Coldiretti: prezzo del latte basso, la protesta dei pastori sardi

//Coldiretti: prezzo del latte basso, la protesta dei pastori sardi

Coldiretti: prezzo del latte basso, la protesta dei pastori sardi

“Si allarga il numero di pastori che posta sui social il video in cui aprono i rubinetti dei refrigeratori per buttare il proprio latte, a testimonianza che la tensione nelle campagne rimane altissima” denuncia Coldiretti Sardegna.

Una situazione esplosiva e fuori controllo che Coldiretti Sardegna sta denunciando da ormai tre mesi rimasta inascoltata. Il prezzo del latte pagato a 60 centesimi ai pastori è insostenibile. In questo modo si costringono le aziende a chiudere perché a questi prezzi non riescono a coprire minimamente i costi di produzione e vista la crisi non sono in grado neppure di sostenere le pecore.

“La crisi è di tutti e non solo dei pastori – dichiara il presidente di Coldiretti Sardegna Battista Cualbu -. Per questo bisogna affrontarla tutti insieme e non scaricarla sull’anello più debole. Purtroppo quando si tira troppo la corda e si mette a repentaglio il lavoro di generazioni, i sacrifici, le rinunce, i progetti, si rischia, come stiamo vivendo in questi giorni, di assistere a reazioni scomposte”.

Per questo Coldiretti Sardegna si appella nuovamente al mondo della trasformazione: “E’ fondamentale dare un segnale positivo al mercato e ai pastori – dice il direttore di Coldiretti Sardegna Luca Saba -. Se oggi non si arriverà ad aumentare il prezzo di acconto del latte e condividere un percorso, riteniamo inutile continuare a parteciparvi. A quel punto confermiamo che la sola strada è quella della mobilitazione, che come abbiamo già annunciato sarà dura”.

 

Fonte: Coldiretti Sardegna

Print Friendly, PDF & Email
Di |2019-02-08T10:12:43+02:008 Febbraio 2019|Categorie: News|Tags: , , , , , |

About the Author:

Ruminantia - Lo spazio in rete dell'Allevatore. I migliori professionisti del settore a supporto dell'allevatore italiano, con informazioni aggiornate e articoli scientifici.

Scrivi un commento