Prova di campo relativa all’adozione di un programma neonatale in un allevamento di vacche da latte

//Prova di campo relativa all’adozione di un programma neonatale in un allevamento di vacche da latte

Prova di campo relativa all’adozione di un programma neonatale in un allevamento di vacche da latte

Gli obiettivi della sperimentazione sono stati quelli di valutare in campo l’applicazione del “Neonate program”, basato su azioni sinergiche di lievito vivo con pareti cellulari e destinato ai giovani animali fino all’età dello svezzamento, per la valutazione della riduzione di patologie neonatali e dell’accrescimento ponderale.

La ricerca di campo si è sviluppata in tre fasi:

  • Fase asciutta;
  • Fase neonatale;
  • Fase presvezzamento.

E’ utile sottolineare l’importanza strategica di intervenire nella fase di asciutta con un’obiettivo: la stabilizzazione dei parametri di fermentazione del rumine, raggiungibile tramite la somministrazione di lievito vivo ACTISAF (5 g/capo/giorno) e somministrazione di parete cellulare di lievito SAFMANNAN (10 g/capo/giorno) a partire da 60 gg prima del parto.

Altrettanto importante è l’obiettivo di intervento nella fase neonatale:

limitare il rischio di diarree neonatali e l’uso degli antibiotici terapeutici e di terapie di massa, tramite la somministrazione di un mangime alimentare dietetico contenente derivati del lievito Safmannan, probiotico batterico e selenio in forma organica Selsaf.

L’accento delle conclusioni finali si pone sulla riduzione delle patologie enteriche e respiratorie nei giovani animali, grazie, appunto, all’intervento mirato in asciutta.

 

Per saperne di più clicca qui!

 

Print Friendly, PDF & Email
Di |2019-03-25T11:36:52+02:004 Marzo 2019|Categorie: Prove di campo|Tags: , , , , , |

About the Author:

Ruminantia - Lo spazio in rete dell'Allevatore. I migliori professionisti del settore a supporto dell'allevatore italiano, con informazioni aggiornate e articoli scientifici.

Scrivi un commento