Consiglio europeo, meeting su agricoltura e pesca del 15 luglio: sostenibilità come denominatore comune delle azioni UE

//Consiglio europeo, meeting su agricoltura e pesca del 15 luglio: sostenibilità come denominatore comune delle azioni UE

Consiglio europeo, meeting su agricoltura e pesca del 15 luglio: sostenibilità come denominatore comune delle azioni UE

Programma di presidenza della Finlandia

La Finlandia, che ha assunto la presidenza di turno del Consiglio il 1° luglio, ha presentato le sue priorità per il suo mandato nel settore dell’agricoltura e della pesca:

Il denominatore comune di tutte le azioni dell’UE dovrebbe essere la sostenibilità. Farò in modo che questo principio guidi tutto ciò che facciamo nel settore dell’agricoltura e della pesca.” – Jari Leppä, ministro dell’agricoltura e delle foreste della Finlandia e presidente del Consiglio

Nel settore dell’agricoltura, la priorità della Presidenza finlandese sarà di compiere il maggior progresso possibile nei negoziati sulle proposte della Commissione per la riforma della politica agricola comune (PAC) dopo il 2020, in vista di una decisione sul nuovo programma pluriennale nel quadro finanziario 2021-2027. Altre priorità includeranno la bioeconomia, la silvicoltura, la situazione del mercato e le questioni relative al commercio internazionale.

Pacchetto di riforma della PAC post-2020

“Il valore strategico ed economico del cibo e dell’acqua pulita e dell’agricoltura e della silvicoltura sostenibili è in aumento. Promuoveremo una politica agricola comune che possa rispondere meglio alla protezione dell’ambiente e ai cambiamenti climatici, garantendo nel contempo la sicurezza alimentare.” – Jari Leppä, ministro dell’agricoltura e delle foreste della Finlandia e presidente del Consiglio

Il Consiglio ha avuto uno scambio di opinioni sugli aspetti ambientali e climatici del pacchetto di riforma della PAC post 2020, concentrandosi in particolare su quegli elementi considerati dagli Stati membri come essenziali per soddisfare un più alto livello di ambizione ambientale e climatica, e come in pratica migliorare le regole proposte in modo da raggiungere questo obiettivo.

Durante lo scambio di opinioni, vari ministri hanno sottolineato l’importanza di garantire una flessibilità sufficiente per adeguare meglio i requisiti per una maggiore ambizione ambientale e climatica alle esigenze degli Stati membri e per semplificare le norme a beneficio degli agricoltori e delle autorità nazionali.

Diversi ministri hanno inoltre ritenuto che tali ambizioni più elevate dovessero essere accompagnate da un adeguato sostegno finanziario.

Accordo commerciale tra l’UE e il Mercosur

Il Consiglio è stato informato dalla Commissione in merito ai risultati dei negoziati di libero scambio tra l’UE ei paesi del Mercosur, Argentina, Brasile, Paraguay e Uruguay.

Dopo lunghi negoziati, il 28 giugno 2019 l’Unione europea e il Mercosur hanno concluso un accordo commerciale globale in linea di principio, che farà parte di un più ampio Accordo di Associazione tra le due regioni.

I ministri hanno avuto l’opportunità di chiarire le questioni in sospeso e, benché abbiano accolto favorevolmente il considerevole potenziale economico dell’accordo, hanno anche riaffermato le sensibili sensibilità in relazione a vari settori agricoli.

Altri argomenti all’ordine del giorno

I ministri sono stati inoltre informati di:

  • lo stato di salute della peste suina africana
  • benessere degli animali durante il trasporto
  • prodotti fitosanitari e gestione dei parassiti
  • l’esito della terza conferenza ministeriale sull’agricoltura dell’Unione europea-Africa
  • l’iniziativa BIOEAST
  • la difficile situazione nel settore del riso

Fonte: Consiglio Europeo -Consiglio dell’Unione europea

Centinaio a Bruxelles, al centro PAC, zucchero, peste suina, accordo Mercosur e riso da Myanmar

ll Ministro delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo, Sen. Gian Marco Centinaio, ha partecipato a Bruxelles al Consiglio europeo dei Ministri dell’Agricoltura e della Pesca. Al centro della discussione: il futuro della Pac dopo il 2020, il settore dello zucchero, la situazione sulla peste suina africana,  l’accordo commerciale Mercosur, la crescita delle importazioni di riso Japonica dal Myanmar e l’esito della terza conferenza ministeriale UE – Unione africana.
Sull’accordo commerciale Mecorsur si è ribadito come sia un accordo molto sbilanciato a danno dell’intera agricoltura europea, anche perché i problemi si riscontrano su più fronti: riso, carne avicola, vino, pasta e zucchero. Per non parlare del capitolo delle indicazioni geografiche: le deroghe previste sono troppe.

Sul fronte risicolo, a seguito della crescita di importazioni dal Myanmar, il Ministro ha chiesto alla Commissione di monitorare con estrema attenzione la situazione, di attivare appositi controlli nei punti di entrata, per verificare la qualità del prodotto e, se del caso, attivare un’indagine finalizzata ad un possibile ripristino dei dazi.
Per quanto concerne la PAC, il Ministro Centinaio ha ribadito come “l’Italia condivide la proposta di una Politica agricola comunitaria più ambiziosa dal punto di vista ambientale purché non si traduca in maggiori oneri e complicazioni per il mondo agricolo, soprattutto se non adeguatamente remunerati“.
Sulla peste suina infine è stato ricordato come sia stato adottato un piano di contrasto alla diffusione della malattia che in termini di prevenzione, pone l’accento sulla biosicurezza dell’allevamento e della caccia, investe nella formazione degli operatori e nell’informazione dei viaggiatori, incentiva la sorveglianza passiva e considera l’opzione della diminuzione della densità di cinghiali.
Il Ministro Centinaio ha poi partecipato ad un incontro bilaterale con il Commissario Andriukaitis, al quale ha illustrato la posizione italiana sui diversi schemi di etichettatura nutrizionale proposti da alcuni Stati membri e ha chiesto alla Commissione europea di non approvare modelli fuorvianti per il consumatore e assolutamente distorsivi rispetto al concetto di qualità sostenuto a livello europeo.
Un tema così importante, da cui dipende la salute e la qualità della vita di milioni di consumatori europei, non può infatti essere banalizzato con un sistema di etichettatura non rappresentativo della qualità dei singoli prodotti e non rappresentativo del territorio da cui questi provengono.
Il Ministro Centinaio ha poi colto l’occasione per invitare il Commissario Andriukaitis in Italia per il prossimo settembre, in modo da condividere i passi in avanti compiuti dalle Autorità italiane nella lotta alla Xylella.

Fonte: Ministero delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo

Print Friendly, PDF & Email

About the Author:

Ruminantia - Lo spazio in rete dell'Allevatore. I migliori professionisti del settore a supporto dell'allevatore italiano, con informazioni aggiornate e articoli scientifici.

Scrivi un commento