Confermato l’interesse del pubblico per il mondo caseario 

Confermato e anzi in crescita l’interesse del pubblico verso il mondo della produzione casearia.

È questo il trend che emerge dai racconti dei caseifici che in tutta Italia hanno aderito all’Open Day, evento organizzato da Guru Comunicazione per ‘raccontare, vivere e degustare le storie di formaggio’.

Da nord a sud i caseifici che hanno aderito all’iniziativa sono soddisfatti del numero di presenze registrate sabato 23 e domenica 24 settembre, a maggior ragione che per molte di queste strutture l’accoglienza rimane un evento saltuario.

Bisogna attrezzarsi, fare il formaggio ‘come si fa in alpeggio’, come racconta Laura Lai, titolare di un caseificio a Gualdo (Macerata), gravemente danneggiato dal sisma del 2017 e che nonostante la ricostruzione non sia ancora completata non esita ad accogliere visitatori nella sua struttura e far conoscere il lavoro complesso della lavorazione del latte.

Le attività che hanno riscosso maggiore successo sono stati i laboratori di mungitura, quelli che hanno coinvolto i bambini per far scoprire ‘la magia del caglio’, degustazioni guidate pranzo a tema e le visite agli animali, che hanno posto l’accento sul tema del benessere animale a cui l’opinione pubblica è sempre più sensibile.

Una scommessa vinta con l’obiettivo di far diventare sempre di più le visite in caseificio una realtà quotidiana, come avviene nel vicino mondo dell’enologia italiana.

Print Friendly, PDF & Email