Il commercio agroalimentare dell’UE ha raggiunto un valore totale di 34 miliardi di euro nel giugno 2022, con una diminuzione del 2,6% su base mensile e un aumento del 24% rispetto al giugno dello scorso anno. Le esportazioni sono cresciute marginalmente a 19,5 miliardi di euro (+1% su base mensile), mentre le importazioni sono state valutate a 14,5 miliardi di euro, il 7% in meno rispetto a maggio. Rispetto a giugno 2021, queste cifre riflettono un aumento del 19,5% del valore delle esportazioni e del 31% delle importazioni.

Il surplus commerciale agroalimentare è cresciuto in modo sostanziale e si è attestato a 5,1 miliardi di euro, con un aumento del 33% rispetto al mese precedente. Questi risultati sono stati pubblicati ieri nella relazione mensile della Commissione europea sul commercio agroalimentare, che presta un’attenzione particolare ai flussi commerciali tra l’UE e l’Ucraina.

Sviluppi a giugno

I prezzi delle materie prime pur essendo rimasti estremamente alti a giugno, sono leggermente diminuiti rispetto a maggio. Ciò è avvenuto in particolare per i cereali, i prodotti lattiero-caseari e i semi oleosi, per i quali i quantitativi esportati sono aumentati ma i prezzi sono diminuiti. Le esportazioni verso l’Africa sub-sahariana sono cresciute significativamente di mese in mese (+121%), uno sviluppo trainato non solo dai prezzi all’esportazione, ma anche dai quantitativi, in particolare del grano.

Le esportazioni verso l’Ucraina sono aumentate del 25% rispetto a giugno dello scorso anno, raggiungendo i 275 milioni di euro. Ciò è dovuto in gran parte alle esportazioni di ortaggi e carni suine, per le quali i volumi delle esportazioni sono cresciuti del 557% e del 112% su base annua.

Le importazioni da Brasile, Stati Uniti e Indonesia sono diminuite di mese in mese. La diminuzione più notevole è stata quella delle importazioni dal Brasile, che sono calate del 21%. Ciò è dovuto principalmente a una riduzione delle quantità. Le importazioni di cereali dal Brasile sono diminuite del 60% e quelle di semi oleosi sono diminuite del 31%, riflettendo un calo dei valori delle importazioni rispettivamente di 58 milioni di euro e 390 milioni di euro.

A seguito dell’attuazione delle corsie di solidarietà e della liberalizzazione temporanea degli scambi, le importazioni dall’Ucraina sono aumentate a giugno. Notevoli aumenti sono stati osservati nelle importazioni di semi oleosi (+92 milioni) e oli (+90 milioni di euro). Anche le importazioni di avicoli e cereali sono cresciute, rispettivamente di 17 milioni di euro e di 11 milioni di euro.

Sviluppi gennaio-giugno

Le esportazioni sono aumentate maggiormente verso il Regno Unito, gli Stati Uniti e il Marocco nei primi sei mesi dell’anno. Le esportazioni verso il Marocco sono aumentate del 57% (+728 milioni di euro), mentre le esportazioni verso l’intera regione del Medio Oriente e del Nord Africa sono aumentate in modo sostanziale. Ciò è stato in gran parte guidato dall’aumento delle quantità di esportazione di cereali, semi di girasole, frutta e noci e verdure.

Le esportazioni verso il Regno Unito sono cresciute del 19% nel periodo gennaio-giugno, in gran parte a causa dei preparati cerealicoli, che sono cresciuti di 478 milioni di euro o del 23%. Questo aumento è stato causato sia da un aumento delle quantità che del prezzo unitario. Nel frattempo, le esportazioni verso la Cina rimangono basse, in calo del 27% rispetto ai primi sei mesi dello scorso anno.

Per quanto riguarda le importazioni, l’UE ha importato prodotti agroalimentari per un valore di 82 miliardi di euro nel periodo gennaio-giugno, con un aumento del 32% rispetto al 2021. La crescita più notevole è stata nelle importazioni dal Brasile, che sono cresciute del 46%. Ciò non è dovuto solo all’aumento dei prezzi delle materie prime, ma anche all’aumento dei volumi delle importazioni. Ciò vale in particolare per le importazioni di mais, farina di soia e zucchero grezzo, che sono cresciute rispettivamente di 605.000 tonnellate, 390.000 tonnellate e 101.000 tonnellate.

C’è stata anche una crescita significativa delle importazioni dal Sud-Est asiatico, in particolare Indonesia, Vietnam e Malesia. Le importazioni da questi tre paesi sono aumentate del 35% o 1,6 miliardi di euro rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Ciò è causato principalmente da sostanze chimiche organiche e caffè.

Categorie di prodotti specifici

Nel giugno 2022 sono cresciuti i volumi delle esportazioni di prodotti agroalimentari dell’UE. I cereali sono cresciuti del 16% su base mensile e del 74% su base annua; il grano del 7% e del 137%; e i semi oleosi e colture proteiche del 13% e del 49%. Questo non è stato il caso della colza e dei semi di soia, per i quali i quantitativi esportati sono diminuiti mentre i prezzi hanno continuato a salire.

Guardando ai prodotti di origine animale, ci sono stati aumenti delle esportazioni di carne bovina, latticini e ovini e caprini, mentre le esportazioni di pollame sono leggermente diminuite. Ad eccezione degli ovini e dei caprini, il valore unitario delle esportazioni per tutti i prodotti di origine animale è diminuito rispetto a maggio.

Le diminuzioni mensili più consistenti dei valori delle importazioni si sono registrate nei cereali e nei semi oleosi, che sono diminuiti rispettivamente di 304 milioni di euro e 442 milioni di euro. Anche le importazioni di ortofrutticoli si sono ridotte notevolmente, di 206 milioni di euro. Ciò è dovuto a una riduzione dei quantitativi importati.

Per maggiori informazioni è possibile scaricare qui il report:

Print Friendly, PDF & Email