Modifica al Testo unico sull’agricoltura, via libera dalla Commissione. Confagricoltura Lombardia: “Accolte alcune nostre osservazioni”

//Modifica al Testo unico sull’agricoltura, via libera dalla Commissione. Confagricoltura Lombardia: “Accolte alcune nostre osservazioni”

Modifica al Testo unico sull’agricoltura, via libera dalla Commissione. Confagricoltura Lombardia: “Accolte alcune nostre osservazioni”

Il provvedimento andrà ora in consiglio regionale

Le proposte di modifica intervengono nei settori del florovivaismo e dell’agriturismo. Il presidente Antonio Boselli: “È stato svolto un buon lavoro e sono stati cambiati alcuni punti che avevamo segnalato, ma ora serve intervenire ancora su questioni che riteniamo fondamentali”

 La Commissione Agricoltura del Consiglio regionale lombardo ha dato il via libera ieri, con il Pdl 67, alla modifica della legge 31 che interviene, in modo particolare, sull’agriturismo e sul florovivaismo.

Numerose sono le novità introdotte, tra cui una razionalizzazione delle disposizioni vigenti, l’introduzione del concetto di multifunzionalità dell’azienda agricola, la valorizzazione della attività di impresa florovivaistica, l’aumento del livello di qualità dell’offerta dagli agriturismi lombardi, ma per Antonio Boselli, presidente di Confagricoltura Lombardia, sono necessari ancora alcuni cambiamenti.

“Sono già stati raggiunti alcuni obiettivi importanti e siamo certi – sottolinea – che lo sforzo politico va nella direzione della valorizzazione della filiera dei prodotti regionali – ricordiamo che  con questa norma gli agriturismi della nostra regione serviranno 100% vini lombardi e pesce lombardo –, ma abbiamo bisogno ad esempio che il limite massimo di ospiti nelle aziende agrituristiche rimanga fisso sulle sessanta presenze e non venga innalzato a 100 ospiti. Se da una parte, infatti, gli agriturismi saranno veri e propri ambasciatori del nostro territorio, dall’altra ritengo che si debba scremare fra le imprese che valorizzano davvero il mondo agricolo e agroalimentare e quelle che non lo fanno”.

Anche sui garden serve intervenire dando una riscrittura dell’articolo più chiara che eviti dubbi interpretativi nella sua applicazione.

Per il presidente Boselli sarà importantissimo proseguire sulla strada tracciata e caratterizzata da un fitto dialogo con tutti gli attori della filiera: “Confidiamo ora in un ulteriore sforzo da parte dei nostri rappresentanti politici confermando la nostra disponibilità al confronto e alla proposizione di soluzioni tecniche a favore del settore primario lombardo”.

La proposta di modifica alle legge approda infatti oggi in Consiglio regionale per l’approvazione definitiva.

 

Fonte: Comunicato stampa Confagricoltura Lombardia

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Di |2019-06-11T09:54:17+02:0011 Giugno 2019|Categorie: News|Tags: , , |

About the Author:

Ruminantia - Lo spazio in rete dell'Allevatore. I migliori professionisti del settore a supporto dell'allevatore italiano, con informazioni aggiornate e articoli scientifici.

Scrivi un commento