IMMA: Risultati del progetto in un convegno finale “Marcatori immunologici e stress nella bovina in lattazione”

//IMMA: Risultati del progetto in un convegno finale “Marcatori immunologici e stress nella bovina in lattazione”

IMMA: Risultati del progetto in un convegno finale “Marcatori immunologici e stress nella bovina in lattazione”

Il convegno conclusivo del progetto IMMA, finanziato dal Ministero delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo (D.M 16850 del 21/06/2016), svoltosi lo scorso 11 gennaio presso il Centro di ricerca Zootecnia e Acquacoltura del CREA di Monterotondo, ha visto una grande partecipazione di esperti del settore. Erano presenti rappresentanti dell’Università, degli Istituti Zooprofilattici, dell’industria del comparto zootecnico, delle associazioni di razza e inoltre medici veterinari, allevatori e divulgatori scientifici.

Il convegno si è aperto con la relazione del Prof. Erminio Trevisi dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza. Nella sua presentazione, dal titolo: “Relazione tra aspetti metabolici e dell’immunità innata con le performance nelle bovine in transizione”, il Prof. Trevisi ha discusso i punti critici del periparto delle bovine da latte ad alto merito genetico, la sequenza di questi eventi e la loro variazione fisiologica mettendo in evidenza il ruolo cruciale del sistema immunitario nel periodo di transizione.

Il Prof. Gianfranco Gabai dell’Università degli Studi di Padova, nella sua relazione “Stress ossidativo e infiammazione nella bovina da latte: il ruolo dei neutrofili”, ha parlato di “Oxinflammation”, un nuovo termine che descrive il circolo vizioso tra stress ossidativo cronico e sistemico e presenza di un moderato processo infiammatorio cronico. Quest’ultimo potrebbe portare nel tempo ad una perdita di reattività del sistema immunitario e, di conseguenza, una predisposizione alle malattie. Inoltre, ha sottolineato il ruolo svolto dai neutrofili in questo processo in quanto principale fonte di molecole ossidanti responsabili della formazione delle AOPP (Advanced Oxidation Protein Products) considerate biomarcatori di stress ossidativo.

Il Dott. Massimo Amadori dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell’Emilia Romagna ha presentato una relazione dal titolo “Stress metabolico e immunità: che cosa possiamo apprendere dalle razze bovine autoctone?”. La sua relazione ha messo in evidenza come lo stress metabolico determini alterazioni gravi dell’omeostasi nelle bovine da latte ad alta produzione e che tali alterazioni non sono evidenziate nelle bovine di razze autoctone, che dispiegano maggiore adattamento e resilienza nella fase del periparto.

La Dott.ssa Giovanna De Matteis del Centro di Ricerca Zootecnia e Acquacoltura del CREA di Monterotondo, responsabile scientifico e coordinatrice del progetto, ha illustrato le tematiche e l’obiettivo del progetto IMMA, ovvero lo studio di nuovi marcatori immunologici e fisiologici indicatori di benessere nelle razze Frisona, Pezzata Rossa e relativo incrocio, e insieme ai colleghi la Dott.ssa Maria Carmela Scatà e il Dott. Francesco Grandoni ha presentato i risultati principali.

Il convegno è stato un momento di confronto tra allevatori, veterinari e zootecnici dando spunto a nuove prospettive di ricerca. Dalla discussione finale è emerso che il convegno è stato interessante e stimolante per il carattere innovativo dello studio dei tratti immunitari nei ruminanti e per l’impiego della citofluorimetria che si sta rivelando una valida piattaforma tecnologica anche in ambito zootecnico.

Print Friendly, PDF & Email
Di |2019-01-25T12:15:04+02:0025 Gennaio 2019|Categorie: News|Tags: , |

About the Author:

Responsabile scientifico e coordinatrice del progetto IMMA (D.M 16850 del 21/06/2016). Ricercatore c/o il CREA-Centro di Ricerca Zootecnia e Acquacoltura sede di Monterotondo. Email: giovanna.dematteis@crea.gov.it

Scrivi un commento