Cresce la spesa in Ricerca & Sviluppo in Europa nel 2017

//Cresce la spesa in Ricerca & Sviluppo in Europa nel 2017

Cresce la spesa in Ricerca & Sviluppo in Europa nel 2017

Nel 2017 gli Stati membri dell’Unione europea hanno speso complessivamente quasi 320 miliardi di euro per la Ricerca & Sviluppo (R&D). La spesa in R&D, come percentuale del PIL, si è attestata al 2,07% nel 2017, rispetto al 2,04% del 2016. Dieci anni prima (2007), l’intensità della R&S era dell’1,77%. 

Per quanto riguarda le altre principali economie, l’intensità della R&S nell’UE era molto inferiore a quella di Corea del Sud (4,22% in 2015), Giappone (3,28% nel 2015) e Stati Uniti (2,76% nel 2015), mentre era più o meno allo stesso livello della Cina (2,06% nel 2015) e molto più alta rispetto alla Russia (1,1% nel 2015) e alla Turchia (0,96%). Per fornire un stimolo alla competitività dell’UE, uno dei cinque obiettivi principali della strategia Europa 2020 è un aumento dell’intensità della R&S nell’UE fino a raggiungere il 3% entro il 2020.

Il comparto delle imprese commerciali continua ad essere il principale settore in cui sono state concentrate le spese in R & S, pari al 66% del totale erogato nel 2017, seguito dal settore dell’istruzione superiore (22%), da quello governativo (11%) e dal settore privato del non-profit (1%). 

Queste informazioni sulla Ricerca & Sviluppo nell’UE sono state pubblicate da Eurostat, l’ufficio statistico dell’Unione europea. La R&S è un importante motore di innovazione, e la sua spesa e intensità sono due degli indicatori chiave utilizzati per monitorare le risorse dedicate alla scienza e alla tecnologia in tutto il mondo.

Spesa in ricerca e sviluppo, rispetto al PIL, in Europa. Fonte Eurostat

Nel 2017 le maggiori intensità di R&S sono state registrate in Svezia (3,33%) e in Austria (3,16%), seguite dalla Danimarca (3,06%) e dalla Germania (3,02%), tutte con spese di R&S superiori al 3% del PIL. Finlandia (2,76 %), Belgio (2,58%) e Francia (2,25% nel 2016) hanno registrato una spesa in R&S tra il 2,0% e il 3,0% del PIL. All’estremo opposto della scala, otto Stati membri hanno registrato un’intensità di R&S inferiore all’1%: Romania (0,5%), Lettonia (0,51%), Malta (0,55%), Cipro (0,56%), Bulgaria (0,75%), Croazia (0,86%), Lituania e Slovacchia (entrambe 0,88%).

Negli ultimi dieci anni l‘intensità della R&S è aumentata in 21 Stati membri, con i maggiori aumenti registrati in Austria (dal 2,42% nel 2007 al 3,16% nel 2017, o + 0,74 punti percentuali) e in Belgio (dall’1.84% nel 2007 al 2,58% nel 2017, o +0,74 pp). Al contrario, l ‘intensità della Ricerca & Sviluppo è diminuita in sei Stati membri, e in modo più marcato in Finlandia (- 0,59 pp) e Lussemburgo (- 0,33 pp). A Malta, l’intensità della R&S è rimasta allo 0,55%. 

Intensità della ricerca e sviluppo negli stati membri dell’Unione Europea nel 2017

La più alta quota di spesa per la R&S nel settore delle imprese è stata registrata in Slovenia e Ungheria

Il settore principale in cui è stata effettuata la R&S nel 2017 è stato quello delle imprese in tutti gli Stati membri, ad eccezione di Cipro, della Lettonia (dove il settore che ha registrato i migliori risultati è stato quello dell’istruzione superiore) e della Lituania (dove la quota del settore dell’istruzione superiore era uguale a quella del settore delle imprese). 

Le maggiori quote di spesa per la R&S nel settore delle imprese sono state osservate in Slovenia (75%), Ungheria (73%), Irlanda e Svezia (entrambe 71%), Bulgaria e Austria (entrambe 70%), Germania (69%), Belgio e Regno Unito (entrambi 68%).

La più alta percentuale di spesa per la R&S nel settore pubblico è stata registrata in Romania mentre quella nell’istruzione superiore è stata registrata in Lettonia

Per il settore governativo, le quote più importanti sono state registrate in Romania (32%), Lituania (28%), Lussemburgo e Lettonia (entrambe il 26%). Le maggiori quote di R&S condotte nel settore dell’istruzione superiore sono state registrate il Lettonia (47%), Portogallo (43%), Cipro (42%) ed Estonia (40%). 

Clicca per leggere il documento integrale

 

Fonte: Eurostat

Print Friendly, PDF & Email
Di |2019-01-14T17:13:28+00:0014 Gennaio 2019|Categorie: News|Tags: , , , , , |

About the Author:

Ruminantia - Lo spazio in rete dell'Allevatore. I migliori professionisti del settore a supporto dell'allevatore italiano, con informazioni aggiornate e articoli scientifici.

Scrivi un commento