Prodotti lattiero-caseari e ricerca: studio sugli effetti antinfiammatori di un petide derivato dalla digestione di mozzarella di bufala

//Prodotti lattiero-caseari e ricerca: studio sugli effetti antinfiammatori di un petide derivato dalla digestione di mozzarella di bufala

Prodotti lattiero-caseari e ricerca: studio sugli effetti antinfiammatori di un petide derivato dalla digestione di mozzarella di bufala

Effetto antinfiammatorio a livello intestinale di un peptide derivato dalla digestione gastrointestinale di Mozzarella di bufala (Bubalus bubalis)

Abstract

In condizioni fisiologiche, l‘intestino tenue rappresenta una barriera contro antigeni nocivi e agenti patogeni. Il mantenimento della barriera intestinale dipende in gran parte dalle interazioni cellula-cellula (giunzioni aderenti) e dalle interazioni cellula-matrice (giunzioni strette). Le malattie infiammatorie intestinali sono caratterizzate da infiammazione cronica, che induce una destrutturazione dell’architettura delle proteine epiteliali giunzionali con conseguente rottura della barriera intestinale. Recentemente, un peptide identificato a partire da prodotti derivati da latte di Bubalus bubalis (MBCP) è stato in grado di ridurre lo stress ossidativo nelle cellule epiteliali intestinali e negli eritrociti. Il nostro obiettivo è stato quello di valutare il potenziale terapeutico del MBCP nelle malattie infiammatorie intestinali (IBD). Abbiamo studiato l’effetto del MBCP su (i) cellule intestinali umane Caco2 infiammate e (ii) in un modello di topi con colite acido dinitrobenzene sulfonico (DNBS) indotta. Abbiamo dimostrato che MBCP, a concentrazioni non citotossiche, sia in vitro che in vivo ha indotto l’organizzazione delle giunzioni epiteliali aderenti, modulato la via del fattore nucleare (NF)-κB e ridotto la permeabilità intestinale. Inoltre, l’MBCP ha consentito la regressione degli effetti delle lesioni da atropina e tubocurarina sulle giunzioni aderenti. I dati ottenuti hanno dimostrato che MBCP possiede effetti anti-infiammatori sia in vitro che in vivo. Questi risultati potrebbero avere un impatto importante sul potenziale terapeutico di MBCP nell’aiutare a ripristinare l’integrità dell’epitelio intestinale danneggiata dall’infiammazione.

Parole chiave: infiammazione intestinale; malattie infiammatorie intestinali; giunzioni epiteliali aderenti; peptidi bioattivi

Intestinal Anti-Inflammatory Effect of a Peptide Derived from Gastrointestinal Digestion of Buffalo (Bubalus bubalis) Mozzarella Cheese

Gian Carlo Tenore 1,†OrcID, Ester Pagano 1,†, Stefania Lama 2, Daniela Vanacore 2, Salvatore Di Maro 3OrcID, Maria Maisto 1OrcID, Raffaele Capasso 4, Francesco Merlino 1OrcID, Francesca Borrelli 1,* OrcID, Paola Stiuso 2,* and Ettore Novellino 1

1 Department of Pharmacy, School of Medicine and Surgery, University of Naples Federico II, Via D. Montesano 49, 80131 Naples, Italy
2 Department of Precision Medicine, University of Campania “Luigi Vanvitelli”, Via De Crecchio 7, 80138 Naples, Italy
3 DiSTABiF, Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli”, via Vivaldi 43, 81100 Caserta, Italy
4 Department of Agricultural Sciences, University of Naples Federico II, 80055 Portici, Italy
† These two authors equally contributed to this work.
* Authors to whom correspondence should be addressed.

DOI: https://doi.org/10.3390/nu11030610

Print Friendly, PDF & Email

About the Author:

Ruminantia - Lo spazio in rete dell'Allevatore. I migliori professionisti del settore a supporto dell'allevatore italiano, con informazioni aggiornate e articoli scientifici.

Scrivi un commento