Un inverno con poca neve e i successivi mesi siccitosi stanno preoccupando sia i cittadini che gli agricoltori. A fine estate si dovranno fare i nuovi piani colturali che necessariamente terranno conto del nuovo contesto climatico e di piovosità, ma anche degli esorbitanti prezzi di tutti gli alimenti per gli animali.

Trovare una soluzione ideale per irrigare i terreni che valga per tutto il nostro Paese è impensabile, perchè ogni area ha le sue peculiarità e le sue convenienze, ma capire i pro e i contro dei principali sistemi d’irrigazione è possibile.

Per fare ciò abbiamo interpellato il Prof. Daniele Masseroni, docente d’Idraulica Agraria del Dipartimento di Scienze Agrarie e Ambientali dell’Università degli Studi di Milano.

In questa video-intervista il Prof. Masseroni ha fatto molte considerazioni sui vari sistemi d’irrigazione oggi utilizzabili, approfondendo le ragioni dell’irrigazione a scorrimento e analizzando in forma critica l’irrigazione per aspersione e la micro-irrigazione.

Molto interessante anche il focus fatto sulla valorizzazione agricola dei reflui degli impianti civili di depurazione, argomento al quale Ruminantia ha dedicato un’interessante intervista all’Ing. Andrea Aliscioni, Direttore della Divisione Servizio Idrico della società pubblica MM S.p.A. (COO Milan Water Service).

Il messaggio comunque che ha voluto trasmettere Masseroni è che in tutti i sistemi d’irrigazione adottabili c’è un ampio margine di riduzione dell’impiego delle risorse idriche, con evidenti benefici economici diretti e indiretti per tutti.

Per la tua privacy YouTube necessita di una tua approvazione prima di essere caricato. Per maggiori informazioni consulta la nostra Privacy Policy.
Ho letto la Privacy Policy ed accetto
Print Friendly, PDF & Email