La situazione del mercato del latte a Maggio 2019: il report del Milk Market Observatory

//La situazione del mercato del latte a Maggio 2019: il report del Milk Market Observatory

La situazione del mercato del latte a Maggio 2019: il report del Milk Market Observatory

La raccolta di latte vaccino nell’UE è aumentata a marzo 2019 (+ 1,2%) rispetto allo stesso mese del 2018. Questo è il primo aumento mensile su base annua dopo 6 mesi di contrazione. Le consegne cumulate nel primo trimestre sono ancora inferiori dello 0,1% rispetto ai livelli dello scorso anno. IE, PL e UK sono gli Stati membri che hanno fatto registrare gli aumenti maggiori nel primo trimestre, mentre NL, IT e FR hanno riportato i cali di produzione più significativi. La produzione delle polveri di latte nell’UE è notevolmente diminuita nel primo trimestre del 2019 (-10,8% per WMP e -2,8% per SMP). Anche la produzione di latte, panna e formaggio è diminuita nel periodo considerato. Al contrario, la produzione è aumentata dell’8,9% per il latte concentrato e dello 0,4% per il burro.

La media ponderata del prezzo del latte alla stalla dell’UE è diminuita dello 0,4% a marzo 2019, scendendo a 34,4 c/kg. Questo livello di prezzo è superiore del 2,4% rispetto a quello registrato a marzo 2018 e del 3,7% rispetto alla media degli ultimi cinque anni. Le stime degli Stati membri per aprile indicano un leggero miglioramento dei prezzi.

In Italia, il prezzo del latte spot ha toccato il minimo nella settimana 17 (38 c/kg) ed è poi migliorato nelle successive 4 settimane, fino a raggiungere i 39,25 c/kg (+ 3,3%). Il prezzo corrente (settimana 21) è superiore del 12% rispetto al livello dell’anno scorso.

I prezzi medi dei prodotti lattiero-caseari nell’UE sono aumentati lo scorso mese (fino al 26 maggio) per SMP (+ 4,4%) e WMP (+ 3,1%). Sono invece diminuiti per la polvere di siero (-2,4%), il burro (-1,2%), l’emmental (-1,8 %), il cheddar (-1,5%) e il gouda (-0,3%), mentre sono rimasti stabili per l’edam.

Sul mercato mondiale, l’apprezzamento del dollaro statunitense rispetto all’euro e il recente aumento dei prezzi in Nuova Zelanda alla luce della diminuzione della produzione, hanno favorito la competitività dei prezzi dei prodotti lattiero-caseari dell’UE. L’SMP dell’UE costa ora il 15% in meno rispetto a quella della Nuova Zelanda e il 7% in meno rispetto agli Stati Uniti. Per quanto riguarda il burro, i prezzi dell’UE sono inferiori rispettivamente del 19% e dell’8% rispetto a quelli della Nuova Zelanda e degli Stati Uniti.

Le esportazioni dell’UE nei primi tre mesi del 2019 sono fortemente aumentate in volume per il latte scremato in polvere (+ 35%) e il latte condensato (+ 22%). Anche le esportazioni di formaggi sono aumentate del 2%. Le esportazioni sono invece diminuite quest’anno per WMP (-26%), burro/butteroil (-22%) e polvere di siero di latte (-6%). Le esportazioni totali dell’UE in questo periodo, espresse in latte equivalente, sono state superiori del 2% rispetto allo scorso anno, mentre il loro valore è aumentato del 7% rispetto allo stesso periodo del 2018.

Fino al marzo 2019 gli Stati Uniti sono rimasti il principale sbocco per le esportazioni di formaggi dell’UE con un aumento del 6% rispetto allo scorso anno (31% delle spedizioni provenienti da IT e 16% da FR), seguiti da vicino dal Giappone (+ 27%, 29% da NL, 20% da DK e DE). La Svizzera è stata la terza in classifica (+ 1%), seguita dall’Arabia Saudita (-2%) e dalla Corea del Sud (-8%). Seppure con volumi minori, le esportazioni verso la Cina e l’Algeria sono aumentate significativamente (+ 22% e 11% rispettivamente).

L’UE ha ridotto le sue esportazioni di burro/butteroil in volume nei primi tre mesi del 2019 (-22%). Gli Stati Uniti sono stati la principale destinazione per il burro dell’UE, con un aumento del 21% rispetto allo scorso anno (principalmente da IE), seguiti dalla Cina (+ 14%, metà dei volumi da FR). Le esportazioni verso l’Arabia Saudita sono diminuite del 48% (la DK rimane l’origine principale con il 73% del volume). Nel mercato asiatico, l’aumento delle esportazioni in Corea del Sud e Taiwan non è stato in grado di compensare il calo di Singapore.

Fino al marzo 2019, l’UE ha aumentato significativamente le esportazioni di SMP verso le 10 destinazioni principali, tranne l’Algeria. L’Indonesia ora guida la classifica delle principali destinazioni, con un aumento del 170% rispetto allo scorso anno (BE è l’origine principale con il 42% delle quote). La Cina segue come seconda destinazione (+ 140%, principalmente da DE e DK). L’Algeria si trova al terzo posto, con volumi simili a quelli della Cina, ma con il 36% in meno di prodotti rispetto al primo trimestre del 2018. La crescita maggiore si osserva nelle Filippine (+ 200%, principalmente da BE e NL) che rappresentano il quarto sbocco principale.

Per quanto riguarda la WMP, le esportazioni dell’UE continuano a diminuire, con un calo del 26% nei primi tre mesi del 2019. L’Oman guida la classifica delle principali destinazioni delle esportazioni dell’UE in questo periodo ma con una diminuzione del 31% rispetto allo scorso anno (principalmente da SE e DK). Il Kuwait è tra le uniche tre destinazioni in crescita nella top-10, con un aumento del + 21% e raggiungendo la seconda posizione della classifica (quasi tutto il prodotto originario della BN).

Nei primi tre mesi del 2019 il commercio lattiero-caseario della Nuova Zelanda si è notevolmente ampliato. Le esportazioni di burro sono aumentate del 29% (principalmente in Cina, Filippine, Iran e Australia), le esportazioni di WMP del 23% (principalmente in Cina e Algeria), quelle dei formaggi del 12% (principalmente in Giappone, Australia e Cina) e quelle di SMP dell’8% (principalmente in Cina e Asia sud-orientale). Le esportazioni statunitensi, al contrario, sono piuttosto lente quest’anno: solo le esportazioni di formaggi stanno migliorando (+ 11%) mentre i volumi scendono per le altre principali categorie (SMP, burro, siero di latte in polvere o lattosio). Le esportazioni di prodotti caseari dalla Bielorussia sono aumentate nel primo trimestre del 2019 per il latte scremato in polvere (+ 30%) e il formaggio (+ 25%), ma sono diminuite del 4% per il burro.

Dal lato della domanda, la Cina sta mostrando quest’anno cifre di crescita impressionanti per le polveri del latte: + 28% per la SMP e + 29% per la WMP. A causa dei focolai della peste suina africana, la domanda di polveri di siero di latte è in calo in Cina (16%), ma la quota dell’UE è salita al 44%. Fino a febbraio 2019, la domanda di SMP nel Sud Est Asiatico si è espansa (+ 58% nelle Filippine, + 26% in Malesia e + 18% a Singapore) e l’UE ha migliorato la propria quota di mercato in tutti questi paesi. La Russia e gli Stati Uniti hanno aumentato le loro importazioni di burro finora, avvicinandosi ai volumi cinesi. È probabile che la Russia diventerà il primo importatore mondiale di formaggi (i dati sono disponibili solo per febbraio). La Bielorussia, il loro principale fornitore, raddoppierà così le sue esportazioni. Giappone, Stati Uniti e Corea del Sud completano la top-4 dei principali importatori di formaggio, con aumenti modesti nel primo trimestre del 2019.

La produzione di latte è diminuita significativamente a marzo in Nuova Zelanda (-8,2%) a causa della grave siccità, con un aumento cumulato del 3,2% dall’inizio della stagione nel giugno 2018. I prezzi del latte espressi in c/kg sono aumentati a marzo 2019 dello 0,4% raggiungendo i 30,6 c/kg; prezzo inferiore dello 0,2% rispetto all’anno precedente.

La produzione di latte in Australia a marzo 2019 (nono mese della stagione 2018/19) è stata inferiore del 10,6% rispetto a marzo 2018 (- 6,9% per il periodo luglio-marzo).

La produzione di latte negli Stati Uniti a marzo 2019 è diminuita dello 0,3% rispetto a marzo 2018 (+ 0,2% per il periodo gennaio-marzo). Questo è il primo calo mensile su base annua da dicembre 2013. Il prezzo del latte alla stallaa marzo è aumentato dell’8,4% rispetto a febbraio, raggiungendo i 33,7 c/kg, prezzo che è superiore del 3% rispetto a marzo 2018 (parte di questo aumento può essere spiegato dal rafforzamento del dollaro USA rispetto all’euro).

 

Fonte: Milk Market Observatory

Print Friendly, PDF & Email
Di |2019-06-05T16:44:47+02:005 Giugno 2019|Categorie: News|Tags: , , , , , , , |

About the Author:

Ruminantia - Lo spazio in rete dell'Allevatore. I migliori professionisti del settore a supporto dell'allevatore italiano, con informazioni aggiornate e articoli scientifici.

Scrivi un commento