Paolo De Castro: no ad abolizione aiuti UE per la promozione dell’export agroalimentare

//Paolo De Castro: no ad abolizione aiuti UE per la promozione dell’export agroalimentare

Paolo De Castro: no ad abolizione aiuti UE per la promozione dell’export agroalimentare

Sono fermamente contrario all’abolizione, nella futura riforma della Pac, degli aiuti europei alla promozione dell’export delle nostre grandi eccellenze agroalimentari, quali vino e ortofrutta, verso i paesi terzi, come invece propone la Commissione ambiente del Parlamento europeo. Sarebbe catastrofico per il futuro di tutta la filiera europea. Per questo, ho deciso di mettere in guardia il settore, con una lettera indirizzata a tutte le organizzazioni agricole e alimentari italiane.

Le misure approvate dalla Commissione ENVI, con l’inspiegabile supporto degli eurodeputati 5 stelle nonostante l’opposizione della delegazione PD, mettono a repentaglio la sostenibilità economica di migliaia di aziende agricole italiane ed europee.

Senza contare che la proposta presenta non pochi fattori di rischio introducendo requisiti sproporzionati per permettere ai nostri agricoltori l’accesso ai fondi PAC.

Non è la prima volta che manifestiamo i nostri dubbi su questa riforma della PAC e tutto ciò rafforza la nostra convinzione sul fatto che sia quanto mai necessario maggior tempo per elaborare una valutazione più bilanciata ed approfondita, non vincolando la prossima Commissione europea e il prossimo Parlamento con una Politica agricola comune a svantaggio dei nostri agricoltori. Di fronte a possibili forzature che costringano il Parlamento ad un voto nell’Aula di Strasburgo, non potremmo che esprimerci a favore del rigetto dell’intera proposta del Commissario Hogan.

 

Fonte: www.paolodecastro.it

Print Friendly, PDF & Email
Di |2019-02-20T16:21:31+02:0020 Febbraio 2019|Categorie: News|Tags: , , |

About the Author:

Ruminantia - Lo spazio in rete dell'Allevatore. I migliori professionisti del settore a supporto dell'allevatore italiano, con informazioni aggiornate e articoli scientifici.

Scrivi un commento