Associazione dell’assunzione di sostanza secca e del bilancio energetico prepartum e post-partum con disturbi della salute post-partum. Parte II: chetosi e mastite clinica

Nella prima parte di questa ricerca erano state indagate le associazioni dell’assunzione di sostanza secca e del bilancio energetico prepartum e post-partum con disturbi del parto e metriti. Vediamo ora invece le associazioni con chetosi e mastite clinica.

Introduzione

La diminuzione del DMI (Dry Matter Intake) prepartum e l’insufficiente DMI postpartum portano ad uno stato di equilibrio negativo dei nutrienti caratterizzato da una maggiore mobilitazione dei lipidi sotto forma di acidi grassi non esterificati (NEFA) e da un aumento dei corpi chetonici come il BHB ( Drackley, 1999; Grummer et al., 2004; francese, 2006). Diversi studi hanno dimostrato un effetto negativo della chetosi sulla produzione di latte (Rajala-Schultz et al., 1999; Ospina et al., 2010a; Chapinal et al., 2012); tuttavia, l’effetto è risultato essere condizionato dal numero di parti, dal giorno dell’insorgenza della chetosi subclinica e dal picco di concentrazione di BHB nel sangue (Ospina et al., 2010a; Chapinal et al., 2012; McArt et al., 2012). L’iperchetonemia postpartum è stata anche associata a malattie postpartum come la dislocazione dell’abomaso e la metrite, e con una diminuzione della fertilità e un aumento del tasso di abbattimento, con conseguenti perdite economiche significative per gli allevatori (Ospina et al., 2010a; Chapinal et al., 2011; McArt et al., 2013b). Sono stati determinati diversi fattori di rischio per la chetosi postpartum. McArt et al. (2013a) hanno mostrato che le vacche con aumento del BCS, un vitello maschio, un aumentato valore di NEFA prepartum (0,30 mEq/L), una minore facilità di parto, un vitello morto alla nascita e un maggior numero di parti, avevano un rischio maggiore di sviluppare chetosi durante i primi 16 giorni dopo il parto. Inoltre, uno studio precedente ha osservato una correlazione negativa tra DMI prepartum e chetosi subclinica postpartum, e che una diminuzione di 1 kg nel DMI prepartum giornaliero medio ha aumentato il rischio di chetosi subclinica di 2,2 volte (Goldhawk et al., 2009). Tuttavia, manca ancora uno studio completo dell’associazione tra DMI prepartum, inclusa la DMI come percentuale del BW (DMI%BW), e il bilancio energetico prepartum (EB) con la chetosi post-partum.

Inoltre, la mastite clinica è una delle principali malattie riscontrate negli allevamenti degli Stati Uniti, con un’incidenza che varia dal 16 al 27% (USDA-NAHMS, 2018). La mastite clinica è associata alla riduzione della produzione del latte e della fertilità e all’aumento del tasso di abbattimento, causando notevoli perdite economiche agli allevatori (Santos et al., 2004; Hadrich et al., 2018). Il costo medio per caso di mastite clinica varia da 95 a 211 dollari, a seconda dell’eziologia (Bar et al., 2008; Cha et al., 2011).

Le vacche con chetosi hanno maggiori probabilità di avere mastite clinica (Raboisson et al., 2014). Le cellule immunitarie sono esposte ad alte concentrazioni di NEFA e BHB durante le prime settimane di lattazione, circostanza che è stata dimostrata essere associata a una diminuzione della funzione neutrofila (Suriyasathaporn et al., 1999; Hammon et al., 2006). Suriyasathaporn et al. (2000) ha proposto che l’iperchetonemia influenzi le difese della mammella influenzando la fagocitosi leucocitica, la produzione di citochine e la migrazione. Questo è in accordo con i risultati di Hammon et al. (2006), che hanno dimostrato che la capacità di uccisione dei neutrofili era correlata negativamente con le concentrazioni di NEFA nella settimana del parto. Inoltre, la mastite clinica postpartum è stata collegata ad una diminuzione del glucosio e all’aumento delle concentrazioni di NEFA e BHB prepartum (Janosi et al., 2003; Moyes et al., 2009; Schwegler et al., 2013).

Data la relazione tra NEFA e BHB con la mastite clinica e l’associazione tra DMI, EB, NEFA e BHB, abbiamo ipotizzato che una riduzione del DMI%BW e dell’EB durante il periodo di transizione sarebbe stata associata alla chetosi e alla mastite clinica dopo il parto. Pertanto, il nostro obiettivo principale era quello di valutare l’associazione tra DMI%BW e EB pre e postpartum con la chetosi e la mastite clinica postpartum. Un obiettivo secondario era quello di valutare l’uso del DMI%BW e EB preparto come predittori di chetosi e mastite clinica postpartum.

Abstract

L’obiettivo principale di questo studio era determinare l’associazione tra assunzione di sostanza secca come percentuale di peso corporeo (DMI% BW) e il bilancio energetico (EB) prepartum (-21 g rispetto al parto) e postpartum (28 g) con la chetosi (n = 189) e la mastite clinica (n = 79). Per questo, DMI% BW ed EB sono state considerate come variabili indipendenti e la chetosi e la mastite clinica come variabili dipendenti. Un obiettivo secondario era quello di valutare il DMI% BW ed EB prepartum come predittori di chetosi e mastite clinica. Per questo, la chetosi e la mastite clinica sono state considerate come variabili indipendenti e DMI% BW ed EB come variabili dipendenti. Sono stati raccolti i dati relativi a 476 vacche in 9 esperimenti. E’ stata dignosticata mastite clinica se il latte di 1 o più quarti era di colore, viscosità o consistenza anormali, con o senza calore, dolore, arrossamento o gonfiore associati al quarto o condizione patologica generalizzata, durante i primi 28 giorni dopo il parto. La chetosi è stata definita come la presenza di acetoacetato nelle urine che ha provocato qualsiasi cambiamento di colore [5 mg/dL (traccia) o superiore] nella striscia del test delle urine (Ketostix, Bayer, Leverkusen, Germania). Le vacche che hanno sviluppato la chetosi avevano un DMI% BW e un EB inferiori nei giorni -5, -3, -2 e -1 rispetto alle vacche senza chetosi. Ogni diminuzione di 0,1 punti percentuali nel DMI% BW medio e ogni diminuzione di 1 Mcal nella media di EB negli ultimi 3 giorni prima del parto, hanno aumentato le probabilità di sviluppare la chetosi dell’8 e del 5%, rispettivamente. Sono stati stabiliti valori limite per DMI% BW ed EB durante gli ultimi 3 giorni prima del parto per prevedere la chetosi che erano rispettivamente ≤1,5%/d e ≤1,1 Mcal/d. Le vacche che hanno sviluppato la chetosi avevano un DMI% BW ed EB postpartum inferiore e un latte corretto per l’energia (ECM) maggiore rispetto alle vacche senza chetosi. Le vacche che hanno sviluppato la mastite clinica avevano un DMI% BW inferiore ma un EB pre-parto simile a quello delle vacche senza mastite clinica. Ogni diminuzione di 0,1 punti percentuali nel DMI% BW medio e ogni diminuzione di 1 Mcal nell’EB medio negli ultimi 3 giorni prima del parto, hanno aumentato le probabilità di avere una mastite clinica rispettivamente del 10 e dell’8%. Il DMI%BW ed EB medio durante gli ultimi 3 giorni prima del parto hanno prodotto cut-offs significativi per predire la mastite clinica postpartum, che erano rispettivamente ≤ 1,2%/d e ≤1,0 Mcal/d. Le vacche che hanno sviluppato mastite clinica avevano un DMI% BW postpartum inferiore dal giorno 3 al 15 e nel giorno 17; EB maggiore nel giorno 18, dal 21 al 23, e nel giorno 26; e minore ECM. La principale limitazione in questo studio è che l’ordine temporale della malattia rispetto a DMI% BW ed ECM è incoerente così che gli esiti postpartum sono stati misurati prima e dopo la malattia, che è stata diagnosticata a intervalli variabili dopo il parto. In sintesi, le misure del DMI prepartum erano associate ed erano predittori di chetosi e mastite clinica postpartum, sebbene le dimensioni dell’effetto fossero piccole.

Parole chiave: transizione, assunzione di sostanza secca, chetosi, mastite, vacca da latte

 

 

ASSOCIATION OF DRY MATTER INTAKE AND ENERGY BALANCE PREPARTUM AND POSTPARTUM WITH HEALTH DISORDERS POSTPARTUM: PART II. KETOSIS AND CLINICAL MASTITIS

Pérez-Báez,1 C. A. Risco,1 R. C. Chebel,1 G. C. Gomes,1 L. F. Greco,2 S. Tao,2* I. M. Thompson,2 B. C. do Amaral,2 M. G. Zenobi,2 N. Martinez,2 C. R. Staples,2 G. E. Dahl,2 J. A. Hernández,1 J. E. P. Santos,2,3 and K. N. Galvão1,3†

1-Department of Large Animal Clinical Sciences, University of Florida, Gainesville 32610

2-Department of Animal Sciences, University of Florida, Gainesville 32610

3-D.H. Barron Reproductive and Perinatal Biology Research Program, University of Florida, Gainesville 32610

Journal of Dairy Science Vol. 102 No. 10, 2019

doi.org/10.3168/jds.2018-15879

Print Friendly, PDF & Email

About the Author:

Ruminantia - Lo spazio in rete dell'Allevatore. I migliori professionisti del settore a supporto dell'allevatore italiano, con informazioni aggiornate e articoli scientifici.

Scrivi un commento