Chi fa le razioni alle bovine da latte negli USA?

//Chi fa le razioni alle bovine da latte negli USA?

Chi fa le razioni alle bovine da latte negli USA?

Chi fa le razioni è un’espressione gergale per dire: chi formula la dieta per le bovine da latte?

Negli articoli di Ruminantia abbiamo spesso citato i dati statunitensi delle varie edizione del Dairy (NAHMS-USDA) che riportano informazioni su quanto avviene nel 79.5% degli allevamenti e nell’82.5% delle bovine presenti negli USA.

Questa volta cerchiamo di capire chi fa le razioni alle bovine da latte e altri aspetti legati all’alimentazione frugando nei dati dell’ultima edizione (2007) del Dairy.

Il 41.6% delle razioni sono formulate dai nutrizionisti delle industrie che producono gli alimenti zootecnici, il 36.1% dagli stessi operatori dell’allevamento e il 18% da nutrizionisti indipendenti. Nei grandi allevamenti, ossia quelli con oltre 500 capi, prevalgono i nutrizionisti indipendenti (42.9%), anche di poco rispetto ai nutrizionisti dell’industria (37.2%).

Sorprende che la tecnica dell’unifeed o TMR venga adottata mediamente solo nel 51.1% degli allevamenti. Nei grandi allevamenti (>500 capi) si utilizza prevalentemente (94.1%) il sistema TMR mentre in quelli più piccoli (< 100 capi) tale percentuale scende al 37.8%.

Esiste anche un legametra l’adozione o meno del TMR e la produttività delle aziende. Il 70.7% delle stalle che producono mediamente più di 90 quintali di latte utilizza il TMR. Questo significa che poco meno del 30% delle stalle che hanno produzioni molto elevate utilizza una tecnica diversa dall’unifeed per somministrare le razioni.

3 stalle su 4 (75.5%) utilizzano le analisi dei foraggi per bilanciare le razioni, percentuale che sale al 90.7% per gli allevamenti di grandi dimensioni ma che non scende sotto il 70.1% nelle stalle più piccole.

Print Friendly, PDF & Email
Di |2019-04-01T13:23:31+02:001 Aprile 2019|Categorie: News|Tags: , , , , , , |

About the Author:

Dairy Production Medicine Specialist Fantini Professional Advice srl Email: dottalessandrofantini@gmail.com

Scrivi un commento