Assemblea generale ANASB: obiettivi e risultati del nuovo corso dell’Associazione Nazionale Allevatori Specie Bufalina

//Assemblea generale ANASB: obiettivi e risultati del nuovo corso dell’Associazione Nazionale Allevatori Specie Bufalina

Assemblea generale ANASB: obiettivi e risultati del nuovo corso dell’Associazione Nazionale Allevatori Specie Bufalina

Nella prima Assemblea Generale dei Delegati degli allevatori associati A.N.A.S.B. dopo il varo del Dlgs n. 52 del maggio 2018 sulla riproduzione animale, tenutasi a Caserta, è stato fatto il punto sulle attività associative 2018-2019 e sollecitate proposte per potenziare il lavoro della struttura

Presso l’Enoteca della Camera di Commercio di Caserta, lo scorso giovedì 11 luglio, si è tenuta la prima Assemblea Generale dei Delegati degli Allevatori Bufalini, direttamente associati all’Associazione Nazionale Allevatori Specie Bufalina (A.N.A.S.B.). L’Assemblea si è aperta con l’intervento del presidente A.N.A.S.B. Nicola Palmieri, che ha brevemente riassunto gli obiettivi ed i risultati ottenuti dall’associazione nel corso del suo primo anno di mandato, esortando gli allevatori presenti a presentare proposte e indicazioni al fine di continuare a migliorare il lavoro della struttura. In particolare ha sottolineato la crescita di oltre il 20% del numero dei soci, conseguenza dei tanti incontri realizzati che hanno fatto registrare la partecipazione di quasi 1.000 allevatori. Infine ha evidenziato l’importanza e il valore del rapporto diretto tra A.N.A.S.B. e gli allevatori con la costante presenza degli Esperti di Razza nelle stalle per fornire assistenza ed effettuare le valutazioni morfologiche.

Da parte sua il vicepresidente Gabriele Di Vuolo ha ricordato i punti cardine della nuova gestione dell’associazione, improntati alla trasparenza, in quanto tutte le attività A.N.A.S.B. sono pubbliche e consultabili, all’uguaglianza, poiché ogni socio allevatore ha la stessa importanza, indipendentemente dalle dimensioni della propria realtà aziendale, ed infine all’ascolto, perché la mission associativa è lavorare per gli allevatori, che hanno tutti una voce importante ed il cui contributo è sempre preso in considerazione al fine di migliorare il servizio.

Di Vuolo ha poi illustrato brevemente i risultati ottenuti nel biennio 2018-2019, soffermandosi sul positivo aumento dei depositi DNA, delle aziende visitate e degli animali punteggiati, rivolgendo un particolare ringraziamento al lavoro degli Esperti di Razza impegnati negli allevamenti.

Le attività del 2018-2019 sono state esposte dal direttore A.N.A.S.B. Giacomo Bertolini, che ha posto l’accento sul rinnovato rapporto con gli allevatori (18 incontri in 18 mesi), sulla ripresa delle partecipazioni agli eventi e manifestazioni zootecniche (8 in 18 mesi), sul coinvolgimento dell’associazione in progetti di ricerca e congressi di settore, in collaborazione con Università e Centri di ricerca. Particolare importanza, poi, è stata data alla formazione, con la più che positiva realizzazione del corso Esperti di Razza BMI (Bufala Mediterranea Italiana), con 60 partecipanti e la selezione dei più meritevoli per affiancare le attività di A.N.A.S.B.. Si sono intensificati gli incontri Istituzionali con i più importanti interlocutori del settore (A.I.A., Regione Campania, Mipaaft, Senato della Repubblica) e realizzate riunioni di organi e gruppi di lavoro, con focus sulla realizzazione del nuovo indice IBMI e del prossimo aggiornamento delle valutazioni morfologiche. Al termine di un breve excursus sulle tappe seguite dall’associazione nel 2018 e 2019 riguardo la riorganizzazione e il rilancio della stessa, è stato brevemente presentato il nuovo sito web A.N.A.S.B., online già da lunedì 15 luglio 2019.

Ai lavori assembleari è intervenuto anche il direttore del Dipartimento Qualità Agroalimentare-DQA Michele Blasi, ente terzo certificatore di diverse produzioni agroalimentari, fra le quali la Mozzarella di Bufala Campana Dop, che ha tra l’altro spiegato alcuni meccanismi della certificazione della razza Bufala Mediterranea Italiana, alla luce della nuova legislazione nazionale.

Il direttore generale dell’Associazione Italiana Allevatori-A.I.A., Roberto Maddé, oltre a sottolineare la validità del lavoro svolto che ha portato all’importante appuntamento dell’Assemblea Generale, ha apprezzato le rinnovate capacità organizzative della struttura A.N.A.S.B., e rimarcato come fondamentali i tre punti cardine della trasparenza, uguaglianza e ascolto. Ha poi concluso il suo intervento con delle annotazioni sul nuovo quadro delineatosi dopo il varo della legge 52 e le diverse opportunità per gli allevatori di iscrizione al Libro Genealogico o alla sezione supplementare.

Fonte: ANASB

Print Friendly, PDF & Email
Di |2019-07-18T09:41:11+02:0018 Luglio 2019|Categorie: News|Tags: , , |

About the Author:

Ruminantia - Lo spazio in rete dell'Allevatore. I migliori professionisti del settore a supporto dell'allevatore italiano, con informazioni aggiornate e articoli scientifici.

Scrivi un commento