Approcci per controllare l’endometrite postpartum nelle bovine da latte

/, Ruminantia mensile, Sanità/Approcci per controllare l’endometrite postpartum nelle bovine da latte

Approcci per controllare l’endometrite postpartum nelle bovine da latte

Le infezioni uterine sono una delle principali cause di perdite economiche per il settore delle bovine da latte. L’incidenza delle infezioni uterine è influenzata, tra i vari fattori, dal periodo pre-parto, dal parto e dalla gestione postpartum, da parto anomalo, dall’igiene generale della mandria, dallo stato nutrizionale della vacca e da altri fattori di stress ambientale. Questa presentazione fornisce alcuni approcci preventivi, diagnostici e terapeutici al processo multifattoriale delle infezioni uterine.

Parole chiave: ritenzione della placenta, metrite postpartum, body condition score, gravidanza gemellare

Background

Le infezioni dell’utero sono una delle principali cause di perdite economiche sia a breve che a lungo termine per il settore delle bovine da latte. Perdite a breve termine, spesso associate a una malattia sistemica, si verificano principalmente durante le prime 1-3 settimane dopo il parto. Le perdite a lungo termine sono legate alla diminuzione della produttività e dell’efficienza riproduttiva. Gestione del periodo pre-parto, parto e postpartum, igiene generale della mandria, stato nutrizionale della vacca e altri fattori di stress ambientale come le condizioni di stress da caldo influenzano, insieme ad altri fattori, l’incidenza di infezioni uterine. Il processo di infezione uterina è quindi multifattoriale, avendo come principali condizioni cliniche post-parto ritenzione della placenta, metrite postpartum ed endometrite. Nell’articolo vengono discussi alcuni approcci preventivi, diagnostici e terapeutici alla malattia uterina postparto. Il nostro gruppo ha derivato principalmente questi approcci dal lavoro svolto su quattro allevamenti di vacche da latte Holstein-Fries ad alto rendimento, con un totale di circa 6500 vacche in lattazione nella Spagna nord-orientale.

Diagnosi

La ritenzione della placenta si verifica quando l’espulsione delle membrane fetali non viene completata 12 ore dopo il parto. La metrite postpartum viene registrata nelle vacche con una secrezione uterina fetida acquosa di colore rosso-marrone entro 21 giorni dopo il parto (Sheldon et al., 2006), con il periodo migliore per la diagnosi 5-12 giorni dopo il parto (dati personali non pubblicati). L’endometrite clinica è caratterizzata dalla presenza di perdite uterine purulente (> 50% di pus) rilevabili nella vagina 21 giorni o più dopo il parto (Sheldon et al., 2006).

Prevenzione

L’asciugatura dal giorno 212 al 219 della gestazione è ampiamente accettata. Tuttavia, nel tentativo di ridurre l’incidenza dei disturbi postparto dell’utero, il periodo di asciugatura dovrebbe essere modificato. Variazioni del Body Condition score (BCS) durante il periodo pre-parto (López-Gatius et al., 2003; Bedere et al., 2028) e gravidanze gemellari (López-Gatius et al., 2017; López-Gatius e Hunter, 2017) possono compromettere drammaticamente  le prestazioni riproduttive postpartum. Pertanto, l’asciugatura di vacche con una BCS ≤ 3 e vacche in gravidanza gemellare deve essere anticipata di 5-12 giorni, mentre dovrebbe essere ritardata di 7-14 giorni nelle vacche con una BCS ≥ 3.8.

Trattamento e controllo

In vacche che soffrono di ritenzione della placenta o metrite post-operatoria diagnosticate 5-12 giorni dopo il parto, l’ossi-tetraciclina (fino a 2 g) tramite boli o infusione deve essere somministrata ogni giorno fino alla risoluzione (assenza di liquidi uterini torbidi). Tre trattamenti consecutivi con PGF2α nei giorni 33-39, 47-53 e 61-67 completano il trattamento precedente. L’inseminazione può essere eseguita durante l’estro dopo l’ultimo trattamento con prostaglandina o dopo un protocollo a base di progesterone di 5 giorni per l’inseminazione artificiale a tempo determinato iniziato nei giorni 68-74 (Figura 1).

In tutte le vacche, la temperatura rettale dovrebbe essere misurata almeno tre volte alla settimana dal giorno 2 al 14 dopo il parto. Le vacche con una temperatura ≥ 39ºC dovrebbero essere trattate, indipendentemente dal trattamento intrauterino in vacche che soffrono di ritenzione della placenta o metrite puerperale, con flunixin meglumina (febbre un giorno) più cefquinome durante 3-5 giorni se la febbre si presenta per due o più giorni.

Nelle vacche senza precedenti ritenzione di placenta o metrite puerperale, la presenza di contenuto uterino purulento (> 50% di pus) è stata spesso osservata con ultrasuoni tra i 12-19 giorni, con secrezione non fetida. Il trattamento durante questo periodo, le prostaglandine, i boli uterini contenenti ossi-tetraciclina, le infusioni intrauterine, gli antibiotici intra-parenterali o la combinazione di questi trattamenti non hanno avuto alcun effetto (dati non pubblicati). Infatti, i fluidi uterini sono spariti dopo 19 giorni dopo il parto nella maggior parte di questi animali senza trattamento.

Nella nostra area geografica, con lunghi periodi in condizioni di stress da caldo, due trattamenti consecutivi con PGF2α nei giorni 33-39 e 47-53 sono spesso applicati in vacche pluripare. L’inseminazione può essere eseguita durante l’estro seguendo il secondo trattamento con prostaglandina o seguendo il protocollo a base di progesterone di 5 giorni per l’inseminazione artificiale a tempo determinato riportato sopra nei giorni 68-74.

Nelle vacche che soffrono di lesioni genitali durante il parto, di solito viene applicato un trattamento locale.

Conclusione e prospettive generali

Nelle nostre condizioni di lavoro, l’incidenza di endometrite o piometra (definita come presenza di contenuto uterino purulento, nonché di un corpo luteo e una cervice chiusa) è risultata prossima allo 0% all’inizio del periodo di inseminazione (50 giorni o più postparto). Questo acquisisce particolare rilevanza nel ridurre il successivo tasso di perdita di gravidanza durante il primo periodo fetale (López-Gatius, 2012). Tuttavia, i benefici derivati ​​da diversi tipi di trattamenti, profilattici o meno, possono variare da mandria a mandria. Pertanto, la selezione del trattamento deve essere effettuata dopo un’attenta valutazione di ciascuna situazione. Le prestazioni riproduttive delle vacche trattate e non trattate che soffrono di disturbi uterini e dei loro partner sani dovrebbero essere sempre confrontate. L’utilizzo di antibiotici dovrebbe essere ridotto al minimo o non dovrebbe essere impiegato al posto di una buona gestione. Le prostaglandine luteolitiche funzionano bene nel trattamento dei disordini uterini dopo il giorno 21 dal parto e hanno il vantaggio di non richiedere il prelievo del latte, laddove la terapia antibiotica lo richiede.

Bibliografia

Bedere N, Cutullic E, Delaby L, Garcia-Launay F, Disenhaus C. Meta-analysis of the relationships between reproduction, milk yield and body condition score in dairy cows. Liv Sci 2018;210:73-84.

López-Gatius F. Factors of a noninfectious nature affecting fertility after artificial insemination in lactating dairy cows. A review. Theriogenology 2012; 77: 1029-1041.

López-Gatius F, Yániz J, Madriles-Helm D. Effects of body condition score and score change on the reproductive performance of dairy cows: a meta-analysis. Theriogenology, 2003;59:801-812.

López-Gatius F, Hunter RHF. From pre-ovulatory follicle palpation to the challenge of twin pregnancies: Clinical reflections following one million gynaecological examinations in dairy cows. Reprod Domest Anim 2017; 52(Suppl 4): 4-11.

López-Gatius F, Andreu-Vázquez C, Mur-Novales R, Cabrera VE, Hunter RHF. The dilemma of twin pregnancies in dairy cattle. A review of practical prospects. Liv Sci 2017; 197: 121-126.

Sheldon IM, Lewis GS, LeBlanc S, Gilbert RO. Defining postpartum uterine disease in cattle. Theriogenology 2006;65:1516-1530.

 

 

Figura 1. Protocollo a base di progesterone di 5 giorni per l’inseminazione artificiale a tempo determinato.

 

 

Autori: 

López-Gatiusa,b, B. Serrano-Péreza,c, I. Garcia-Ispiertoa,c,

aAgrotecnio Centre, University of Lleida, Lleida, Spain and  bTransfer in Bovine Reproduction SLu, Barbastro, Spain

cDepartment of Animal Science, University of Lleida, Lleida, Spain.

 

 

DOI 10.17432/RMT.2015-2502

 

Print Friendly, PDF & Email

About the Author:

Agrotecnio Centre, University of Lleida, Lleida, Spain e Transfer in Bovine Reproduction SLu, Barbastro, Spain. Email: lopezgatiusf@gmail.com

Scrivi un commento