Commissione ENVI, iniziativa dei cittadini sul glifosato stimola proposte su trasparenza ed efficienza per il lavoro di EFSA sui pesticidi

//Commissione ENVI, iniziativa dei cittadini sul glifosato stimola proposte su trasparenza ed efficienza per il lavoro di EFSA sui pesticidi

Commissione ENVI, iniziativa dei cittadini sul glifosato stimola proposte su trasparenza ed efficienza per il lavoro di EFSA sui pesticidi

Vigilanza alimentare dell’UE: maggiore trasparenza, migliore prevenzione dei rischi

  • I cittadini dovrebbero avere accesso automatico a tutte le informazioni sulla sicurezza presentate
  • Dovrebbe essere istituito un registro europeo comune per gli studi commissionati
  • Ulteriori studi potrebbero essere richiesti dall’agenzia

La Commissione ENVI chiede all’Agenzia europea per la sicurezza alimentare di agire più rapidamente e pubblicare studi prima che un prodotto sia autorizzato a entrare nel mercato.

Una proposta per consentire all’Agenzia europea per la sicurezza alimentare (EFSA) di lavorare in modo più efficiente e trasparente è stata adottata dai membri dell’Ambiente e della Salute martedì con 43 voti favorevoli, 16 contrari e un’astensione.

Ricostruire la fiducia dei consumatori

Le nuove norme mirano a migliorare la trasparenza nella valutazione del rischio, l’affidabilità, l’obiettività e l’indipendenza degli studi utilizzati dall’EFSA nella valutazione del rischio, nella comunicazione del rischio e nella governance.

È stata introdotta una nuova procedura di pre-inoltro per consentire di accelerare il processo di presentazione delle domande, in quanto l’EFSA può fornire consulenza al richiedente su come fornire tutte le informazioni richieste.

Dovrebbe essere istituito un registro europeo comune di studi commissionati, per dissuadere le società che chiedono un’autorizzazione dal trattenere gli studi non favorevoli. Una volta resi pubblici gli studi presentati all’EFSA, l’agenzia potrebbe anche consultare terzi per stabilire se esistono altri dati o studi scientifici pertinenti.

Il comitato ha inoltre concordato una serie di criteri per decidere quale tipo di informazioni possono essere mantenute riservate, ad es. il marchio sotto il quale un prodotto sarà commercializzato o descrizioni dettagliate dei preparati.

Citazione

È vero che c’è ancora spazio per migliorare le regole di trasparenza dell’EFSA: l’agenzia pubblica già molte informazioni, ma non è obbligata a farlo, l’adozione di regole di trasparenza proattiva, come fanno altre agenzie dell’UE, darebbe di conseguenza un senso a ciò” ha affermato il relatore Renate Sommer (PPE, DE) dopo il voto.

Tuttavia, ciò che la Commissione per l’ambiente del Parlamento europeo ha deciso oggi mette seriamente in pericolo la competitività dei produttori europei. Se le domande di autorizzazione dei produttori e gli studi scientifici di base devono essere pubblicati al momento della domanda, c’è il rischio di “pirateria delle idee” a livello mondiale“, ha aggiunto.

Background

La proposta fa seguito all’iniziativa dei cittadini europei sul glifosato, in particolare alle preoccupazioni espresse nell’iniziativa in merito alla trasparenza degli studi scientifici utilizzati per valutare i pesticidi. Segue inoltre un controllo di idoneità della legislazione alimentare generale, lanciato nel 2014 e completato dalla Commissione nel gennaio 2018.

Prossimi passi

Il Parlamento nel suo insieme discuterà e voterà la relazione durante la sessione di dicembre.

Per ulteriori informazioni

Leggi anche l’articolo: Revisione della procedura di autorizzazione dei pesticidi: cosa può imparare l’UE dal caso Monsanto?

Fonte: Parlamento Europeo

Print Friendly, PDF & Email
Di |2018-11-28T12:55:21+02:0029 Novembre 2018|Categorie: Leggi & Norme|Tags: , , , , , |

About the Author:

Ruminantia - Lo spazio in rete dell'Allevatore. I migliori professionisti del settore a supporto dell'allevatore italiano, con informazioni aggiornate e articoli scientifici.

Scrivi un commento