Brucellosi nell’uomo, il report epidemiologico annuale 2017 dell’ECDC

//Brucellosi nell’uomo, il report epidemiologico annuale 2017 dell’ECDC

Brucellosi nell’uomo, il report epidemiologico annuale 2017 dell’ECDC

Sul sito dell’ECDC, è disponibile il report annuale 2017 di sorveglianza epidemiologica rispetto alla brucellosi nell’uomo in Europa. Nel 2017, 381 casi confermati di brucellosi sono stati segnalati nell’UE e nello Spazio Economico Europeo (SEE). Il tasso di notifica è stato di 0,09 casi per 100 000 abitanti. I tassi più elevati sono stati segnalati negli Stati membri dell’UE meridionali (Grecia, Italia e Portogallo). Il tasso più alto è stato osservato nei maschi di 25-44 anni (0,16 per 100.000). Il tasso di notifica è rimasto stabile dal 2013-2017 nell’UE/SEE.

Discussione dei risultati del report annuale 2017

La brucellosi rimane una malattia rara ma grave nell’UE/SEE, con la maggior parte dei casi sottoposti ad ospedalizzazione. Nel 2017 il numero di casi di brucellosi segnalati è diminuito al livello più basso dall’inizio della sorveglianza a livello europeo nel 2007. In Germania nel 2017 è stato segnalato un focolaio di due casi di brucellosi di origine alimentare. B. melitensis è la specie predominante che causa la brucellosi nell’uomo, ma la presenza di diverse specie di Brucella varia tra regioni geografiche. B. abortus o B. suis possono contribuire in modo significativo al numero di infezioni umane nelle regioni endemiche con allevamento estensivo di bestiame bovino o suino.

Come negli anni precedenti, i tassi più elevati di casi registrati in UE/SEE nel 2017 sono stati segnalati da Grecia, Italia, Portogallo e Spagna. Questi paesi non hanno ancora ottenuto lo status di ufficialmente esenti da brucellosi bovina (B. abortus) e ovina e caprina (B. melitensis). Nonostante tutti gli sforzi di eliminazione negli animali, la brucellosi rimane una malattia endemica negli esseri umani in questi paesi. La Grecia continua a riportare il tasso annuo più elevato, sebbene con una diminuzione graduale dei casi negli ultimi cinque anni. Nel 2016, l’aumento del numero di casi di brucellosi segnalati in Italia ha portato al più alto livello di casi segnalati nell’UE/SEE negli ultimi cinque anni. A Messina, in Sicilia, è stato osservato un decuplicato aumento dei casi di brucellosi ed è stato collegato al consumo di formaggi freschi non pastorizzati prodotti localmente. Una diminuzione generale dei casi è stata notificata in tutte le regioni italiane negli ultimi 20 anni, ma la brucellosi rimane un importante problema di salute, in particolare nella parte meridionale del paese, dove è segnalato l’89% dei casi annuali.

Un’ampia percentuale di casi si è verificata in maschi in età lavorativa, indicando probabilmente un’esposizione con l’attività professionale. È noto che le persone che lavorano con animali da allevamento, tra cui agricoltori, allevatori, macellai, operatori nei macelli e veterinari, sono a maggior rischio di brucellosi.

La brucellosi bovina, così come la brucellosi ovina e caprina, è stata ampiamente sradicata dalla maggior parte degli Stati membri dell’UE. Di conseguenza, la brucellosi è diventata rara nell’Europa settentrionale e occidentale, dove la maggior parte dei casi è legata a viaggi. L’incidenza della malattia può anche essere elevata tra i migranti che sono recentemente arrivati da aree geografiche in cui la brucellosi è endemica, come il Medio Oriente e parti dell’Africa, dell’Asia e dell’America centrale e meridionale. L’esposizione con la dieta è normalmente limitata alle persone che consumano latte non pastorizzato, latticini o carne poco cotta e spesso è il risultato del consumo di prodotti alimentari da paesi in cui la brucellosi è endemica negli animali.

Implicazioni per la salute pubblica

Negli Stati membri che non sono esenti da brucellosi ovina, caprina o bovina, i programmi nazionali di eradicazione della brucellosi cofinanziati dall’UE sono importanti per ridurre la brucellosi negli animali. Oltre agli sforzi per controllare la brucellosi negli animali, sono necessari sforzi di prevenzione organizzati e sensibilizzazione nel quadro della salute sul lavoro. La migrazione di persone provenienti da aree endemiche può causare un aumento del numero di casi in paesi in cui la brucellosi non era precedentemente prevalente. I medici e i laboratori di diagnosi devono essere consapevoli dei sintomi della malattia, che è causata da batteri altamente patogeni. Le informazioni sulla storia professionale e di viaggio dovrebbero essere costantemente raccolte nell’ambito della sorveglianza della brucellosi negli esseri umani. L’isolamento dei ceppi di Brucella resistenti agli antibiotici evidenzia le sfide emergenti per il trattamento.

In questo articolo, puoi trovare un estratto di uno studio sulla distribuzione di ceppi di Brucella isolati da animali da reddito, fauna selvatica e uomo in Italia nel periodo 2007-2015.

Fonte: European Centre for Disease Prevention and Control

Print Friendly, PDF & Email

About the Author:

Ruminantia - Lo spazio in rete dell'Allevatore. I migliori professionisti del settore a supporto dell'allevatore italiano, con informazioni aggiornate e articoli scientifici.

Scrivi un commento