Il NAS di Viterbo, insieme agli operatori della Stazione CC Forestale e del Servizio Veterinario dell’ASL di Viterbo, ha denunciato in stato di libertà il titolare di un’azienda agricola.

L’indagato, in qualità di custode di ovini sottoposti a sequestro cautelare, è accusato di aver violato i doveri inerenti la custodia e il benessere degli animali che gli erano stati affidati. Nel corso di un controllo, infatti, il personale operante ha accertato che il gregge era stato alloggiato in ricoveri non idonei, con alimentazione precaria, e cure così carenti da provocare il decesso di circa 150 capi. I Carabinieri, durante l’ispezione, hanno rinvenuto 33 ovini ancora in vita, ma risultati affetti da un grave stato di denutrizione e di disidratazione, in quanto privi di acqua e foraggio. Gli animali sono stati soccorsi e trasferiti presso un’altra azienda.

 

Fonte: Ministero della Salute

Print Friendly, PDF & Email