L’UE e il Giappone firmano l’accordo di partenariato economico

//L’UE e il Giappone firmano l’accordo di partenariato economico

L’UE e il Giappone firmano l’accordo di partenariato economico

Al vertice UE-Giappone a Tokyo, i presidenti Jean-Claude Juncker e Donald Tusk e il primo ministro giapponese Shinzo Abe hanno firmato l’accordo di partenariato economico UE-Giappone (APE)

L’accordo commerciale è il più grande mai negoziato dall’UE e creerà una zona commerciale aperta che coprirà oltre 600 milioni di persone.

Il Presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, ha dichiarato: “Il documento che abbiamo firmato oggi è molto più di un accordo commerciale ed è ovviamente uno strumento che creerà opportunità per le nostre imprese, i nostri lavoratori e i nostri cittadini e che rafforzerà le economia sia dell’Europa che del Giappone. Ma è anche una dichiarazione. Per il suo contenuto, la sua portata e anche i tempi. È una dichiarazione di due soci che condividono insieme quasi un terzo del PIL mondiale e ribadiscono il loro impegno a sostenere i più alti standard in settori come la protezione del lavoro, della sicurezza, dell’ambiente o dei consumatori e quello che stiamo dicendo è che crediamo in un commercio aperto, equo e basato sulle regole. Quello che stiamo dicendo è che un accordo commerciale non è un gioco a somma zero, ma un win-win per le parti coinvolte: questo accordo porterà benefici tangibili a entrambe le parti e allo stesso tempo salvaguarderà le rispettive sensibilità“.

Cecilia Malmström, Commissario per il Commercio, ha dichiarato: “Insieme al Giappone, stiamo inviando un forte segnale al mondo dimostrando che due delle sue maggiori economie continuano a credere nel libero commercio, opponendosi sia all’unilateralismo sia al protezionismo. I cui benefici economici di questo accordo sono chiari. Rimuovendo miliardi di euro di dazi, semplificando le procedure doganali e eliminando gli ostacoli al commercio al di là delle frontiere, offriremo un’opportunità per le imprese di entrambe le parti di incrementare le esportazioni e espandere le loro attività. Il settore agricolo europeo in particolare ha qualcosa da festeggiare con l’accesso all’enorme mercato giapponese e la protezione di oltre 200 cibi e bevande distintivi come lo Champagne e il prosciutto di Parma. Chiedo ora al Parlamento europeo di approvare rapidamente questo accordo in modo che le imprese, i cittadini e gli agricoltori possano trarne i benefici il prima possibile “.

L’accordo eliminerà gran parte del miliardo di euro di dazi pagati ogni anno dalle società dell’UE che esportano in Giappone ed ha portato alla rimozione di una serie di ostacoli normativi di lunga data, ad esempio sulle autovetture. Aprirà inoltre il mercato giapponese di 127 milioni di consumatori alle principali esportazioni agricole dell’UE e aumenterà le opportunità di esportazione dell’UE in una serie di altri settori.

L’accordo di partenariato economico rafforzerà inoltre la cooperazione tra l’Europa e il Giappone in una serie di settori, riaffermerà il loro comune impegno per lo sviluppo sostenibile e includerà per la prima volta un impegno specifico per l’accordo sul clima di Parigi.

I punti fondamentali dell’accordo

Per quanto riguarda le esportazioni agroalimentari dall’UE, l’accordo comporterà in particolare:

  • eliminazione dei dazi giapponesi su molti formaggi come il Gouda e il Cheddar (che attualmente sono al 29,8%) e sulle esportazioni di vino (attualmente al 15% in media);
  • consentire all’UE di aumentare sostanzialmente le sue esportazioni di carni bovine verso il Giappone, mentre per quanto riguarda la carne suina vi sarà un commercio esentasse di carni trasformate e  un commercio quasi esente da dazi per le carni fresche;
  • assicurare la protezione in Giappone di oltre 200 prodotti agricoli europei di alta qualità, le cosiddette indicazioni geografiche (IG) e la protezione di una selezione di IG giapponesi nell’UE.

L’accordo comprende anche un capitolo completo sul commercio e lo sviluppo sostenibile; stabilisce standard molto elevati in materia di lavoro, sicurezza, ambiente e tutela dei consumatori; rafforza gli impegni dell’UE e del Giappone in materia di sviluppo sostenibile e cambiamenti climatici e salvaguarda pienamente i servizi pubblici.

Questa settimana la Commissione ha inoltre pubblicato una mappa interattiva che mostra le città europee che esportano in Giappone. Ad esempio, Cork in Irlanda spedisce prodotti farmaceutici, prodotti lattiero-caseari e prodotti chimici, mentre la città di Páty in Ungheria invia porcellane, terminali di autocontrollo e prodotti per manicure. Lo strumento comprende infografiche per ciascun paese dell’UE, con il numero di imprese esportatrici, il numero di posti di lavoro sostenuti dalle esportazioni verso il Giappone, un elenco di prodotti esportati da ogni Stato membro e altre statistiche di importazione/esportazione.

Prossimi passi

L’accordo è ora in attesa della ratifica da parte del Parlamento europeo e del Giappone, a seguito della quale potrebbe entrare in vigore nel 2019.

Allo stesso tempo, continuano i negoziati con il Giappone riguardo gli standard di protezione degli investimenti e sulla risoluzione delle controversie sulla protezione degli investimenti. Il fermo impegno di entrambe le parti è quello di raggiungere il più presto possibile la convergenza nei negoziati per la protezione degli investimenti, alla luce del loro comune impegno a favore di un ambiente di investimento stabile e sicuro in Europa e in Giappone.

Fonte: Commissione europea

Print Friendly, PDF & Email
Di |2018-07-17T12:50:31+02:0017 Luglio 2018|Categorie: News|Tags: , , |

About the Author:

Ruminantia - Lo spazio in rete dell'Allevatore. I migliori professionisti del settore a supporto dell'allevatore italiano, con informazioni aggiornate e articoli scientifici.

Scrivi un commento