La FDA pubblica un rapporto di sintesi annuale sugli antimicrobici venduti o distribuiti nel 2018 per l’uso negli animali da reddito

Il 10 dicembre la Food and Drug Administration americana ha pubblicato il report 2018 che riassume la situazione relativa agli antimicrobici distribuiti o venduti per gli animali da reddito negli USA, che mostra che le vendite e la distribuzione domestiche di antimicrobici importanti dal punto di vista medico per l’uso negli animali da reddito sono aumentate del nove percento tra il 2017 e il 2018. Nonostante questo aumento, il 2018 è il secondo anno più basso mai registrato e la tendenza generale continua a indicare che gli sforzi in corso per supportare la gestione degli antimicrobici stanno avendo un impatto: le vendite nel 2018 sono diminuite del 21% dal 2009, il primo anno di rendicontazione, e in calo del 38% dal 2015, anno di punta delle vendite e della distribuzione.

 

Fonte: Food and Drug Administration.

 

Sebbene i dati sulle vendite non riflettano necessariamente l’effettivo utilizzo di antimicrobici, il volume delle vendite osservato nel tempo è un indicatore prezioso dei cambiamenti del mercato relativi ai prodotti antimicrobici destinati agli animali da reddito. Tuttavia, quando si valuta lo stato di avanzamento degli sforzi in corso per supportare l’uso giudizioso degli antimicrobici, è importante tenere conto di ulteriori fonti di informazioni tra cui dati: sull’uso effettivo, demografici sugli animali, sulla salute degli animali e sulla resistenza.

L’obiettivo della FDA è rallentare lo sviluppo della resistenza antimicrobica e preservare l’efficacia degli antimicrobici per combattere le malattie negli animali e nell’uomo. L’obiettivo dell’agenzia non è semplicemente misurato da una riduzione del volume delle vendite di antimicrobici, ma include anche la promozione di buone pratiche di gestione antimicrobica ottimizzando l’uso di questi prodotti e limitandone l’uso negli animali solo quando necessario per trattare, controllare o prevenire le malattie.

La FDA riconosce che le fluttuazioni del volume delle vendite possono verificarsi nel tempo in risposta a vari fattori, tra cui il cambiamento delle esigenze di salute degli animali o i cambiamenti nelle popolazioni di animali. Dato il sostanziale cambiamento che si è verificato con la transizione di un gran numero di prodotti contenenti antimicrobici importanti dal punto di vista medico dall’uso da banco a uno stato di marketing che richiede il controllo veterinario all’inizio del 2017, un certo rimbalzo del volume di vendite riferito per il 2018 non è stato inaspettato poiché stakeholder interessati adeguati alle nuove esigenze.

Nell’analizzare il rapporto, i lettori dovrebbero considerare:

  • Le informazioni di vendita e distribuzione non rappresentano l’uso effettivo dei prodotti.
    È importante riconoscere che questi dati sono stime dei sostenitori delle vendite dei prodotti e non intendono sostituirsi ai dati sull’utilizzo effettivo. Ad esempio, i veterinari e i produttori di animali possono acquistare farmaci, ma in realtà non li somministrano mai agli animali o possono somministrare i farmaci negli anni successivi.
  • Prima di effettuare un confronto diretto tra la quantità di farmaci antimicrobici venduti per l’uso nell’uomo e quella venduta per l’uso negli animali, è necessario considerare:
    • Ci sono molti più animali che umani. Ad esempio, ci sono circa 327 milioni di persone negli Stati Uniti, mentre i documenti dell’USDA indicano che ogni anno vengono macellati circa 9,1 miliardi di polli.
    • Esistono differenze nella fisiologia e nel peso tra uomo e animale: l’essere umano adulto medio pesa 184 libbre, mentre un manzo da carne pesa circa 1.352 libbre.
    • Different animal species metabolize drugs differently, meaning that some may require more of the drug to be effective, or may need to be treated for a longer period of time. Diverse specie animali metabolizzano i farmaci in modo diverso, il che significa che alcuni potrebbero richiedere una maggiore quantità del farmaco affinché questo sia efficace o potrebbe essere necessario trattarli per un periodo di tempo più lungo.
  • L’agenzia mette in guardia contro il confronto diretto delle stime di vendita specifiche per specie.
    Esistono vari fattori che confondono il confronto diretto delle stime di vendita specifiche per specie, comprese le differenze in termini di dimensioni della popolazione, peso, durata della vita e metabolismo dei farmaci di ciascuna specie.
  • L’agenzia mette in guardia dal fare confronti diretti tra il volume delle vendite di diverse classi di farmaci.
    Il confronto diretto dei volumi di vendita per diverse classi di farmaci è problematico perché non tutte le classi di farmaci sono approvate per l’uso in tutte le specie, non tutte le potenze dei farmaci sono uguali e non tutte le classi di farmaci possono essere utilizzate in modo intercambiabile per trattare le stesse condizioni.

Sebbene siano stati compiuti progressi verso gli obiettivi di gestione antimicrobica, sono necessari ulteriori lavori per affrontare la resistenza antimicrobica. Il piano d’azione quinquennale del Center for Veterinary Medicine delinea i passi che l’agenzia sta perseguendo per promuovere ulteriormente la gestione antimicrobica in ambito veterinario.

Informazioni aggiuntive

 

Fonte: FDA

Print Friendly, PDF & Email