Il 17 giugno 2021 è stato approvato in Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro delle Politiche Agricole Stefano Patuanelli, il decreto legge che istituisce un Fondo compensativo a favore delle Regioni e delle Provincie Autonome per il riequilibrio finanziario tra i territori regionali a seguito del riparto delle risorse relative al Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale per il biennio 2021 e 2022.

Con tale decreto vengono aggiunti circa 92 milioni di euro quale quota di cofinanziamento nazionale alle risorse FEASR già stabilite per le Regioni e le Provincie Autonome, pari complessivamente ad oltre 3 miliardi di euro.​ Vengono così superati i criteri storici, come sancito dalla Conferenza delle Regioni nel 2014 al termine del settennato.

Inoltre, il Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Stefano Patuanelli, ha approvato, con deliberazione motivata a norma dell’articolo 3, comma 3, del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, il riparto, su base regionale, del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR), relativo agli anni 2021 e 2022.

La proposa prevede: nel primo anno, il 90% dei criteri storici ed il 10% dei criteri oggettivi. Nel secondo anno, invece, il 70% di criteri storici ed il 30% di criteri oggettivi per il riparto. Quindi, la somma di 3.564.095.032 € sarà così ripartita:

  • 1.714.991.710 € per l’anno 2021
  • 1.849.103.322 € per l’anno 2022.

Di seguito le assegnazioni al Fondo ripartite tra le Regioni interessate al decreto legge:

 

“Nonostante l’opera di mediazione del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali che ha tentato in questi mesi di avvicinare posizioni molto lontane tra le Regioni, a seguito della mancata intesa in Conferenza delle Regioni era divenuto indispensabile adottare un nuovo riparto che superasse i cosiddetti criteri storici. Come peraltro sancito dalla stessa Conferenza nel 2014, al termine del settennato”. Modificando dunque i criteri, abbiamo ritenuto giusto istituire un Fondo ad hoc che potesse compensare eventuali squilibri. Al netto di alcune inutili e strumentali polemiche, ritengo che questa sia la migliore sintesi possibile in grado di sostenere ciascun territorio, non soltanto per i progetti di sviluppo rurale, ma anche per il rilancio post pandemia”. – il Ministro Stefano Patuanelli.

 

Fonte: Mipaaf – Governo Italiano, Presidenza del Consiglio dei Ministri – Stefano Patuanelli

Print Friendly, PDF & Email