Biosicurezza e malattie animali transfrontaliere: le conclusioni del Consiglio

//Biosicurezza e malattie animali transfrontaliere: le conclusioni del Consiglio

Biosicurezza e malattie animali transfrontaliere: le conclusioni del Consiglio

Il Consiglio ha adottato una serie di nuove conclusioni sulla “biosicurezza: un concetto globale con un approccio unitario”.

A livello pratico, la biosicurezza è generalmente intesa come la gestione e le misure fisiche volte a ridurre il rischio di malattie animali transfrontaliere (TADs). Più in generale, è un approccio strategico e olistico alla gestione dei rischi rilevanti. Un elevato livello di biosicurezza è essenziale per la protezione del territorio dell’UE e per contrastare l’introduzione e la diffusione di malattie degli animali, molte delle quali possono avere conseguenze devastanti non solo per il settore agricolo ma per la società nel suo insieme.

Nelle sue conclusioni, il Consiglio sottolinea con forza il ruolo chiave della biosicurezza nell’affrontare le attuali minacce come la peste suina africana e l’afta epizootica e evidenzia l’importanza del coinvolgimento e della cooperazione di tutti i settori e gli attori coinvolti, compresi non solo gli allevatori e altri detentori di animali ma anche, ad esempio, trasportatori e cacciatori.

A tal fine, il Consiglio invita gli Stati membri e la Commissione europea a garantire un livello sufficiente di biosicurezza e adeguate risorse finanziarie a livello nazionale e dell’UE.

Le conclusioni evidenziano inoltre i rischi posti dal fattore umano e il ruolo delle campagne di comunicazione e sensibilizzazione nel mitigare tali rischi.

Contesto

L’UE ha affrontato diverse crisi e situazioni di emergenza a causa delle incursioni di malattie animali transfrontaliere come la peste suina africana e l’afta epizootica nel suo territorio. I TAD sono malattie altamente contagiose che possono diffondersi rapidamente, indipendentemente dai confini nazionali, e hanno gravi conseguenze socio-economiche nelle aree in cui emergono.

Nonostante tutti gli sforzi compiuti dagli Stati membri per controllare ed eliminare le malattie che sono arrivate nell’UE negli ultimi anni, la dinamica situazione epizootica nei paesi terzi vicini all’UE rappresenta una costante minaccia di incursione o re-incursione dei TAD nell’UE.

La Presidenza Rumena ha scelto la biosicurezza come argomento prioritario per le discussioni in ambito veterinario durante il suo mandato. Ha tenuto ampie discussioni con i Capi dei Servizi Veterinari degli Stati membri e organizzato una “Conferenza sulle malattie animali transfrontaliere” di alto livello il 10 giugno 2019 a Bucarest.

Fonte: Consiglio europeo – Consiglio dell’Unione europea

Print Friendly, PDF & Email
Di |2019-06-19T14:15:53+02:0019 Giugno 2019|Categorie: News|Tags: , , , |

About the Author:

Ruminantia - Lo spazio in rete dell'Allevatore. I migliori professionisti del settore a supporto dell'allevatore italiano, con informazioni aggiornate e articoli scientifici.

Scrivi un commento