Il 2023 segna significativamente il passaggio da IDA a IDAS, inaugurato a dicembre 2022 ma il cui effetto vediamo in realtà a partire da quest’anno. Con l’avvento del 2023, oltre all’inaugurazione dell’era IDAS e all’impiego dell’indice RFI, si è assistito alla nascita ufficiale di ImPRItaly, il nuovo sistema di distribuzione del seme prodotto dai tori selezionati presso il Centro Genetico A.N.A.P.R.I.

Con l’uscita degli indici di Agosto, possiamo fare una prima analisi del lavoro svolto finora utilizzando i nuovi strumenti a disposizione della selezione genetica: in classifica Top 100 Internazionali, spiccano 6 tori italiani contro i 65 tedeschi, i 27 austriaci e i 2 francesi. Pare poco, per chi non è a conoscenza dei cambiamenti di cui abbiamo parlato sopra. In realtà, sono risultati soddisfacenti, soprattutto per la qualità degli indici, se messi a confronto con quelli esteri. Il livello genetico medio dei 6 tori di punta è, infatti, in linea con le medie dei tori tedeschi e austriaci.

Differenze minime ma che riteniamo significative da sottolineare si trovano nella percentuale positiva di proteine, rispetto a quelle negative degli altri stati presi in considerazione (Francia, Germania, Austria), e nel contenuto in cellule somatiche: l’indice dei tori italiani è il più alto. Ancora, a parità di IDAS, i tori italiani superano, anche se di poco, la media IDAS dei tori austriaci e tedeschi

Guardando sempre la classifica internazionale, spiccano alcuni tori italiani di notevole interesse.

ITZ ZENZERO (ZEIGER*MASSIMILIANO), con IDAS pari a 1016 si posiziona 4° in classifica, un risultato davvero sorprendente per un toro italiano. E’ un toro completo e soddisfa tutte le esigenze: buona morfologia, positivo a latte. CTM MODESTE (METER Pp*MANOLO), nella TOP20 internazionale, IDAS 902, è un toro Polled, con Beta-caseine A2A2, dalla notevole morfologia di arti e piedi, e mammella tra i suoi punti di forza ha i caratteri della fitness: longevità, fertilità, facilità di parto. Segue CTM MATTHEW (CTM HECTOR*SIWIL). Questo toro in classifica internazionale si difende molto bene, posizionandosi tra i primi 50 tori con un IDAS di 839. Figlio di CTM HECTOR, toro italiano PROVATO molto forte a indice latte, mantiene questa caratteristica lattifera portandosi ad essere il toro in classifica internazionale con indice latte più alto, superando addirittura i francesi. Infine, va segnalato CCT HERMAGOR (HELIFAX*HERZSCHLAG), IDAS 781, con Beta-caseine A2A2 e  i cui punti di forza sono i tioli positivi sia per il grasso sia per le proteine, l’ottimo indice mammella abbinato a una buona muscolosità, ma soprattutto un alto indice RFI che lo incorona il toro a miglior efficienza alimentare in classifica TOP50 nazionale.

Vedere che ben quattro tori in classifica nazionale appartengono al nuovo filone ImPRItaly, e che gli stessi rientrano nella TOP50 internazionale, è da considerarsi un ottimo risultato iniziale, a dimostrazione del fatto che la via intrapresa a fine 2022 è quella giusta.

Figura 1. ITZ ZENZERO – IT030990414542 (ZEIGER * MASSIMILIANO) – Tenuta Marianis, Palazzolo dello Stella (UD).

Figura 2. Madre di ITZ ZENZERO – IT030990369332 (MASSIMILIANO * VORPIN) – Tenuta Marianis, Palazzolo dello Stella (UD).

Figura 3. Madre di CCT HERMAGOR – IT021002400489 (HERZSCHLAG * VALENTIN) – Stabinger Reinhard, Villabassa (BZ).

Figura 4. CTM ERALDO – IT093990198205 (EPINAL * URBAN) –  Fondazione Daniele Moro, Morsano al Tagliamento (PN).

Per ulteriori approfondimenti è disponibile la registrazione della diretta Facebook durante la quale sono stati presentati i nuovi indici.

Print Friendly, PDF & Email