Mercosur: Copa e Cogeca denunciano la decisione dell’UE di aumentare l’offerta agricola in negoziati commerciali

//Mercosur: Copa e Cogeca denunciano la decisione dell’UE di aumentare l’offerta agricola in negoziati commerciali

Mercosur: Copa e Cogeca denunciano la decisione dell’UE di aumentare l’offerta agricola in negoziati commerciali

Allorché l’UE si prepara ad aumentare la sua offerta al blocco commerciale dell’America latina (Mercosur), il Copa e la Cogeca denunciano la decisione dell’UE di incrementare l’offerta sulla carne bovina, avvisando che metterebbe in pericolo la salute pubblica e gli obiettivi relativi al cambiamento climatico. Il presidente del gruppo di lavoro “Carni bovine” del Copa e della Cogeca, Jean-Pierre Fleury, ha dichiarato: “L’UE ha già fatto un’offerta troppo generosa sulla carne bovina di accesso al mercato per il Mercosur e sta ora considerando l’aumento di questa offerta per includere quantità più elevate di carne bovina. È scandaloso offrire ai consumatori europei maggiori quantità di carne bovina proveniente da questi paesi dato che le norme di sicurezza non sono equivalenti. L’86% delle nostre importazioni di carne bovina proviene già da questi paesi che non rispettano le stesse norme di qualità o di tracciabilità che sono applicate qui da noi. Questo potenziale aumento nelle esportazioni di carni bovine dal Brasile a destinazione dell’UE non è una buona notizia se i consumatori europei non desiderano essere esposti a residui di antibiotici che vengono utilizzati in questi paesi e sono vietati nell’UE.

Da quando sono stati ristabiliti i test microbiologici, 22 partite di carne bovina provenienti dal Brasile sono state sequestrate al confine per non rispetto dei requisiti sanitari europei. La recente frode alimentare in Brasile riguardava la falsificazione dei certificati di esportazione per 10 anni o più”. “Abbiamo quindi presentato oggi una serie di raccomandazioni alla Commissione europea per migliorare e ampliare la portata degli audit e per pubblicare tutte le informazioni legate al settore delle carni bovine raccolte durante la prossima missione in Brasile. Inoltre, degli eurodeputati devono essere inclusi in tale missione”, ha aggiunto. Il Segretario generale del Copa e della Cogeca, Pekka Pesonen, ha detto: “Stiamo tornando ad accordi commerciali all’antica in cui si deve scegliere tra il settore dei prodotti di base agricoli e altri settori economici europei. Ci occorrono accordi commerciali equi ed equilibrati che garantiscano che il nostro mercato non sia inondato. È assurdo che l’UE debba fare concessioni considerevoli sulla carne bovina, sullo zucchero e sull’etanolo quando il mercato europeo ha già abbastanza prodotti di base agricoli e non sappiamo quale sarà l’esito dei negoziati sulla Brexit. Siamo estremamente preoccupati anche dalla decisione di includere il succo d’arancia. Importiamo già grandi volumi da questi paesi, senza ottenere da parte loro alcuna reciprocità. L’UE non può sacrificare i nostri benefici derivanti dal commercio agricolo in particolare allorquando gli agricoltori non beneficiano di prezzi più elevati al produttore. Non possiamo permettere due pesi e due misure nel mercato unico”.

In conclusione ha indicato: “Malgrado la volontà dell’UE di essere all’avanguardia sul cambiamento climatico, un potenziale accordo con il Mercosur avrebbe un impatto negativo sul clima. Se paragoniamo una mappa attuale del Brasile con una di 20 anni fa, possiamo vedere l’estensione della deforestazione dovuta al forte aumento della produzione agricola. Ciò incrementa le emissioni di gas a effetto serra mentre l’UE ha ridotto le sue emissioni di più del 20% dal 1990″.

Fonte: Copa-Cogeca

Print Friendly, PDF & Email

About the Author:

Ruminantia - Lo spazio in rete dell'Allevatore. I migliori professionisti del settore a supporto dell'allevatore italiano, con informazioni aggiornate e articoli scientifici.

Scrivi un commento