La Commissione presenta gli accordi commerciali e di investimento tra l’UE e il Vietnam per la firma e la conclusione

//La Commissione presenta gli accordi commerciali e di investimento tra l’UE e il Vietnam per la firma e la conclusione

La Commissione presenta gli accordi commerciali e di investimento tra l’UE e il Vietnam per la firma e la conclusione

La Commissione europea ha adottato ieri una serie di accordi commerciali e di investimento tra l’UE e il Vietnam, aprendo la strada alla loro firma e conclusione. Con l’adozione di questi accordi la Commissione dimostra il proprio impegno a metterli in atto quanto prima.

L’accordo commerciale eliminerà praticamente tutti i dazi sulle merci oggetto di scambi commerciali tra le due parti. L’accordo prevede anche un forte impegno giuridicamente vincolante in materia di sviluppo sostenibile, compresi il rispetto dei diritti umani, i diritti del lavoro, la protezione dell’ambiente e la lotta ai cambiamenti climatici, con un riferimento esplicito all’accordo di Parigi.

Il Presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, ha dichiarato: “Gli accordi commerciali e di investimento con il Vietnam sono un esempio della politica commerciale dell’Europa. Offrono vantaggi e benefici senza precedenti alle imprese, ai lavoratori e ai consumatori dell’UE e del Vietnam. Tengono pienamente conto delle differenze economiche tra le due parti. Promuovono una politica commerciale fondata su regole e valori con chiari e forti impegni in materia di sviluppo sostenibile e diritti umani. Adottandoli un paio di ore prima di accogliere i partecipanti al vertice ASEM-UE a Bruxelles, la Commissione dimostra il suo impegno a favore di un commercio aperto con l’Asia. Ora mi aspetto che il Parlamento europeo e gli Stati membri dell’UE facciano il necessario perché gli accordi possano entrare in vigore il più presto possibile“.

La Commissaria responsabile per il Commercio, Cecilia Malmström, ha dichiarato: “La Commissione ha presentato due importanti accordi con il Vietnam e sono convinta che il Parlamento europeo e gli Stati membri dell’UE possano sostenerli. Il Vietnam ha un enorme potenziale da offrire agli esportatori e agli investitori dell’UE per fare impresa, sia ora che in futuro. È una delle economie in più rapida crescita nell’Asia sudorientale, con un mercato vivace di oltre 95 milioni di consumatori, una classe media emergente e una forza lavoro giovane e dinamica. Inoltre, con i nostri accordi aiutiamo a diffondere le rigorose norme europee e a creare possibilità di discussioni approfondite sui diritti umani e la tutela dei cittadini. Spero che il Consiglio e il Parlamento europeo approvino gli accordi rapidamente per consentire alle imprese, ai lavoratori, agli agricoltori e ai consumatori di coglierne i benefici nel più breve tempo possibile.”

L’accordo commerciale eliminerà più del 99% dei dazi doganali sulle merci oggetto di scambi tra le due parti. Il Vietnam eliminerà il 65% dei dazi all’importazione sulle esportazioni dell’UE dall’entrata in vigore dell’accordo. Il resto dei dazi verrà gradualmente eliminato nel corso di un periodo di 10 anni, per tener conto del fatto che il Vietnam è un paese in via di sviluppo. L’accordo contiene inoltre disposizioni specifiche per affrontare gli ostacoli non tariffari nel settore automobilistico, e garantirà la protezione di 169 prodotti alimentari e bevande tradizionali europei in Vietnam, le cosiddette indicazioni geografiche, come il vino Rioja o il formaggio Roquefort. Grazie all’accordo, le imprese dell’UE potranno partecipare su un piede di parità con quelle nazionali alle offerte delle gare di appalto delle autorità vietnamite e delle imprese di proprietà statale.

Oltre a offrire notevoli opportunità economiche, l’accordo commerciale garantisce che il commercio, gli investimenti e lo sviluppo sostenibile procedano di pari passo, fissando le norme più rigorose in termini di lavoro, sicurezza e tutela dell’ambiente e dei consumatori, in modo da garantire che non vi sia una “corsa al ribasso” per attirare gli scambi e gli investimenti. L’accordo impegna le due parti a rispettare e attuare in modo efficace i principi dell’Organizzazione internazionale del lavoro (OIL) in materia di diritti fondamentali del lavoro; ad attuare gli accordi ambientali internazionali, quali l’accordo di Parigi; ad agire per conservare e gestire in modo sostenibile le specie selvatiche, la biodiversità, la silvicoltura e la pesca e a coinvolgere la società civile nel monitorare l’attuazione di questi impegni da entrambe le parti.

L’accordo commerciale comprende un legame istituzionale e giuridico con l’accordo di partenariato e cooperazione UE-Vietnam, che consente di adottare misure adeguate in caso di violazioni dei diritti umani.

L’accordo per la protezione degli investimenti, dal canto suo, include norme moderne in materia di protezione degli investimenti applicabili attraverso il nuovo sistema giurisdizionale per gli investimenti e garantisce che il diritto dei governi di entrambe le parti di legiferare nell’interesse dei loro cittadini sia preservato. Sostituirà gli accordi bilaterali in materia di investimenti che 21 Stati membri dell’UE hanno attualmente in vigore con il Vietnam.

Oltre al recente accordo con Singapore, questo accordo consentirà ulteriori progressi verso la definizione di norme e parametri rigorosi nella regione dell’ASEAN, contribuendo a gettare le basi per un futuro accordo interregionale in materia di scambi e di investimenti.

Contesto

Il Vietnam è il secondo partner commerciale dell’UE nell’Associazione delle nazioni del sud-est asiatico (ASEAN), dopo Singapore, con scambi di merci per un valore di 47,6 miliardi di EUR all’anno e servizi per un valore di 3,6 miliardi di EUR. Mentre gli investimenti dell’UE rimangono modesti (8,3 miliardi di EUR nel 2016), sempre più imprese europee si stabiliscono in Vietnam per istituire una piattaforma che serva la regione del Mekong. Fra le principali importazioni dal Vietnam nell’UE figurano apparecchiature di telecomunicazione, abbigliamento e prodotti alimentari. I principali prodotti esportati dall’UE in Vietnam sono macchinari e attrezzature di trasporto, prodotti chimici e prodotti agricoli.

Prossime tappe

La Commissione presenta ora al Consiglio le proposte di firma e conclusione di entrambi gli accordi. Una volta ottenuta l’autorizzazione da parte del Consiglio, gli accordi saranno firmati e presentati al Parlamento europeo per l’approvazione. Una volta che il Parlamento europeo avrà dato la sua approvazione, l’accordo potrà essere concluso dal Consiglio ed entrerà in vigore. L’accordo per la protezione degli investimenti con il Vietnam sarà ratificato dagli Stati membri secondo le rispettive procedure interne.

Per maggiori informazioni

Nota: Gli accordi commerciali e di investimento tra l’UE e il Vietnam

Accordo commerciale UE-Vietnam – sito web dedicato

Schede informative: vantaggi dell’accordo commerciale UE-Singaporeagricolturanorme e valori

Esempi di piccole imprese europee che hanno relazioni commerciali con il Vietnam

Commercio nella tua città: Schede di approfondimento sugli scambi di tutti i paesi dell’UE con il Vietnam

Infografica

 

 

Fonte: Commissione europea

Print Friendly, PDF & Email
Di |2018-10-19T09:07:42+02:0019 Ottobre 2018|Categorie: News|Tags: , |

About the Author:

Ruminantia - Lo spazio in rete dell'Allevatore. I migliori professionisti del settore a supporto dell'allevatore italiano, con informazioni aggiornate e articoli scientifici.

Scrivi un commento