IN BREVE

Che le rassicurazioni sul benessere degli animali d’allevamento siano in grado di condizionare il comportamento d’acquisto è ormai una certezza. Molti allevamenti hanno iniziato un cammino virtuoso di rimozione di tutti quegli aspetti strutturali e gestionali negativi che mettono in difficoltà la sensibilità etica dell’opinione pubblica. Rimane da capire con precisione come comunicare in maniera efficace tutto ciò al consumatore in modo che gli investimenti degli allevatori sulla qualità della vita dei loro animali possa essere remunerata. L’etichetta degli alimenti è lo strumento migliore per comunicare con chi sta scegliendo un prodotto da acquistare. In questo articolo scientifico pubblicato su Frontiers in Animal Science dal titolo “Animal Welfare Labelling”, Mara Miele della Cardiff University, School of Geography and Planning, Glamorgan Building, in Galles, e Harry Blokhuis della Swedish University of Agricultural Sciences, Department of Animal Environment and Health, di Uppsala (Svezia), fanno il punto della situazione su questo argomento. Di seguito, la traduzione integrale dell’articolo.

Le etichette alimentari sono strumenti importanti attraverso i quali un vasto numero di consumatori, in particolare quelli abituati ad acquistare cibo nei supermercati, comprendono e apprezzano le qualità degli alimenti (Evans e Miele, 2017). Le etichette qualificano gli alimenti con molte informazioni e, sempre più spesso, comunicano lo stato etico dei prodotti di origine animale con qualifiche come biologico, free range, cruelty-free o altre descrizioni legate alla compatibilità con gli animali del metodo di produzione. Evans e Miele (2017) propongono che le etichette alimentari etiche funzionino come “icone”, che rappresentino specifiche tipologie di alimenti e relazioni di produzione alimentare, per colmare il divario tra produttori e consumatori. Tuttavia, nell’Unione europea, le dichiarazioni sul benessere degli animali da allevamento non sono regolamentate e il mercato degli alimenti di origine animale manca di trasparenza. In questo contesto, ci sono molti dubbi sulla capacità delle etichette di aumentare la trasparenza nel mercato (Tregidga et al., 2019).

Ingenbleek e Krampe, nel loro articolo “E’ la fine dell’etichettatura sul benessere degli animali così come la conosciamo? Problemi persistenti a livello dei consumatori e soluzioni basate sulla PLF“, sostengono che l’efficacia delle etichette sul benessere animale è ostacolata da una serie di problemi, tra cui la mancanza di fiducia dei consumatori, l’abbondanza di etichette alimentari e la confusione che esse generano, la discrepanza tra la comprensione del benessere animale da parte dei consumatori, spesso racchiusa nei termini naturale o biologico, e ciò che gli standard sul benessere animale effettivamente affrontano (cfr. Miele et al., 2011; Miele, 2011 e Miele e Pinducciu, 2001), la limitata innovazione nell’etichettatura del benessere animale e i prezzi più elevati dei prodotti certificati rispettosi degli animali. Sulla base di uno studio sui consumatori di quattro Paesi europei, Paul T. Ingenbleek e Caspar Krampe sostengono che, sebbene gli atteggiamenti possano variare a seconda dei Paesi e dei gruppi di consumatori, questi problemi persistono e le etichette attuali non saranno in grado di influenzare significativamente il mercato. Il documento esplora poi altre strade, tra cui il potenziale dei dati generati dall’allevamento di precisione e dalle tecnologie di e-commerce. Gli autori propongono di estendere l’uso dei dati attuali per raggiungere i consumatori. Identificano le fasi di pre- e post- acquisto come aree di intervento trascurate e sostengono che le tecnologie innovative possono aiutare i consumatori a indicare le loro preferenze, oltre a ricevere un feedback sul processo di produzione e offrire nuovi spunti per strategie di etichettatura più efficaci.

Il documento di Stygar et al., dal titolo “Quanto siamo lontani dalla valutazione del benessere basata sui dati e sugli animali? Un’analisi critica dei sistemi di qualità europei” inizia riconoscendo che esiste una pletora di sistemi di etichettatura che forniscono ai consumatori una serie di informazioni sul benessere degli animali da allevamento. Stigar et al. in primo luogo hanno quantificato e identificato 19 standard per la certificazione: nove per la produzione lattiero-casearia e dieci per la produzione suina, guidati da dodici schemi di qualità a livello di settore, provenienti da otto paesi europei, ovvero Finlandia, Svezia, Danimarca, Irlanda, Paesi Bassi, Germania, Austria e Spagna. Questi standard utilizzano i protocolli Welfare Quality (Blokhuis et al., 2013) e hanno monitorato il benessere (in allevamento) di suini e bovini da latte confrontando misure basate sui risultati, sulle risorse e sulla gestione. In secondo luogo, hanno descritto come i dati prodotti sono stati utilizzati lungo la catena del valore per le valutazioni del benessere degli animali. L’analisi mostra che solo 5 standard, su 19, utilizzavano prevalentemente misure basate sugli animali come indicato e definito nel WQ®, mentre gli altri schemi utilizzavano misure basate sull’ambiente piuttosto che sugli animali. I risultati di questo studio suggeriscono che i sistemi di qualità potrebbero essere migliorati ampliando l’utilizzo dei dati generati lungo la catena del valore, poichè solo uno dei sistemi analizzati ha utilizzato le tecnologie dei sensori per offrire informazioni sul benessere degli animali.

Inoltre, l’articolo “Impegnativo, ma necessario: un’ampia gamma di misure dovrebbe essere inclusa nelle valutazioni del benessere delle mandrie da latte” di Collins et al., esamina gli attuali protocolli esistenti per valutare il benessere degli animali da allevamento. Gli autori sostengono che le misure del benessere animale basate sui risultati, che comprendono la salute e il comportamento, si sono dimostrate valide, ma richiedono molto tempo e questo è il principale limite alla loro adozione negli attuali schemi di certificazione. Questi autori hanno ponderato la possibilità di ridurre le misure incluse, e hanno confrontato due approcci: le “associazioni a coppie” tra le misure e le misure di sintesi – “indicatori iceberg” – del benessere della mandria da latte, in grado di predire lo stato di benessere della mandria. Hanno analizzato i risultati di questi approcci in 51 aziende agricole inglesi, nelle quali sono state valutate in totale 96 misure di benessere. Sono emerse alcune correlazioni “deboli”, ma insufficienti a fornire informazioni adeguate sul benessere delle vacche da latte, e hanno concluso che sono ancora necessarie molte misure diverse.

La pubblicazione di Rowe et al., “Motivazione per la definizione del riconoscimento dei programmi di garanzia degli allevamenti “a più alto benessere animale” in un sistema alimentare globale: l’Alleanza GAWA” ha analizzato le motivazioni per la creazione di una rete riconosciuta di schemi di benessere animale superiore, da cui poter acquistare prodotti che derivino realmente da animali che hanno goduto di un benessere superiore. I risultati dell’analisi di nove schemi e sette aziende alimentari hanno confermato le difficoltà che le aziende alimentari incontrano nel commercio internazionale. Lo studio sottolinea la necessità di un accordo tra gli schemi di garanzia che mirano a un livello più elevato di benessere animale per specificare la standardizzazione delle misure riconosciute come soluzione a questa impasse e propone modifiche pratiche all’attuale “Global Animal Welfare Assurance” (GAWA).

Riteniamo che questo speciale possa essere una lettura interessante per gli scienziati del settore, ma anche per le parti interessate, i responsabili politici e gli studenti.

Riferimenti bibliografici

  • Blokhuis H., Miele M., Veissier I., Jones B. (2013). Migliorare il benessere degli animali da allevamento scienza e società lavorando insieme: l’approccio della qualità del benessere (Wageningen (NL: Wageningen Academic Publisher).
  • Evans A., Miele M. (2017). “L’etichettatura degli alimenti come risposta al consumo politico: effetti e contraddizioni”, in Il manuale di Routledge nel consumo . Eds. Keller M., Halkier B., Wilska T.-A., Truninger M. (Londra e New York: Routledge), (191–204).
  • Miele M. (2011). Il gusto della felicità: il pollo ruspante. Dintorni. Pian. A 43 (9), 2070–2090. doi: 10.1068/a43257
  • Miele M., Pinducciù D. (2001). Un mercato per la natura: collegare la produzione e il consumo del biologico in Toscana. J. Ambiente. Piano Politico. N. 3, 149–162. doi: 10.1002/jepp.78
  • Miele M., Veissier I., Evans A., Botreau R. (2011). Benessere degli animali: instaurare un dialogo tra scienza e società. Anim. Benessere 20, 103–117.
  • Tregidga H., Kearins K., Collins E. (2019). Verso la trasparenza? analizzare le pratiche di governance della sostenibilità della certificazione etica. soc. Dintorni. Responsabilità J. 39 (1), 44-69. doi: 10.1080/0969160X.2019.1568276
Print Friendly, PDF & Email