La Pezzata Rossa Italiana è una razza estremamente interessante e in crescita per la sua Duplice Attitudine che porta ad una buona produzione di latte a cui si affianca un certo valore aggiunto del vitello nella produzione di carne.

Per valorizzare la componente femminile di questa razza e diffondere alcuni caratteri interessanti attualmente oggetto di selezione, come un’efficienza metabolica superiore, il gene polled (assenza di corna) e la presenza del gene per la beta caseina A2 attraverso la tecnica dell’embryo transfer è stato avviato un progetto, i cui risultati sono stati presentati lo scorso 28 giugno nella nuova biblioteca del polo scientifico dei Rizzi a Udine durante l’incontro “Miglioramento genetico della rimonta nella Pezzata Rossa Italiana per incrementare il benessere animale, la sostenibilità economica e ambientale nella zootecnia da latte”.

Nell’ambito del progetto GenPRI, ormai in dirittura d’arrivo, sono stati effettuati ha 56 interventi di superovulazione, con 460 embrioni trasferiti in oltre 25 allevamenti regionali e non. Le donatrici erano portatrici di questi caratteri interessanti che sono stati in questo modo diffusi negli allevamenti aderenti al progetto. Contemporaneamente sono stati tracciati i profili endocrini relativi al benessere, allo status metabolico e all’attività ovarica degli animali.

Il progetto è stato svolto nell’ambito del Piano di Sviluppo Rurale 2014-2020 della Regione Friuli Venezia Giulia, ed ha coinvolto il Dipartimento di Scienze agroalimentari, ambientali e animali (DI4A) dell’Università di Udine, l’Associazione Italiana Allevatori Pezzata Rossa Italiana (ANAPRI) e un nutrito numero di allevatori.

In un’ottica di conservazione della biodiversità della razza si è inoltre deciso di recuperare degli embrioni prodotti dalla Pezzata Rossa friulana, razza autoctona di cui rimangono oggi pochissimi capi.

Per saperne di più sul lavoro fatto e sui risultati ottenuti abbiamo intervistato il Prof. Giuseppe Stradaioli dell’Università degli Studi di Udine, referente scientifico del progetto.

Print Friendly, PDF & Email