COP25: gli eurodeputati chiedono la neutralità carbonica entro il 2050

//COP25: gli eurodeputati chiedono la neutralità carbonica entro il 2050

COP25: gli eurodeputati chiedono la neutralità carbonica entro il 2050

L’UE dovrebbe confermare il suo impegno ad arrivare ad avere emissioni nette di CO2 pari a zero entro il 2050 alla Conferenza delle Nazioni Unite e rafforzare la propria ambizione di riduzione delle emissioni per il 2030, ha affermato mercoledì la Commissione ENVI.

In vista della conferenza COP25 delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici a Madrid che si terrà a dicembre, la Commissione per l’ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare ha approvato mercoledì una risoluzione che invita l’UE a presentare la sua strategia a lungo termine per raggiungere la neutralità climatica entro il 2050 alla Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici il più presto possibile. Ciò garantirebbe che l’UE mantenga la sua leadership mondiale nella lotta ai cambiamenti climatici.

Hanno inoltre sottolineato la necessità che l’UE aumenti il suo livello di ambizione per il 2030 al fine di raggiungere l’obiettivo del 2050. I deputati si aspettano che il Green Deal europeo annunciato dal Presidente eletto della Commissione europea Ursula Von Der Leyen includa un obiettivo di riduzione delle emissioni del 55% entro il 2030.

L’ambizione globale per l’aviazione e la navigazione non è sufficiente

I deputati affermano che l’attuale ambizione per l’aviazione e il trasporto marittimo non è all’altezza delle necessarie riduzioni delle emissioni e, pertanto, ritengono che tutti i paesi dovrebbero essere incoraggiati a includere le emissioni del trasporto internazionale e dell’aviazione nei loro piani di contributi nazionali (NDCs).

Più sostegno finanziario per combattere i cambiamenti climatici

I paesi dell’UE dovrebbero almeno raddoppiare i loro contributi all’International Green Climate Fund, afferma la Commissione. Gli eurodeputati sottolineano che gli Stati membri dell’UE sono i maggiori fornitori di finanziamenti pubblici per il clima e che il bilancio dell’UE dovrebbe rispettare pienamente i suoi impegni internazionali. Rilevano inoltre che gli impegni reali dei paesi sviluppati non raggiungono ancora l’obiettivo collettivo di mobilitare 100 miliardi di dollari all’anno a partire dal 2020.

Infine, chiedono urgentemente a tutti i paesi dell’UE di eliminare gradualmente tutti i sussidi diretti e indiretti ai combustibili fossili entro il 2020 e alla Banca europea per gli investimenti di porre fine ai prestiti a progetti riguardanti i combustibili fossili, ad eccezione del gas se usato in combinazione con fonti rinnovabili. L’azione globale intrapresa nei prossimi 10 anni avrà un impatto sul futuro dell’umanità per i prossimi 10.000 anni, dicono.

La Commissione Ambiente sta mostrando all’Europa la strada per diventare il primo continente a emissioni nette zero nel 2050“, ha affermato il Presidente del Comitato per l’ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare, Pascal Canfin (Renew Europe, FR). “Mentre gli Stati Uniti hanno confermato ieri la sua uscita dall’accordo di Parigi, oggi abbiamo ribadito in sede di commissione per l’ambiente del Parlamento europeo che vogliamo che l’Europa sia seria nella sua lotta ai cambiamenti climatici“, ha aggiunto.

Contesto

La Commissione europea ha già proposto l’obiettivo di emissioni nette pari a zero entro il 2050, ma il Consiglio europeo non lo ha ancora approvato in quanto alcuni paesi si oppongono. La COP25 si svolgerà a Madrid dal 2 al 13 dicembre 2019. Parteciperà una delegazione del Parlamento europeo guidata da Bas Eickhout (Verdi, NL).

Prossimi passi

La Commissione per l’Ambiente ha adottato il progetto di risoluzione con 62 voti favorevoli e 11 contrari. Il testo sarà votato dal Parlamento nel suo insieme durante la sessione plenaria del 25-28 novembre a Strasburgo.

Per maggiori informazioni:

Fonte: Parlamento europeo

Print Friendly, PDF & Email
Di |2019-11-08T10:07:37+01:008 Novembre 2019|Categorie: News|Tags: , , |

About the Author:

Ruminantia - Lo spazio in rete dell'Allevatore. I migliori professionisti del settore a supporto dell'allevatore italiano, con informazioni aggiornate e articoli scientifici.

Scrivi un commento