Produzione di latte nell’UE: effetti della siccità su un settore in crisi

//Produzione di latte nell’UE: effetti della siccità su un settore in crisi

Produzione di latte nell’UE: effetti della siccità su un settore in crisi

L’EMB richiede uno strumento permanente di gestione delle crisi

A causa delle conseguenze della siccità in corso, gli allevatori di tutta l’Europa stanno affrontando gravi difficoltà. Nel settore lattiero-caseario, gli sviluppi degli ultimi anni hanno solo portato la situazione a peggiorare. Vista l’attuale crisi del settore lattiero caseario, le riserve sono state completamente decimate e, in molti casi, i debiti si sono accumulati. Questi fattori di fondo rendono ancora più difficile affrontare la situazione attuale. Drastiche diminuzioni della resa e mancati raccolti stanno colpendo duramente gli allevatori. L’aumento dei costi dei mangimi inoltre implica una maggiore pressione e sta portando a crescenti deficit finanziari.

In questa situazione difficile, l’aiuto finanziario è utile per affrontare gli effetti diretti della siccità. Inoltre, il latte in polvere proveniente dalle scorte di intervento dell’UE dovrebbe essere definitivamente escluso dal mercato al momento poiché non farebbe altro che aumentare ulteriormente la pressione sui prezzi già bassi del latte, che attualmente si attestano in media a circa 33 centesimi/litro nell’UE.

Come sottolinea il Presidente dello European Milk Board (EMB) Erwin Schöpges, oltre a lavorare su misure a breve termine, è anche molto importante trovare soluzioni a lungo termine che migliorino le condizioni generali del settore. “E’ indispensabile stabilire un meccanismo che metta fine alla lunga serie di crisi del settore. Questo sistema dovrebbe consentire agli allevatori di avere prezzi che effettivamente coprano i costi di produzione – incluso un reddito decente – e quindi consentire alle aziende agricole di operare in modo sostenibile e di sopravvivere “, afferma Schöpges.

Anche Boris Gondouin, membro del Comitato Esecutivo EMB e allevatore di bovine da latte francese, fa eco a questo sentimento. Crede che la gestione progressiva delle crisi sia l’unico modo per garantire che gli allevamenti sopravvivano e che situazioni così estreme come l’attuale siccità possano essere affrontate meglio. “A partire dagli anni 2000, la siccità è diventata un problema più grave e molto più frequente sia in Francia che in altri paesi europei. Questo dimostra che è importante per noi guadagnare abbastanza nei cosiddetti anni normali senza dar fondo ai nostri risparmi, così da potervi ricorrere durante gli anni più difficili “, dice Gondouin. “Ma ciò sarebbe possibile solo se strumenti come il Market Responsibility Program (MRP) fossero integrati nella politica agricola comune (PAC) dell’UE”.

L’MRP potrebbe rendere il settore più resistente alle crisi. Questo strumento prevede l’adeguamento temporaneo dei volumi di produzione in modo che il crollo dei prezzi del latte possa attenuarsi. Adattandosi in modo flessibile alla situazione del mercato, è possibile attivare diverse fasi della pianificazione MRP, come ad esempio i tagli di produzione volontari. L’MRP previene le perdite di creazione di valore che indeboliscono enormemente gli allevatori. Per affrontare le numerose sfide per arrivare ad una produzione lattiero-casearia sostenibile, rispettosa dell’ambiente, degli animali e del clima, sono necessari mercati a prova di crisi e prezzi che coprano i costi per i produttori. In questo contesto, Erwin Schöpges chiarisce: “I prezzi possono essere considerati come copertura dei costi solo quando coprono tutti i costi della produzione di latte – compresa una giusta remunerazione per la manodopera messa in atto dagli allevatori”.

La vicepresidente della EMB, Sieta van Keimpema, considera l’MRP come un passo importante verso una politica agricola veramente comune, riducendo la disparità di trattamento attualmente riservata agli allevatori dell’UE. “Alcuni paesi stanno attualmente sostenendo i loro allevatori durante la siccità, mentre altri sono molto riluttanti a farlo. La pianificazione MRP adotterebbe un approccio diverso, poiché si applicherebbe allo stesso modo a tutti i paesi dell’Unione europea, prevederebbe ed eviterebbe le crisi a livello UE, contribuirebbe a stabilizzare il mercato lattiero-caseario nel suo complesso, cosa che, alla fine, porterebbe benefici a tutti i produttori dell’UE “.

Clicca qui per leggere una breve descrizione del Market Responsibility Programme (PRM)

Fonte: European Milk Board

Print Friendly, PDF & Email
Di |2018-08-27T13:30:13+02:0027 Agosto 2018|Categorie: News|Tags: , , , , |

About the Author:

Ruminantia - Lo spazio in rete dell'Allevatore. I migliori professionisti del settore a supporto dell'allevatore italiano, con informazioni aggiornate e articoli scientifici.

Scrivi un commento