Etica nell’allevamento degli animali

//Etica nell’allevamento degli animali

Etica nell’allevamento degli animali

di Wenche Farstad 

L’allevamento etico comporta l’uso di animali sani, fedeli alle loro specie nel comportamento e nell’aspetto fisico e, se possibile, mostrare una performance sostenibile. Le preoccupazioni per la specie/razza sono parti essenziali degli obiettivi di selezione, tra cui la conservazione delle risorse genetiche all’interno della specie/razza e la salute e il benessere del singolo animale. Spesso le considerazioni etiche e di benessere non erano prioritarie nello sviluppo di nuove razze per la produzione di cibo o di animali da compagnia e di conseguenza le pratiche di riproduzione animale stanno diventando sempre più parte del dibattito sul benessere degli animali. Negli animali da compagnia, l’allevamento per curiosità o per bellezza possono essere un obiettivo in sé, sebbene i cani siano anche allevati per l’utilità. Negli animali da produzione l’attenzione si concentra sulla performance, cioè su entità quantitative e reddito finanziario, piuttosto che sull’aspetto fisico. Ad esempio, le vacche da latte vengono allevate per essere più grandi e per avere rese più elevate di latte, scrofe e pecore per produrre più prole e i cavalli sono progettati per essere cavalcati, correre e compagnia. L’overbreeding in relazione alla domanda attuale di cavalli, gatti e cani solleva problemi di benessere a causa dell’abbandono o dell’uccisione di cavalli e milioni di cani e gatti ogni anno. Vi è una regolamentazione variabile dei requisiti sanitari per gli animali riproduttori in diversi paesi del mondo. In molti paesi i consumatori stanno diventando sempre più consapevoli delle problematiche legate al benessere degli animali, come gli effetti negativi di alcuni tratti di produzione negli animali da allevamento con conseguente diminuzione della domanda di carne in un momento in cui l’aumento della produzione alimentare sta diventando cruciale. Tra questi dilemmi ci sono i veterinari. 

L’etica è un insieme di principi morali che regola il comportamento di una persona o la conduzione di un’attività. Il codice morale di una persona o di una popolazione è definito culturalmente e può dipendere dalla religione, dalla politica o dalla nazionalità (Crony & Millman, 2007 ). Si potrebbe sostenere che esiste un fenomeno come valori umani fondamentali o etica che può essere comune a tutti gli esseri umani indipendentemente dal background culturale, con la maggior parte degli individui che sono fortemente contrari a ferire o maltrattare altri umani, specialmente i bambini. Valori centrali simili esistono anche nella nostra relazione con gli animali con la maggior parte degli umani che mostrano una forte empatia con gli animali specialmente con quelle specie a cui sono legati culturalmente ed emotivamente (Merz-Perez, Heide e Silverman, 2001). Questo equivale a trattare bene gli animali che possediamo in modo che possano servire meglio gli esseri umani (principi utilitaristici); trattarli bene perché ci è stata data loro la responsabilità (principio “genitore”) o trattare bene gli animali perché gli animali hanno un valore proprio (valore intrinseco) e quindi hanno determinati diritti. Quindi, l’etica della zootecnia, inclusa la riproduzione animale, può riguardare il trattamento degli animali in modo che gli animali non soffrano, trattandoli bene per aumentare i nostri benefici dal mantenerli o perché abbiano il diritto di avere una vita buona. Indipendentemente tutti questi approcci affermano che trattiamo gli animali in modo tale che la loro salute e il loro benessere non vengano compromessi durante la loro vita. Il benessere degli animali è definito dall’Organizzazione mondiale per la salute degli animali (OIE) ( 2013 “come un animale sta affrontando le condizioni in cui vive”. 

Una buona definizione di allevamento di per sé non è facile da trovare, sebbene la maggior parte delle persone avrà una comprensione generale del significato del termine allevamento animale come la riproduzione sessuale intenzionale degli animali. Le definizioni nei dizionari differiscono ma nessuna include o elabora aspetti dell’allevamento strategico: cioè l’attività di conservare e prendersi cura degli animali per produrre più animali di un certo tipo o con attributi particolari. L’allevamento strategico comprende la selezione specifica di animali parentali e talvolta include l’allevamento assistito ( Cambridge English Dictionary , Merriam Webster e Oxford Dizionari ). 

Da un punto di vista veterinario, l’allevamento di animali da compagnia viene eseguito principalmente da allevatori che producono un numero limitato di prole. Nel bestiame e nel pesce, tuttavia, l’allevamento può essere considerato parte di una vasta industria, con l’obiettivo di avere un numero elevato di produzione di prole. Il compito della comunità veterinaria è di affrontare i limiti e le questioni relative al benessere degli animali in entrambi i tipi di allevamento. 

Quando si combinano i due termini “etica” e “allevamento animale”, il significato è una produzione deliberata di prole di animali, che implica la considerazione coscienziosa del fatto che sia moralmente corretto o accettabile produrre la progenie. Quindi, l’allevamento etico deve coinvolgere “ l’uso di animali sani e fedeli alle loro specie nel comportamento e negli sguardi e, se del caso, mostrare una performance sostenibile” (Olsson, Gamborg, & Sandoe, 2006 ). 

Il benessere degli animali è strettamente associato all’allevamento degli animali, poiché in molti modi utilizziamo gli animali per soddisfare le richieste umane di compagnia, bellezza, intrattenimento, ricerca, utilità, protezione, cibo e reddito finanziario. Gli esseri umani devono fare considerazioni etiche quando definiscono obiettivi di allevamento basati su un equilibrio tra le nostre richieste e le esigenze degli animali. Qualsiasi addomesticamento influenza il comportamento animale, che può variare tra le diverse specie. L’adattamento a un ambiente umano si verificherà in misura diversa. 

Gli allevatori di animali selezionano spesso i loro soggetti riproduttori sulla base di attributi specifici, mirando a raggiungere l’eccellenza definita individualmente nei tratti di produzione, nell’aspetto fisico o nelle prestazioni, indipendentemente dal fatto che allevino alpaca, galline, gatti o mucche. Le ragioni per gli animali riproduttori sono numerose e variano a seconda del tipo di animale. Spesso gli aspetti finanziari giocano un ruolo importante. Sfortunatamente la solidità fisica e funzionale non è sempre di alta priorità quando si progettano nuovi tipi, ad esempio in una nuova razza di gatti o in una mucca da latte ad alto rendimento. Di conseguenza le pratiche di riproduzione degli animali e i risultati della riproduzione sono diventati parte del dibattito che si occupa delle questioni relative al benessere degli animali e alla responsabilità degli allevatori e dei veterinari. 

Nell’allevamento degli animali da compagnia e talvolta nel bestiame si utilizza la monta naturale. Tuttavia, le tecniche di riproduzione assistita, come l’inseminazione artificiale (AI), la fecondazione in vitro e il trasferimento degli embrioni, sono generalmente accettate dal pubblico e hanno acquisito un ruolo importante negli ultimi decenni in molte specie, soprattutto nei bovini, in Europa, Stati Uniti e molti altri paesi. Le tecniche di riproduzione assistita possono anche comportare la manipolazione di gameti ex vivo. Interventi quali l’iniezione intracitoplasmatica di spermatozoi (ICSI), il trasferimento di embrioni o la clonazione mediante trasferimento nucleare possono sollevare preoccupazioni etiche. 

Negli animali da produzione l’obiettivo dell’allevamento è l’andamento della produzione, cioè entità quantitative, resa (carne o latte, uova o vello) piuttosto che l’aspetto fisico. Alcune razze bovine sono allevate per raggiungere livelli di produzione molto alti (Lucy, 2016 ). Ad esempio, una vacca del Wisconsin di razza Holstein ha fissato il record nazionale di produzione annua di latte negli Stati Uniti di 35.000 kg di latte, mentre la media effettiva di produzione di tutte le mandrie di Holstein negli Stati Uniti nel 2014 è stata di 11.318 kg di latte. Un aumento annuo del 12% del tasso annuo di produzione di latte per vacca è stato registrato negli ultimi 10 anni (2008-2017) secondo il Servizio Nazionale Statistico dell’Agricoltura del Dipartimento dellAagricoltura degli Stati Uniti ( 2018). I consumatori stanno diventando sempre più consapevoli dei problemi di benessere delle moderne pratiche di allevamento e mantenimento. Queste preoccupazioni hanno portato ad una diminuzione della domanda di prodotti agricoli convenzionali e ad un aumento della domanda di prodotti alimentari biologici in alcuni paesi. 

Bovine da latte 

Le vacche ad alto rendimento sono state allevate a causa del loro grande potenziale genetico per l’aumento della produzione di latte e le attuali strategie di gestione della mandria si concentrano su “alto reddito rispetto ai costi dei mangimi” (IOFC). Questo sviluppo ha portato a requisiti più elevati in termini di qualità del cibo e gestione della fertilità. Ad esempio, l’alterata ovulazione e il calore silente hanno portato ad un maggiore uso di trattamenti ormonali. Uno dei regimi suggeriti per l’ovulazione programmata è il protocollo Double Ovsynch, che include ben quattro GnRH e due iniezioni di PGF2a per femmina per indurre l’ovulazione che può essere utilizzata per l’AI a tempo (Souz, Ayres, Ferreira e Wiltbank, 2008)). Dal punto di vista del benessere degli animali questo potrebbe non essere accettabile, e vi è il rischio di ridurre la capacità di ovulare naturalmente poiché la capacità di ovulazione spontanea non fa più parte di una scelta genetica deliberata (Lucy, 2016 ). La preoccupazione è che questi protocolli comunemente usati negli Stati Uniti e in altre parti del mondo possano mascherare l’infertilità consentendo alle vacche altrimenti sterili di rimanere gravide. Queste vacche sterili possono avere un alto tasso di gravidanza (DPR) perché ricevono un’IA programmata e diventano precocemente gravide nel post-partum a volte anche con lo sperma sessato. Di conseguenza il sistema riproduttivo della prole potrebbe non funzionare indipendentemente dall’intervento esterno (Lucy, 2016). Sebbene i tassi di gravidanza siano aumentati nelle Holstein (Norman, Wright, Hubbard, Miller e Hutchison, 2009 ) sono significativamente inferiori rispetto alle razze bovine che producono meno latte. Ad esempio, il bovino norvegese a duplice attitudine ha una media di 8.000 kg/anno con un tasso di non ritorno (NRR) del 56%  e un tasso di parto del 65% (vacche Holstein che producono in media 11.300 kg (23.000 sterline) di latte all’anno, (Holstein, 2018, Stati Uniti d’America, il Dipartimento nazionale dell’agricoltura (USA) del Dipartimento dell’agricoltura ( 2018 ) mostrano percentuali di NRR del 35% -40% (Fouz, Gandoy, Sanjuán, Yus e Diéguez, 2011). La conseguenza di una rigorosa selezione per l’aumento della produzione di latte nelle vacche da latte Holstein è stata una riduzione molto notevole delle prestazioni riproduttive (Berry, Friggens, Lucy e Roche, 2016 ) e per questo motivo la selezione dell’efficienza riproduttiva e della fertilità della figlia è stata inserita nei programmi di riproduzione della Holstein dal 2010. Una considerazione di una combinazione di produzione di latte e parametri sanitari nel contesto della riproduzione è necessaria per prevenire tali effetti indesiderati sulla salute e il benessere delle vacche (Berry, 2017 ). 

Bovini da carne 

Molte razze bovine sono allevate per produrre un massimo di aumento di peso giornaliero. Alcune razze hanno attributi speciali che le rendono attraenti sul mercato delle carni bovine, ma alcuni tratti sono anche associati a problemi di salute. La razza probabilmente più citata nel contesto del problema del benessere degli animali, è la Blue belga. La sua doppia muscolatura è dovuta a una mutazione del gene della miostatina, che codifica per la proteina miostatina che inibisce lo sviluppo muscolare (Kambadur, Sharma, Smith e Bass, 1997). Questa mutazione interferisce anche con la deposizione di grasso, con conseguente carne molto magra ad alto valore proteico. La carne, quindi, ha una straordinaria tenerezza e sapore, che la rendono attraente sul mercato delle carni bovine. Tuttavia, le mutazioni della miostatina possono influenzare un numero di diversi sistemi corporei e avere un impatto negativo sul benessere dei bovini. Il sintomo più conosciuto nei blues belga è la distocia e il tasso di taglio cesareo straordinariamente alto a causa della grande massa muscolare sul retro del polpaccio (West, 1997). Inoltre, i problemi con le deformazioni della mascella e le lingue eccessivamente ingrandite, che influenzano la capacità del vitello di succhiare e quindi la sua sopravvivenza, così come i problemi respiratori, cardiaci e riproduttivi, sono stati tutti documentati nella razza Blue belga. I problemi di benessere legati alle mutazioni hanno spinto i veterinari a scoraggiare l’allevamento di queste razze con altre razze a doppia muscolatura. 

Mentre la clonazione e l’ingegneria genetica sono trattate solo brevemente in questa recensione è importante notare che queste nuove tecnologie stanno diventando sempre più importanti nelle moderne procedure di riproduzione assistita nel bestiame (Hasler, 2014; Perry, 2017 ). 

La procedura di clonazione mediante SCNT nella maggior parte dei mammiferi ha come risultato tassi di gravidanza molto inferiori a quelli ottenuti in vivo dopo l’inseminazione e dal trasferimento di embrioni derivati ​​in vitro (Kruip & den Daas, 1997 ). Inoltre in alcune specie una percentuale significativa di feti clonati che sopravvivono a termine hanno disturbi come organi sovradimensionati, aumento o diminuzione della crescita complessiva, insufficienza respiratoria e malformazioni degli arti. Nei bovini e altri ruminanti, questi fenotipi anormali sono indicati come la sindrome della prole grande (LOS) (Young, Sinclair, & Wilmut, 1998). Lo sviluppo improprio della placenta può giocare un ruolo importante nelle anormalità fetali. È stato suggerito che i fenotipi patologici nello sviluppo placentare e fetale dei cloni sono associati ad una riprogrammazione anomala dell’ooplasma della cellula donatrice utilizzata per il trasferimento nucleare (Humphreys et al., 2001 ; Rideout, Eggan, & Jaenisch, 2001 ; Suzuki et al., 2009 ). La discendenza anormale in alcuni cloni di animali domestici comporta un costo di clonazione per l’animale, per la specie (aumentato rischio di ridotta diversità genetica), l’allevatore, così come il veterinario e la società che si occupano della salute e del benessere dei cloni e dei loro prole (EFSA, 2012 ). 

Diverse terminologie descrivono gli animali geneticamente modificati come “geneticamente modificati”, geneticamente manipolati, modificati geneticamente, transgenici e derivati ​​dalle biotecnologie. Nelle prime fasi dell’ingegneria genetica la tecnologia primaria utilizzata era la transgenesi che letteralmente significa trasferimento di materiale genetico da un organismo all’altro (Waigmann et al.,2012 ). Tuttavia, con i progressi sul campo, sono emerse nuove tecnologie che non richiedono necessariamente la transgenesi. Recenti applicazioni consentono la creazione di animali geneticamente modificati tramite l’inserimento di geni (CRISPR) o la cancellazione di geni o la manipolazione di geni già presenti ( Ormandy, Dale e Griffin, 2011 ; Sander & Joung, 2013). Cluster regolarmente intervallati da brevi ripetizioni palindromi (CRISPR) è stati utilizzati per la produzione di due vitelli di razza Holstein senza corna in Minnesota nel 2016 (Carlson et al.,2016 ). La manipolazione  dei geni può essere utilizzata per aumentare la resistenza alle malattie e altri caratteri che possono essere  vantaggiosi. Tuttavia, esiste un potenziale per alterare i geni che possono compromettere il valore intrinseco delle mucche, come l’inserimento di geni da altre specie, o la creazione di tratti che sono più vantaggiosi per il profitto di produzione rispetto alle mucche stesse (Eriksson, Jonas, Rydhmer, & Röcklinsberg, 2018 ). In questi casi, l’inserimento di geni può essere considerato non etico o controverso, aprendo questioni relative all’integrità e / o alla dignità animale (Ormandy et al.,2011 ). 

Il compito principale dei veterinari è quello di proteggere e monitorare la salute e il benessere degli animali. In quanto tali i veterinari forniscono consulenza professionale ai proprietari, alla società e alle istituzioni governative in merito ai possibili effetti positivi e negativi e ai problemi di benessere dei trattamenti, delle pratiche di allevamento e dei sistemi di produzione. A tale riguardo, i veterinari devono comunicare informazioni basate su prove sui potenziali rischi per i proprietari (allevatori), i media, l’industria dell’allevamento animale, l’Autorità per la sicurezza alimentare e altre parti interessate quali il pubblico in generale gli attivisti per il benessere degli animali e politici. 

Negli ultimi anni sono state sempre più discusse questioni relative al benessere degli animali. Nel 2017 1.500 veterinari norvegesi hanno firmato una petizione contro l’allevamento delle razze brachitoniche (Strand, 2017 ). Inoltre, durante il congresso FECAVA 2017 è stata pubblicata una nota che mira a incoraggiare i veterinari a parlare contro le pratiche di riproduzione non etiche correlate alle razze canine brachicefaliche (FECAVA, 2017). Al congresso EVSSAR 2017 è stata affrontata l’etica dell’allevamento degli animali e questo argomento sarà proseguito anche nel 2018. 

Nei contatti quotidiani con proprietari di animali e allevatori, affrontare il benessere degli animali e le questioni etiche può essere un compito difficile. Ad esempio, per quanto riguarda la dichiarazione di reddito soddisfacente e condizioni di lavoro(VW), i veterinari sono coinvolti in molti aspetti dei sistemi di allevamento e produzione e possono parzialmente fare affidamento finanziario sul successo economico di questi sistemi. Tuttavia, per quanto riguarda la dichiarazione di libertà professionale (VA), essi hanno la possibilità di rifiutare gli interventi richiesti e dovrebbero essere intolleranti nei confronti di sistemi che compromettono il benessere degli animali in modo eccessivo. A tale riguardo anche la dichiarazione di Equitable Standard of Practice(VF) è importante perché significa atteggiamenti equi e imparziali verso tutte le parti. 

I dilemmi elencati qui sono applicabili a qualsiasi specie poiché esistono anche quando si tratta di tutti gli animali da produzione (incluso il pesce) e degli animali utilizzati nella ricerca. Tutte le pratiche di riproduzione non corrette dovrebbero essere sottoposte al controllo a prescindere dalle specie. Poiché gli animali geneticamente modificati sono immessi sul mercato alimentare, come il salmone atlantico, possono essere richieste cure speciali, biosicurezza e gestione. I veterinari non solo sono responsabili dell’assistenza sanitaria di questi animali ma contribuiscono anche a discussioni politiche relative alla loro salute e al loro benessere comprese le pratiche di allevamento. In alcuni casi i veterinari potrebbero dover astenersi dal profitto quando i proprietari e gli allevatori hanno bisogno di raccontare le implicazioni sul benessere di cattive condizioni di salute a causa di tratti esterni disfunzionali e pratiche di riproduzione non corrette. 

La società deve concentrarsi maggiormente sulle implicazioni sul benessere delle attuali pratiche di allevamento. La crescente popolazione globale sta esercitando una crescente pressione sull’agricoltura moderna con obiettivi volti a soddisfare la sicurezza alimentare. Inoltre vi è un’enfasi crescente su una produzione alimentare più sostenibile e nel soddisfare elevati standard di qualità alimentare. Sfortunatamente queste maggiori sfide per l’agricoltura possono essere controproducenti per la crescente attenzione al miglioramento del benessere degli animali negli animali da reddito. Inoltre è probabile che la futura produzione animale, sia terrestre che ittica, sarà influenzata dal cambiamento climatico. Attualmente l’indipendenza economica dei paesi più ricchi consente agli abitanti di condividere grandi quantità di cibo con animali da compagnia che non producono cibo ma piuttosto lo consumano e gareggiano per la stessa fonte di cibo con persone provenienti da paesi poveri. La misura in cui le persone saranno in grado di mantenere gli animali domestici come ora per un futuro prevedibile, non è noto se le risorse alimentari che fanno affidamento sulle proteine ​​animali stiano diventando scarse. Tuttavia, l’allevamento di peculiarità (cani e gatti di design) e il trattamento medico avanzato di animali domestici con problemi di salute sicuramente e, si spera, saranno messi alla prova. I problemi di salute che ne derivano devono essere affrontati in modo appropriato e non si verificherà un effettivo miglioramento della situazione fino a quando tutte le parti interessate non riconosceranno la propria responsabilità in questo processo.  

 

Ethics in animal breeding 

Wenche Farstad Department of Production Animal Clinical Science, Faculty of Veterinary Medicine, Norwegian University of Life Science, Oslo, Norway 

Reproducion in Domestic Animal 2018; 53 (suppl.3): 4-14 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

About the Author:

Ruminantia - Lo spazio in rete dell'Allevatore. I migliori professionisti del settore a supporto dell'allevatore italiano, con informazioni aggiornate e articoli scientifici.

Scrivi un commento