Il Copa e la Cogeca chiedono che l’agricoltura non venga svenduta nei negoziati commerciali con il Mercosur

//Il Copa e la Cogeca chiedono che l’agricoltura non venga svenduta nei negoziati commerciali con il Mercosur

Il Copa e la Cogeca chiedono che l’agricoltura non venga svenduta nei negoziati commerciali con il Mercosur

Il Copa e la Cogeca hanno inviato una lettera al Presidente della Commissione europea JeanClaude Juncker, opponendosi all’iniziativa dell’UE di fare ulteriori concessioni al Mercosur nel settore agricolo in cambio di benefici in altri settori economici.

Il Presidente del Copa Joachim Rukwiedha affermato: “L’UE ha già concesso molto ai Paesi del Mercosur sull’agricoltura nei negoziati, senza ottenere molto in cambio. È inaccettabile che l’UE aumenti la propria offerta sull’agricoltura nei negoziati. Le concessioni commerciali vanno minimizzate per i nostri settori più sensibili, vale a dire per le importazioni di carni bovine, zucchero, pollame, etanolo, riso e succo d’arancia nell’UE.

“Importiamo già notevoli quantità di prodotti agricoli da questi paesi, senza ottenere alcuna reciprocità. Ci occorrono accordi commerciali equilibrati, che rispettino i nostri metodi di produzione. Alla luce delle incertezze relative ai negoziati sulla Brexit, nonché al dibattito sulla futura politica agricola comune e al bilancio dell’UE, esortiamo l’UE a non fare concessioni sul settore agricolo nei negoziati”, ha ammonito il Presidente della Cogeca Thomas Magnusson.

“Ogni tentativo di svendere l’agricoltura nei negoziati commerciali metterà a repentaglio la crescita e i posti di lavoro nelle zone rurali, contravvenendo alla strategia dell’UE volta a rivitalizzare gli impieghi rurali in Europa”, ha concluso Magnusson.

Fonte: Copa-Cogeca

Print Friendly, PDF & Email
Di |2018-02-16T10:57:03+02:0016 Febbraio 2018|Categorie: News|Tags: , , , , |

About the Author:

Ruminantia - Lo spazio in rete dell'Allevatore. I migliori professionisti del settore a supporto dell'allevatore italiano, con informazioni aggiornate e articoli scientifici.

Scrivi un commento