Commissione europea: grazie all’aggiornamento degli indicatori della PAC, una valutazione delle sue performance

//Commissione europea: grazie all’aggiornamento degli indicatori della PAC, una valutazione delle sue performance

Commissione europea: grazie all’aggiornamento degli indicatori della PAC, una valutazione delle sue performance

Tra il 2016 e il 2017, il tasso di povertà nelle aree rurali ha continuato a diminuire, raggiungendo il 24% nel 2017. Nello stesso periodo, la quota di terreni destinati all’agricoltura biologica nell’UE è salita al 7%. Questi sono tra i risultati chiave dell’ultimo aggiornamento degli indicatori della politica agricola comune (PAC), che contribuiscono alla valutazione delle prestazioni della PAC.

Come parte dell’impegno assunto dalla Commissione europea per migliorare la PAC, gli indicatori che sono parte del quadro comune per il monitoraggio e la valutazione (CMEF) sono stati aggiornati. Facendo uso di 178 indicatori e più di 900 sottoindici, questo quadro è stato progettato per valutare l’efficacia della PAC relativamente ai suoi tre obiettivi principali: produzione alimentare sostenibile, gestione sostenibile delle risorse naturali e azione per il clima e per uno sviluppo territoriale equilibrato.

Gli indicatori hanno mostrato sviluppi positivi in relazione alla PAC. La transizione verso una PAC più orientata verso il mercato continua, con le esportazioni agroalimentari dell’UE che mantengono una performance positiva registrando un valore di 137,5 miliardi di euro nel 2018. Ciò, nonostante il calo della competitività dei prezzi nell’UE negli ultimi anni. Inoltre, la bilancia commerciale dell’UE per i prodotti agroalimentari rimane positiva a 21,7 miliardi di euro nel 2018.

Per quanto riguarda le aree rurali, gli ultimi dati mostrano che i tassi di povertà sono in calo e sono diminuiti del 2% tra il 2016 e il 2017 (dal 26% al 24%). Parallelamente, il tasso di occupazione nelle aree rurali è aumentato del 2% nello stesso periodo, passando dal 66% al 68%.

Inoltre, la quota di terreni destinati all’agricoltura biologica continua a crescere nell’UE. Nel 2016 rappresentava il 6,7% della superficie agricola totale UE, l’equivalente di 11,9 milioni di ettari. Nel 2017 ha raggiunto il 7% della superficie agricola totale, rappresentando 12,6 milioni di ettari di superficie agricola. L’Austria è lo stato membro con la quota più importante di terreni destinati all’agricoltura biologica. Tra il 2016 e il 2017, la sua quota è aumentata di un ulteriore 2%, passando dal 21% al 23% della superficie agricola totale.

Come parte delle misure di inverdimento – ovvero il sostegno al reddito della PAC per gli agricoltori che mettono in atto pratiche agricole specifiche che aiutano a raggiungere gli obiettivi ambientali e climatici -, le aree di interesse ecologico sono aree di terreno coltivabile a beneficio della biodiversità. Queste aree sono leggermente aumentate tra il 2016 e il 2017, passando dagli 11,1 milioni di ettari del 2016 a 11,4 milioni di ettari nel 2017.

Infine, il recente aumento delle emissioni di ammoniaca prodotte dall’agricoltura è rallentato, stabilizzandosi a 3,61 milioni di tonnellate nel 2016, dai 3,60 milioni di tonnellate del 2015.

Ulteriori informazioni e dati possono essere trovati nei dashboard del CMEF, che sono stati recentemente aggiornati per illustrare i risultati della valutazione delle performance in base agli obiettivi della PAC.

 

Fonte: Commissione europea

Print Friendly, PDF & Email
Di |2019-07-18T11:38:27+02:0018 Luglio 2019|Categorie: News|Tags: , , |

About the Author:

Ruminantia - Lo spazio in rete dell'Allevatore. I migliori professionisti del settore a supporto dell'allevatore italiano, con informazioni aggiornate e articoli scientifici.

Scrivi un commento