La definizione di sicurezza alimentare è spesso equivocata. In italiano questo termine viene utilizzato indistintamente sia per parlare di salubrità degli alimenti (food safety) che della loro disponibilità per tutti (food security).

Negli ultimi due anni e mezzo il susseguirsi di una pandemia, di una speculazione finanziaria globale sulle commodity, di una guerra e della siccità ha aumentato la probabilità anche nei paesi occidentali di non avere cibo a sufficienza per tutta la popolazione

Trovare gli antidoti per questi quattro eventi è complesso ma più urgente che mai, perché situazioni come queste, di cui avevamo perso la memoria e che non ritenevamo più possibili, si sono verificate e lo potrebbero fare ancora in futuro.

Ruminantia spesso affronta il tema della sicurezza dell’approvvigionamento alimentare in ottica tecnico-scientifica ma ritiene che anche il punto di vista umanistico sia molto importante, soprattutto per le inevitabili scelte da fare nel medio-lungo periodo.

Per questo motivo abbiamo voluto intervistare il Presidente dell’Istituto di Bioetica per la Veterinaria e l’Agroalimentare (IBV-A) Pasqualino Santori.

Per la tua privacy YouTube necessita di una tua approvazione prima di essere caricato. Per maggiori informazioni consulta la nostra Privacy Policy.
Ho letto la Privacy Policy ed accetto
Print Friendly, PDF & Email