durante l’anno ci possono essere comunque momenti negativi difficili da spiegare… Clicca qui per continuare a leggere l’articolo!

Valutazione del ritorno economico di un sistema di allarme parto in un’azienda di bovine da latte – Agosto 2020

Lo scopo dello studio è stato di valutare l’effetto dell’introduzione di un sistema di allarme a distanza di parto imminente e di assistenza ostetrica e neonatale sistematiche sulla performance economica di un’azienda di bovine da latte. Sono stati valutati complessivamente 680 parti in un periodo di 7 anni. L’età al primo parto è stata limitata da 23 a 27 mesi per le primipare. Per ogni gruppo di bovine prossime al parto in un intervallo di 15 giorni, una primipara e una multipara sono state selezionate casualmente… Clicca qui per continuare a leggere l’articolo!

Biocidi, prodotti strategici per misure di biosicurezza ad hoc lungo la catena agroalimentare – Luglio 2020

Per il mondo zootecnico e veterinario, il concetto di biosicurezza è chiaramente definito all’interno della normativa in materia di sanità animale [Reg. (UE) n. 2016/429] come “l’insieme delle misure gestionali e fisiche volte a ridurre il rischio di introduzione, sviluppo e diffusione delle malattie a, da o in: a) una popolazione animale, o b) uno stabilimento, una zona, un compartimento, un mezzo di trasporto o qualsiasi altro sito, struttura o locale”. La biosicurezza è uno dei principali strumenti di prevenzione a disposizione degli operatori che lavorano con gli animali… Clicca qui per continuare a leggere l’articolo!

I tre pilastri per una buona fecondazione artificiale – Giugno 2020

Per ottenere soddisfacenti risultati nella pratica dell’inseminazione strumentale è necessario conoscere, e ricordare sempre, quelli che sono i fattori che distinguono una buona prassi da una scorretta. Il buon esito dell’operazione dipende da un insieme di elementi che possono essere riassunti in 3 aspetti fondamentali:

  • Rispetto delle norme igienico-sanitarie.
  • Contrastare la perdita di fertilità del seme.
  • Evitare stress alla bovina.

Analizzeremo questi 3 elementi cercando di spiegare, in maniera semplice, perché sia importante focalizzare l’attenzione su di essi… Clicca qui per continuare a leggere l’articolo!

Un report per monitorare lo stress da caldo dell’allevamento calcolato con i dati dei controlli funzionali di AIA – Maggio 2020

Il tema dello stress da caldo delle bovine da latte è sempre più presente negli studi scientifici di zootecnia e veterinaria, così come nelle consulenze aziendali. Infatti, gli allevatori sono sempre più consapevoli che la gestione del clima nelle loro stalle è uno dei fattori principali per mantenere buone produzioni e buona fertilità. Il clima in Italia ha decisamente subito un peggioramento dal punto di vista del caldo e le bovine sono sicuramente influenzate da tale cambiamento. Il Sistema Allevatori ha intrapreso una serie di studi… Clicca qui per continuare a leggere l’articolo!

Selezione per la resistenza genetica alla Maedi Visna negli ovini: opportunità e problematiche – Aprile 2020

La Maedi Visna (MV) è una patologia ovina cronica con manifestazioni cliniche molto variabili, causata da un virus appartenente al genere Lentivirus che comprende anche il virus dell’Artrite Encefalite Caprina (CAEV). I virus responsabili di MV e CAEV appartengono al gruppo Small Ruminants Lentivirus (SRLV). In passato, si ritenevano somiglianti e specifici dell’ospite mentre in realtà si tratta di virus adattati all’ospite. In effetti, vengono identificati ceppi MV-like nelle capre e ceppi CAEV-like nelle pecore… Clicca qui per continuare a leggere l’articolo!

Il pastore  – Marzo 2020

Lo scopo di questo articolo non è un inno ad una figura, quella del pastore, che sta scomparendo (se non lo è già del tutto) quanto più una sua rivalutazione in campo professionale, alla pari di qualsiasi altra figura in ambito zootecnico. La figura del pastore ha radici antichissime, con riferimenti anche religiosi: basti pensare ai numerosi richiami biblici e al riferimento alle anime come pecore, che vengono guidate da una guida spirituale, un pastore per l’appunto. Quello del pastore è un mestiere, alla pari di un falegname o di un qualsiasi artigiano, ma che prevede delle impostazioni caratteriali uniche nel suo genere… Clicca qui per continuare a leggere l’articolo!

Fattori trainanti i cambiamenti del settore del latte Italiano verso maggiori attributi etici  – Febbraio 2020

Il moderno settore lattiero-caseario è sotto pressione da diversi punti di vista e la mancanza di una regolamentazione specie-specifica per la protezione delle bovine da latte suscita ulteriori preoccupazioni rendendo difficoltosa l’attuazione di profondi cambiamenti nel sistema di produzione che siano sostenibili e scientificamente robusti. Insieme ad alcune problematiche di vecchia data, che non sono state completamente superate come la bassa longevità o la cura dei vitelli maschi… Clicca qui per continuare a leggere l’articolo!

Ovini di razza Lacaune: una presentazione delle caratteristiche di selezione, morfologiche, produttive e di management – Gennaio 2020

La Lacaune è una razza ovina francese (potremmo dire a duplice attitudine) originaria delle colline di Lacaune, nel sud-est della Francia, zona caratterizzata da clima mediterraneo con influenze atlantiche. Viene allevata in distretti che vanno dai 300 ai 1000 s.l.m. e il latte è utilizzato per la produzione di formaggi tipici come il Roquefort, formaggio erborinato suddiviso, a seconda delle tecniche di produzione, in Feta, Brousse e Perail. La produzione del latte viene considerata il perno su cui ruota l’economia dell’intera regione… Clicca qui per continuare a leggere l’articolo!

 

Clicca qui se invece vuoi esplorare la libreria con tutti i numeri di Ruminantia Mese.

Print Friendly, PDF & Email