I produttori di latte di tutta l’Europa ribadiscono la loro richiesta di un meccanismo di controllo del volume efficace a livello giuridico per affrontare le crisi

//I produttori di latte di tutta l’Europa ribadiscono la loro richiesta di un meccanismo di controllo del volume efficace a livello giuridico per affrontare le crisi

I produttori di latte di tutta l’Europa ribadiscono la loro richiesta di un meccanismo di controllo del volume efficace a livello giuridico per affrontare le crisi

Prevenire future crisi nel settore e garantire una produzione di latte a lungo termine.

Gli allevatori di bovine da latte di 14 associazioni europee hanno chiesto un quadro giuridico che preveda uno strumento di riduzione del volume in caso di crisi nell’ambito della PAC nella recente Assemblea dei membri dello European Milk Board (EMB) a Hoznayo, in Spagna. Per garantire un mercato lattiero-caseario equilibrato a lungo termine tale strumento è d’obbligo.

L’organizzazione ombrello europea per le associazioni di allevatori ha ribadito la sua richiesta di controllo del volume durante i periodi di crisi. Il programma di riduzione del volume lanciato dall’UE la scorsa estate ha avuto un innegabile effetto positivo sui prezzi agricoli. “Il Market Responsibility Programme della EMB, che prevede tagli volontari alla produzione durante i periodi di crisi, deve ora diventare uno strumento permanente e, unitamente ai volumi massimi, deve essere ancorato alla politica agricola comune”, ha affermato il presidente EMB Romuald Schaber.

Burro contro latte in polvere

Mentre l’immagine del recupero dei prezzi del latte viene celebrata dai media, la realtà degli allevamenti è piuttosto diversa. I produttori europei di latte non vengono ancora pagati abbastanza da coprire i costi. I maggiori profitti realizzati dai derivati del grasso del latte sono annullati dai prezzi estremamente bassi delle proteine del latte. I rivenditori sono quelli che beneficiano maggiormente della situazione di scarsità sul mercato del grasso del latte. I consumatori pagano prezzi gonfiati per il burro e – come in Francia – si trovano di fronte a scaffali vuoti; i produttori, d’altra parte, non vedono nessun guadagno.

Per l’associazione spagnola dei produttori di latte OPL, che ospita l’Assemblea dei membri EMB di quest’anno, la situazione degli allevatori locali è fondamentale. “Prezzi del latte di 31 centesimi al litro semplicemente non possono coprire i nostri costi di produzione – circa due aziende agricole devono chiudere ogni giorno”, afferma Marta Fernández Nicolás, vicepresidente della OPL. “La Spagna è attualmente uno dei cinque Stati membri dell’UE con i più bassi prezzi del latte alla stalla, nonostante il fatto che abbiamo ridotto la produzione di quasi il 40%”. Gli allevatori europei concordano sul fatto che le ricorrenti crisi impediscono lo sviluppo positivo a lungo termine delle aziende.

Secondo Romuald Schaber, il latte in polvere, che si sta accumulando nello stoccaggio pubblico, è un prodotto problematico sul mercato. “L’Assemblea dei nostri membri chiede chiaramente una riduzione dei volumi di intervento di 109.000 tonnellate all’anno e chiede un aumento simultaneo del prezzo di intervento ad un minimo di 30 c/kg. La Commissione europea non può continuare a utilizzare uno strumento che costa denaro ma non porta a quasi nessun risultato e alla fine ritorna a perseguitare i produttori di latte”. Le quantità in eccesso dovrebbero essere messe in intervento solo se la domanda di prodotti caseari diminuisce in modo imprevisto, come nel caso dell’embargo russo. Normalmente la produzione dovrebbe essere adattata al suo potenziale di vendita tramite un programma di riduzione del volume non appena viene raggiunta la quantità fissa.

L’Assemblea si è inoltre dichiarata all’unanimità contraria alla vendita di latte scremato in polvere a prezzi di dumping e ha chiesto possibili usi alternativi. In questo contesto, la creazione di uno strumento di crisi efficace è la necessità del giorno!

In considerazione dell’urgenza della situazione, chiediamo ai responsabili politici di attuare tali misure il prima possibile. Se questo non accadrà, i produttori di latte si prepareranno a dimostrazioni importanti, al fine di sottolineare le loro richieste.

Fonte: European Milk Board

Print Friendly, PDF & Email
Di |2018-01-04T12:06:07+02:004 Gennaio 2018|Categorie: News|Tags: , , , , , |

About the Author:

Ruminantia - Lo spazio in rete dell'Allevatore. I migliori professionisti del settore a supporto dell'allevatore italiano, con informazioni aggiornate e articoli scientifici.

Scrivi un commento