Effetto della produzione di latte sulle prestazioni riproduttive nelle bovine

//Effetto della produzione di latte sulle prestazioni riproduttive nelle bovine

Effetto della produzione di latte sulle prestazioni riproduttive nelle bovine

INTRODUZIONE

Il settore lattiero-caseario in Argentina ha subito modifiche sostanziali durante gli ultimi 25 anni. Tradizionalmente, l’industria casearia di questo paese ha fatto fortemente affidamento sull’erba per la produzione di latte, ma nel 1990 si è verificata una importante variazione verso l’allevamento intensivo. In conseguenza di tale processo, la produzione nazionale di latte all’anno è aumentata da 6.000 a 10.000 milioni di kg, mentre il numero degli allevamenti è diminuito da 30.141 a 15.000 e la grandezza media della mandria è aumentata da 67 a 134 vacche. Questo miglioramento della produttività è stato accompagnato da un aumento della densità di animali per ettaro coltivato, mentre la produzione media di latte individuale è aumentata solo da 8.5 a 11.5 kg/giorno. Per contro, tra il 2002 e il 2012 si è verificata un’importante accelerazione e la produzione media di latte individuale è aumentata da 11,5 a 18,5 kg/giorno, mentre la popolazione totale delle vacche da latte è diminuita da 2.005.000 a 1.748.000 (Parellada e Schilder, 1999; Taverna, 2013).

Questa intensificazione nell’uso delle risorse agricole durante gli ultimi decenni, tendenza presente in tutto il mondo, ha portato ad un aumento della produttività (FAO, 2005). Durante lo stesso periodo è stata rilevata, in alcune misurazioni, una diminuzione della fertilità delle vacche da latte (Lucy, 2001; Butler, 2003; Melendez e Pinedo, 2007; Piccardi et al., 2013). Di conseguenza, alcuni ricercatori hanno ipotizzato la presenza di un rapporto antagonistico tra produzione di latte e fertilità (Lucy, 2001; Butler, 2003). Molti studi hanno affrontato questo argomento controverso con approcci e risultati incoerenti. Alcuni hanno trovato associazioni negative (Eicker et al., 1996; Grohn e Rajala-Schultz, 2000; Lucy, 2001; Butler, 2003; Melendez e Pinedo, 2007; Madouasse et al., 2010; Piccardi et al., 2013), mentre altri hanno riferito una relazione positiva (Rajala-Schultz et al., 2001; Campbell et al., 2009; Cook e verde, 2016).

Tali incongruenze potrebbero essere il risultato dell’uso di indicatori parziali (cioè misure di produzione e riproduzione) (LeBlanc, 2010), di pregiudizi di selezione dovuti a decisioni di gestione in studi effettuati in allevamenti commerciali (Morton, 2006), o del modo in cui i dati multilivello sono stati gestiti dai ricercatori (Bello et al., 2012). Modelli multilivello ci consentono di valutare effetti contestuali includendo un preannunciatore di livello superiore che rappresenta l’effetto del contesto o del gruppo a cui appartengono gli individui (Snijders e Bosker, 2012). Possiamo usare questa analisi per valutare separatamente il rapporto tra la produzione di latte e le performance riproduttive a livelli di vacca e di mandria. La relazione a livello di mandria (effetto contestuale di mandria) può differire in grandezza e anche in direzione dal rapporto a livello di vacca.

La nostra ipotesi di lavoro era che la produzione di latte e le performance riproduttive nelle vacche non sono necessariamente antagoniste e che questa relazione è influenzata dall’effetto della mandria. Quindi, i principali obiettivi di questo studio erano di valutare la relazione tra produzione di latte a livello di vacca e performance riproduttiva, e se tale associazione cambia con il livello di produzione di latte della mandria per stimare la grandezza di un effetto contestuale di mandria. Un ulteriore obiettivo era di stimare l’andamento degli indicatori di performance riproduttiva nel tempo nelle vacche argentine.

ABSTRACT

L’obiettivo del presente studio era di valutare la relazione tra la produzione di latte vaccino individuale e la fertilità, tenendo conto dell’effetto contestuale della mandria. È stato utilizzato un set di dati comprendente 657.968 lattazioni da 677 mandrie di bovine da latte in Argentina dal 2001 al 2012. Il tasso di gravidanza a 100 giorni di lattazione (DIM) è stato valutato utilizzando un modello logistico multilivello (con vacca come primo livello gerarchico e mandria come secondo) e il tempo della gravidanza è stato valutato da un modello di regressione delle probabilità proporzionale. I modelli logistici multilivello includevano gli effetti fissi della produzione di latte a 80 DIM (giorni medi di lattazione), il numero di parti, l’anno e la stagione del parto a livello di vacca e i quartili di produzione di latte della mandria a 80 DIM come effetto contestuale. Il modello delle probabilità proporzionale includeva l’effetto della produzione giornaliera di latte a livello di vacca come variabile dipendente dal tempo, con la produzione di latte al livello della mandria come variabile di stratificazione. Le vacche che producono una deviazione standard superiore alla media della produzione media di latte della mandria a cui appartengono hanno 1,3 punti percentuali in meno di gravidanza a 100 DIM (dal 31,4 al 30,1%, odds ratio = 0,942) nelle mandrie nel quartile top della produzione di latte, mentre hanno 0,5 punti percentuali in più (dal 27,9 al 28,4%) quando si tratta di mandrie nel quartile più basso per la produzione di latte. Solo il 4% delle variazioni osservate nella gravidanza a 100 giorni di lattazione è stato spiegato dall’effetto random della mandria. Allo stesso modo, le vacche che producono una deviazione standard (8 kg/giorno) maggiore rispetto alla media del latte giornaliero della mandria avevano una probabilità di gravidanza inferiore dell’1,3% (hazard ratio = 0,987) a 63 DIM nelle mandrie nel quartile superiore della produzione di latte, mentre avevano il 14,8 % di probabilità in più (hazard ratio = 1.148) negli allevamenti nel quartile più basso della produzione di latte. L’entità dell’associazione negativa tra la produzione giornaliera di latte della vacca e la probabilità di gravidanza aumentava con i giorni di lattazione (DIM).

In conclusione, la relazione tra produzione di latte e performance riproduttiva è statisticamente significativa, ma la dimensione dell’effetto è estremamente piccola ed è modulata dal livello di produzione della mandria.

PAROLE CHIAVE:

effetto contestuale; produzione di latte; modello multilivello; prestazione riproduttiva

 

 

EFFECT OF MILK PRODUCTION ON REPRODUCTIVE PERFORMANCE IN DAIRY HERDS

 

Rearte R 1 , LeBlanc SJ 2 , Corva SG 3 , de la Sota RL 4 , Lacau-Mengido IM 5 , Giuliodori MJ 6 .

1-Cátedra de Higiene, Epidemiología y Salud Pública, Facultad de Ciencias Veterinarias-Universidad Nacional de La Plata, La Plata, B1900AVW, Argentina; Consejo Nacional de Investigaciones Científicas y Técnicas (CONICET), Buenos Aires, C1033AAJ, Argentina.

2-Dipartimento di medicina di popolazione, Università di Guelph, Guelph, Ontario, Canada N1G 2W1.

3-Cátedra de Higiene, Epidemiología y Salud Pública, Facultad de Ciencias Veterinarias-Universidad Nacional de La Plata, La Plata, B1900AVW, Argentina.

4-Consejo Nacional de Investigaciones Científicas y Técnicas (CONICET), Buenos Aires, C1033AAJ, Argentina; Cátedra y Servicio de Reproducción Animal, Facultad de Ciencias Veterinarias-Universidad Nacional de La Plata, La Plata, B1900AVW, Argentina.

5-Consejo Nacional de Investigaciones Científicas y Técnicas (CONICET), Buenos Aires, C1033AAJ, Argentina; Instituto de Biología y Medicina Experimental-Consejo Nacional de Investigaciones Científicas y Técnicas, Buenos Aires, C1428ADN, Argentina.

6-Cátedra de Fisiología, Facultad de Ciencias Veterinarias-Universidad Nacional de La Plata, La Plata, B1900AVW, Argentina. Indirizzo elettronico: mauriciog1969@gmail.com.

 

Journal of Dairy Science Vol. 101 No. 8, 2018

doi.org/10.3168/jds.2017-13796

Print Friendly, PDF & Email

About the Author:

Ruminantia - Lo spazio in rete dell'Allevatore. I migliori professionisti del settore a supporto dell'allevatore italiano, con informazioni aggiornate e articoli scientifici.

Scrivi un commento