Prezzi del latte 2017, una rassegna internazionale

/, Senza categoria/Prezzi del latte 2017, una rassegna internazionale

Prezzi del latte 2017, una rassegna internazionale

Al termine di ogni anno solare, viene presentato da LTO Nederland un rapporto con i prezzi del latte calcolati pagati per quell’anno. Qui di seguito, viene riportato un breve focus sul rapporto pubblicato per il confronto internazionale dei prezzi del latte 2017.

 

I prezzi del latte nel 2017

Dopo un inizio incerto, il 2017 è stato un anno positivo per il mercato caseario, caratterizzato da prezzi record di grassi e prezzi proteici molto bassi.

Il consumo di prodotti lattiero-caseari grassi come il burro è aumentato strutturalmente come risultato di una percezione del consumatore più positiva. Tuttavia, si è verificato anche un eccesso di proteine,  evidente dagli alti livelli di scorte di latte scremato in polvere nell’UE e negli Stati Uniti.

All’inizio del 2017, la domanda deludente ha visto il mercato sotto pressione. Da maggio in poi, i prezzi hanno iniziato a seguire una forte tendenza al rialzo su tutta la linea. Con il continuo aumento dei prezzi del burro e della panna, anche i prezzi del latte e del formaggio hanno continuato ad aumentare. Anche il prezzo del latte scremato in polvere è aumentato, sebbene sia rimasto vicino al livello del prezzo d’intervento.

Il risveglio sperimentato per il latte scremato in polvere è stato di breve durata. Da giugno in poi, i prezzi sono stati nuovamente sotto pressione a causa dell’aumento della produzione di latte nell’UE, in particolare, dell’aumento della concorrenza nel mercato globale e di un cambio sfavorevole tra euro e dollaro. I consistenti livelli di scorte (di intervento) sono stati responsabili anche di un sentimento negativo. Fino alla fine dell’anno, la quotazione del latte scremato in polvere è scesa ben al di sotto del livello del prezzo d’intervento.

La quotazione del burro ha continuato ad aumentare fino a metà settembre e ha raggiunto un livello record di quasi 700 euro per 100 kg. Tuttavia, alla fine dell’anno è stata apportata una sostanziale correzione dei prezzi, a seguito di un calo della domanda e dell’aumento dell’offerta a causa del forte aumento in corso della produzione di latte in eccedenza.

Il livello medio dei prezzi dei prodotti a base di grassi nel 2017 è stato nettamente superiore a quello del 2016. La media del prezzo del burro e del latte in polvere è aumentata del 60% e quasi del 27% rispettivamente. Il valore indicativo medio del formaggio Gouda è aumentato di quasi il 31%. Il prezzo medio per il latte scremato in polvere ad alto contenuto proteico era in definitiva inferiore di quasi il 3%. Per contro, il prezzo medio del siero di latte in polvere ha mostrato un aumento medio del 22%.

 

Prezzi del latte e andamento del mercato nella prima metà del 2018

Per quanto riguarda il prezzo del latte e gli sviluppi del mercato nella prima parte del 2018, il deterioramento nelle condizioni di mercato evidente a fine 2017 è continuato per l’inizio 2018. Per il latte in polvere, il minimo è stato raggiunto all’inizio di aprile (quotazioni di 127 euro per 100 kg), mentre per il burro, che ha visto un inizio di quotazioni ragionevolmente stabili, c’è stato un incremento oltre i600 euro per 100 kg, risultato di una buona domanda, produzioni limitate e livelli bassi di scorte. Le quotazioni per il latte scremato in polvere hanno subito un significativo incremento alla fine di aprile, probabilmente dovuto alla limitata disponibilità di prodotto fresco a causa della produzione deludente di febbraio e marzo, in particolare. Favorevoli anche le vendite all’esportazione. Sia le quotazioni che i prezzi del latte hanno subito un ribasso all’inizio del 2018.

Sembrerebbe che i prezzi del latte non abbiano ancora beneficiato del miglioramento della situazione di mercato. Ciò può essere spiegato dal fatto che la ripresa del mercato è stata particolarmente evidente nelle quotazioni di aprile e maggio, mentre questa pubblicazione copre i prezzi del latte fino ad aprile incluso.

Inoltre, vi è anche un certo ritardo nell’inclusione delle entrate del mercato lattiero-caseario nel prezzo del latte pagato agli allevatori. Infine, i prezzi del latte in aprile/maggio sono relativamente i più bassi di tutto l’anno a causa dell’effetto stagionale. Sulla base di quanto sopra e tenendo conto delle migliori condizioni di mercato, è ragionevole aspettarsi che i prezzi del latte aumenteranno nei prossimi mesi.

Nel report, vengono dettagliate informazioni aggiuntive relativamente ai prezzi del latte per il 2017 espressi per compagnia.

Volatilità dei prezzi

I prezzi del latte hanno iniziato a fluttuare molto di più dal 2007 in poi. Fino al 2006 incluso, le fluttuazioni dei prezzi erano limitate e influenzate principalmente dalle stagioni, con prezzi del latte più bassi in primavera, nei mesi di aprile e maggio – quando la produzione di latte è più alta – e prezzi del latte più alti alla fine dell’anno (Ottobre e novembre) – quando si produce un quantitativo relativamente minore di latte.

Anche se questo effetto stagionale esiste ancora, le fluttuazioni dei prezzi del latte sono diventate molto più grandi.

 

Evoluzione dei prezzi medi del latte da gennaio 1999 a marzo 2018 inclusi.

 

Un’ulteriore analisi delle fluttuazioni dei prezzi mostra che i maggiori shock di prezzo si sono verificati nel 2007 e nel 2008. Sembrerebbe che l’industria lattiero-casearia abbia avuto bisogno di tempo per adeguarsi alla volatilità del mercato in seguito alla graduale eliminazione della protezione del mercato da parte dell’UE. Nel periodo 2004-2007, il sostegno dei prezzi nel mercato interno e la protezione esterna sono stati gradualmente sostituiti da pagamenti diretti.

Il report approfondisce le fluttuazioni di prezzo del latte e come questo risponda alle fluttuazioni di mercato in modo simile, più lieve ma con un certo ritardo.

La volatilità del prezzo del latte in fattoria è determinata dalla misura in cui le aziende casearie trasmettono le fluttuazioni dei prezzi di vendita dei prodotti lattiero-caseari nei prezzi del latte che pagano ai loro fornitori di prodotti lattiero-caseari. In generale, gli sviluppi del mercato sono passati dopo un certo ritardo e quindi non completamente. È logico che i prezzi del latte pagati ai produttori di latte abbiano subito fluttuazioni minori, poiché le aziende lattiero-casearie hanno un ventaglio di prodotti molto più ampio e molti prezzi di vendita oscillano meno dei prezzi del burro e del latte scremato in polvere.

I prezzi stabili sono possibili solo con un equilibrio tra offerta e domanda. Nel mercato lattiero-caseario, l’offerta non è in grado di rispondere rapidamente ai cambiamenti della domanda. A ciò si aggiungono cambiamenti relativamente limitati e imprevisti della domanda (lo scandalo della melamina in Cina e il divieto di importazione della Russia, ad esempio) e l’offerta (una siccità in Nuova Zelanda, ad esempio) causano notevoli fluttuazioni dei prezzi.

Per leggere il report completo, con informazioni sull’andamento dei prezzi del latte fuori dall’Unione Europea, ed approfondire su dati e grafici, cliccare:

LTO INTERNATIONAL COMPARISON OF PRODUCER PRICES FOR MILK 2017

Fonte: LTO International Milk Price Comparison (www.milkprices.nl)

Print Friendly, PDF & Email

About the Author:

Ruminantia - Lo spazio in rete dell'Allevatore. I migliori professionisti del settore a supporto dell'allevatore italiano, con informazioni aggiornate e articoli scientifici.

Scrivi un commento