Le restrizioni all’utilizzo del farmaco veterinario per ragioni legate al contrasto del fenomeno dell’antibiotico-resistenza e all’eliminazione del rischio di contaminazioni negli alimenti di origine animale devono però convivere con il dovere morale e speculativo del prevenire e curare le patologie d’allevamento. Questa nuova sensibilità dell’opinione pubblica e del legislatore stimola, e per certi aspetti obbliga, a cercare alternative alla metafilassi e alla terapia farmacologica nell’ambito della fitoterapia e della nutrizione clinica dei food animals. Per iniziare a conoscere meglio questa disciplina pubblichiamo la traduzione integrale di un’editoriale pubblicato su Frontiers in Veterinary Science ad aprile 2023.

La fitoterapia è un tipo di medicina complementare e alternativa che utilizza estratti vegetali e altre sostanze naturali per trattare varie condizioni di salute. Si ritiene che queste erbe abbiano varie proprietà medicinali che possono aiutare ad alleviare i sintomi di diverse problematiche, come ansia, depressione, insonnia, dolore e infiammazione. Con l’avvento della resistenza agli antibiotici, i fitobiotici guadagnano molta attenzione tra i ricercatori come opzione terapeutica alternativa per bestiame, pollame e acquacoltura. Alcuni rimedi comunemente usati in fitoterapia includono erbe e loro derivati, e composti bioattivi di origine vegetale tra cui licopene, carotenoidi, L-teanina, fucoidano e acido umico. La fitoterapia utilizzata nella pratica veterinaria sta guadagnando popolarità come opzione terapeutica alternativa o complementare per un’ampia gamma di condizioni negli animali, ed è bello vedere che sono in corso ricerche in questo campo.

Numerosi composti fitochimici naturali presenti nelle piante hanno proprietà medicinali che sono state utilizzate per secoli per favorire la guarigione e prevenire le malattie. Nella pratica clinica veterinaria e medica, la fitoterapia viene utilizzata in vari modi. Ad esempio, alcuni veterinari possono utilizzare rimedi fitoterapici per trattare animali con condizioni quali infezioni batteriche, stress ossidativo e problemi digestivi. Allo stesso modo, alcuni veterinari hanno raccomandato integratori a base di erbe come fonte alternativa di antibiotici promotori della crescita per promuovere o mantenere la produttività degli animali domestici. La fitoterapia utilizzata come strumento terapeutico dovrebbe essere più naturale e meno dannosa dei farmaci convenzionali, è importante notare che non tutti i rimedi erboristici sono sicuri o efficaci. Pertanto, l’obiettivo principale di questo campo di ricerca è fornire nuove informazioni sull’applicazione benefica della pianta medicinale come fonte di fitobiotici per il trattamento dei disturbi fisiopatologici nelle pratiche veterinarie. Gli studi considerati per la pubblicazione su questo argomento sono stati classificati nelle seguenti sezioni.

Potenziale antinfiammatorio dei fitobiotici

L’infiammazione è una risposta naturale del corpo a lesioni o infezioni. Tuttavia, l’infiammazione cronica può portare a varie malattie come l’artrite, il diabete e le malattie cardiovascolari. I fitobiotici sono i composti naturali derivati dalle piante che sono noti per avere vari effetti benefici sulla salute umana e animale. Uno dei vantaggi dei fitobiotici sono le loro proprietà antinfiammatorie. I fitobiotici possono aiutare a ridurre l’infiammazione inibendo la produzione di citochine ed enzimi infiammatori e eliminando i radicali liberi che contribuiscono allo stress ossidativo. Esempi di composti fitoterapici con proprietà antinfiammatorie includono la curcumina, presente nella curcuma; resveratrolo, presente nell’uva e nel vino rosso; quercetina, presente in frutta e verdura; e acidi grassi omega-3, presenti nel pesce ed in alcune piante.

Diversi studi hanno riportato che i composti fitoterapici, derivati dalle piante, hanno proprietà antinfiammatorie che possono aiutare a regolare i mediatori proinfiammatori del corpo. Questi composti possono agire su vari percorsi coinvolti nell’infiammazione, inclusa l’inibizione delle citochine proinfiammatorie, come il fattore di necrosi tumorale-alfa (TNF-alfa), l’interleuchina-1 beta (IL-1beta) e l’interleuchina-6 (IL-6). È stato riportato che l’infiammazione cronica è stata collegata a un aumento del rischio di sviluppo e progressione del cancro. L’infiammazione è un processo biologico complesso che comporta l’attivazione delle cellule immunitarie, il rilascio di mediatori dell’infiammazione, come citochine e chemochine, e la produzione di specie reattive dell’ossigeno e dell’azoto (ROS/RNS) da parte delle cellule immunitarie e non immunitarie, che svolgono un ruolo nella trasformazione delle cellule normali e nello sviluppo delle cellule tumorali. È stato scoperto che composti naturali come resveratrolo, curcumina, quercetina e gingerolo hanno proprietà antiossidanti, che possono aiutare a ridurre lo stress ossidativo, prevenire l’infiammazione e modulare queste vie di segnalazione, riducendo così l’infiammazione. In uno studio recente è stato riportato che l’integrazione alimentare della formula della medicina tradizionale cinese (MTC) ha aumentato significativamente i livelli di enzimi antiossidanti, come la superossido dismutasi e il glutatione perossidasi, e ha ridotto i livelli di specie reattive dell’ossigeno nel fegato dei suinetti rispetto al gruppo di controllo. La formula TCM ha anche ridotto l’espressione di citochine infiammatorie, come l’interleuchina-1β e il fattore di necrosi tumorale-α, nel fegato. Allo stesso modo, un altro studio ha scoperto che il trattamento con l’estratto di Jasonia glutinosa ha portato a una significativa riduzione dell’infiammazione e dei marcatori dello stress ossidativo nel tessuto del colon dei topi con colite indotta. Inoltre, l’estratto di J. glutinosa ha migliorato l’integrità della barriera intestinale riducendo la fuoriuscita di batteri intestinali ed endotossine nel flusso sanguigno.

Potenziale antibatterico dei composti fitoterapici

L’applicazione benefica della fitoterapia è aumentata nell’ultimo decennio e c’è stata una crescente enfasi sugli agenti terapeutici naturali a base vegetale per il trattamento e il controllo delle infezioni microbiche. Molte piante contengono composti bioattivi con proprietà antimicrobiche che possono aiutare a inibire la crescita e la diffusione di microrganismi. Questi composti includono alcaloidi, flavonoidi, terpenoidi e acidi fenolici, tra gli altri. La ricerca ha dimostrato che molti medicinali a base di erbe hanno potenti proprietà antimicrobiche e possono essere usati come terapia alternativa o complementare agli antibiotici convenzionali. Tuttavia, è importante notare che l’efficacia e la sicurezza dei medicinali a base di erbe possono variare a seconda di fattori quali la specie vegetale, la parte della pianta utilizzata, il metodo di preparazione e il dosaggio.

Diversi studi hanno dimostrato che i fitobiotici possono inibire la crescita di varie specie batteriche, comprese quelle patogene per l’uomo e gli animali. Ad esempio, l’olio essenziale di origano ha dimostrato di essere efficace contro diversi tipi di batteri, tra cui Escherichia coli, Salmonella enterica e Staphylococcus aureus. Altri fitobiotici comunemente studiati con proprietà antibatteriche includono aglio, cannella, timo e tea tree oil. Queste sostanze hanno dimostrato di essere efficaci contro una serie di batteri, compresi quelli resistenti agli antibiotici.

Si ritiene che gli effetti antibatterici dei fitobiotici siano dovuti alla loro capacità di distruggere le membrane delle cellule batteriche, interferire con i processi metabolici batterici e/o inibire l’attività degli enzimi batterici. Inoltre, alcuni fitobiotici possono stimolare il sistema immunitario per aiutare a combattere le infezioni batteriche. Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere appieno i loro meccanismi d’azione e i potenziali effetti collaterali.

Potenziale antivirale dei composti fitoterapici

Le mutazioni nei virus sono un evento naturale e possono portare alla comparsa di nuovi ceppi che possono avere caratteristiche diverse rispetto al virus originale. In alcuni casi, le mutazioni possono portare allo sviluppo di resistenza agli agenti antivirali. Lo sviluppo della resistenza agli agenti antivirali è una preoccupazione nel campo della virologia, in quanto può rendere più difficile il controllo delle infezioni virali. Per risolvere questo problema, i ricercatori lavorano continuamente per sviluppare nuovi agenti antivirali efficaci contro un’ampia gamma di ceppi, compresi quelli che hanno sviluppato resistenza ai trattamenti esistenti. C’è stato un crescente interesse tra i ricercatori nell’esplorare il potenziale dei composti fitoterapici come trattamenti efficaci per le infezioni virali grazie alle loro proprietà antivirali.

Diversi studi hanno suggerito che alcuni composti fitoterapici possono avere effetti antivirali e potrebbero essere potenzialmente utilizzati come trattamenti alternativi o complementari per le infezioni negli animali. Ad esempio, è stato dimostrato che composti come flavonoidi, terpeni e alcaloidi presenti in varie piante possiedono attività antivirale contro un numero di virus tra cui influenza, virus dell’herpes simplex, HIV e coronavirus. D’altra parte, alcuni studi hanno dimostrato che i composti presenti in piante come l’echinacea, il sambuco e l’aglio hanno effetti antivirali e possono aiutare a potenziare la risposta immunologica. Tuttavia, è importante notare che l’efficacia e la sicurezza di questi composti fitoterapici nel trattamento delle infezioni virali negli animali devono ancora essere valutate a fondo attraverso studi clinici e ulteriori ricerche. Inoltre, è essenziale garantire che l’uso di tali trattamenti sia conforme alle leggi e ai regolamenti applicabili.

I fitobiotici modulano il microbiota intestinale negli animali

Questo microbiota, noto anche come microbiota intestinale o flora intestinale, è una raccolta complessa e diversificata di microrganismi che risiedono nel tratto gastrointestinale degli animali e dei volatili da cortile. Il microbiota è costituito da migliaia di diverse specie microbiche, tra cui batteri, archaea, virus e funghi, che insieme formano un complesso sistema ecologico che svolge un ruolo cruciale nel mantenimento della salute e del benessere dell’organismo ospite. Lo studio del microbiota intestinale è un campo di ricerca in rapida crescita, poiché gli scienziati continuano a scoprire i molti modi in cui questi microrganismi interagiscono con l’ospite e influenzano vari aspetti della salute e della malattia.

I fitobiotici hanno dimostrato di avere un impatto significativo sulla composizione e sulla funzione del microbiota intestinale. Questi composti possono agire come prebiotici, che sono sostanze che promuovono la crescita di batteri benefici nell’intestino, o come antimicrobici, che possono aiutare a controllare la crescita di batteri nocivi. Alcuni esempi di fitobiotici includono polifenoli, flavonoidi e terpeni, che si trovano in una vasta gamma di alimenti a base vegetale come frutta, verdura, erbe e spezie. Questi composti possono aiutare a mantenere un sano equilibrio di batteri nell’intestino, che è importante per la salute generale e il benessere dell’ospite.

Nell’intestino sono presenti numerose specie batteriche che contribuiscono al mantenimento dell’equilibrio omeostatico dell’organismo. Alcune delle specie batteriche più conosciute che svolgono un ruolo cruciale nella salute dell’intestino includonoBifidobacterium, Lactobacillus e Akkermansia muciniphila. È stato scoperto che queste specie batteriche interagiscono con piante medicinali o erbe per migliorare la salute dell’intestino e l’equilibrio del corpo dell’animale. Inoltre, alcune erbe come lo zenzero, la menta piperita e il finocchio sono state tradizionalmente utilizzate per trattare problemi digestivi e si è scoperto che hanno proprietà antimicrobiche contro i batteri nocivi nell’intestino. Queste erbe possono anche aiutare a promuovere la crescita di batteri benefici, come Bifidobacterium e Lactobacillus, e migliorare la salute dell’intestino.

Ruolo immunomodulatore dei fitobiotici

Il sistema immunitario è responsabile della protezione del corpo da infezioni e malattie. Le malattie immunosoppressive sono una preoccupazione significativa nelle specie di bestiame e pollame perché possono avere un impatto negativo sulla salute e sulla produttività degli animali, portando a perdite economiche per i produttori. Le malattie immunosoppressive sono avviate attraverso diversi fattori, tra cui infezioni virali, batteriche e parassitarie, nonché fattori di stress ambientali e gestionali come cattiva alimentazione o sovraffollamento. Queste malattie possono indebolire il sistema immunitario dell’animale, rendendolo più vulnerabile alle infezioni secondarie e riducendo la sua capacità di combattere i patogeni.

Precedenti studi hanno suggerito che i fitobiotici regolassero in modo significativo il sistema immunitario attivando o sopprimendo determinate risposte immunitarie. Ad esempio, alcuni fitobiotici possono stimolare la produzione di citochine, che segnalano molecole che aiutano a potenziare la risposta immunitaria. Altri fitobiotici possono inibire l’attività delle cellule infiammatorie, come macrofagi e neutrofili, che possono ridurre l’infiammazione e il danno tissutale. I fitobiotici possono anche avere proprietà antiossidanti, che possono aiutare a proteggere il sistema immunitario dai danni causati dai radicali liberi delle specie reattive dell’ossigeno. Inoltre, alcuni fitobiotici possono stimolare la crescita di batteri intestinali benefici, portando a migliorare la risposta immunologica. Nel complesso, il ruolo immunomodulatore dei fitobiotici è un’area di ricerca attiva e molti composti di origine vegetale vengono studiati per i loro potenziali effetti terapeutici sui disturbi immunitari.

Conclusione

Negli ultimi anni, c’è stato un crescente interesse per l’applicazione della MTC nella zootecnia, in particolare come additivo per mangimi per avicoli e altre specie animali. È bello osservare che le ricerche sull’applicazione della MTC come additivo per mangimi hanno contribuito al miglioramento della salute e dell’economia delle specie di pollame e bestiame. L’utilizzo di composti fitoterapici o estratti di MTC può infatti avere effetti positivi sulla salute e sul rendimento degli animali. È importante continuare la ricerca e sviluppare nuovi modi per migliorare la salute e la produttività degli animali in modo sostenibile ed etico. I contributi di tutti i partecipanti coinvolti in questo argomento di ricerca sono molto apprezzati, in quanto il loro lavoro contribuirà a far progredire il campo e a beneficiare l’industria nel suo complesso.

L’articolo è Open Access e può essere scaricato gratuitamente qui.