Rassegna dei prezzi internazionali del latte di dicembre 2018

//Rassegna dei prezzi internazionali del latte di dicembre 2018

Rassegna dei prezzi internazionali del latte di dicembre 2018

Tutti i prezzi sono IVA esclusa, pagati ai produttori e assumendo che il latte venga raccolto a giorni alterni.
1) Esclusivo del pagamento supplementare più recente
2) Media aritmetica
3) In base alle previsioni più recenti
4) Basato sulle dichiarazioni USDA

Prezzi del latte

I prezzi medi mensili del latte calcolati a dicembre 2018 sono stati di 34,29 € per 100 kg di latte standard. Una diminuzione di 0,36 € rispetto al mese precedente. Rispetto a dicembre 2017, il prezzo medio del latte è inferiore di 2,87 € o del 7,7%.

A dicembre, la maggior parte (11) delle aziende lattiero-casearie non ha modificato il prezzo del latte rispetto a novembre. La altre 6 aziende hanno ridotto i prezzi del latte di circa 1,00 € per 100 kg.

Ci si aspetta che il prezzo medio del latte diminuisca leggermente a gennaio in vista delle riduzioni dei prezzi annunciate da Dairy Crest (-1,2), Arla (-1,5), FrieslandCampina (-1,0), Royal A-ware (-0,5) e Lactalis ( -0,7). FrieslandCampina ha annunciato un piccolo aumento dei prezzi per febbraio (+ 0,2), mentre Arla lascia il prezzo del latte invariato.

I prezzi del latte di Savencia e Lactalis sono stati annunciati per il primo trimestre del 2019. Savencia aumenta il prezzo del latte a gennaio (+1,1) e febbraio (+0,8) e lo lascia invariato a marzo. Dopo una riduzione dei prezzi a gennaio (-0,7), il prezzo del latte di Lactalis rimane invariato nei mesi di febbraio e marzo.

Da ottobre, Royal A-ware ha 5 diversi flussi di latte. Il prezzo del latte LTO si applica dal mese di ottobre 2018 in poi al cosiddetto flusso di latte di allevamento (per ulteriori dettagli, vedere informazioni per azienda).

La precedente pubblicazione ha fornito una panoramica dei prezzi del latte provvisoria per il 2018. In media, i prezzi del latte in anticipo mensili delle aziende lattiero-casearie europee sono diminuiti del 3,6% rispetto al 2017, rendendo il 2018 un anno di prezzo medio del latte. Lo sviluppo del prezzo del latte negli Stati Uniti è chiaramente più negativo, come mostrato nel grafico sottostante.

Grafico. Prezzi del latte di classe III negli USA (In $ per cwt (=45.36 kg))

Espressi in dollari (e per peso a cento (cwt)), i prezzi del latte di classe III sono diminuiti di quasi il 10% nel 2018 rispetto all’anno precedente. Ciò significa che il 2018 sarà di nuovo un anno del latte relativamente povero dopo il 2017. I prezzi del latte degli ultimi 2 anni sono nettamente inferiori alla media degli anni dal 2013 al 2017.

Variazioni di prezzo a dicembre 2018 (100 € al kg rispetto al mese precedente) e ulteriori informazioni per società

Milcobel: -1,0

Muller: invariato
DMK Deutsches Milchkontor eG: -1,0. Il rapporto di prezzo tra proteine e grassi cambia a gennaio a 1:1. Da luglio 2018 in poi è stato di 1,5:1 e prima per molti anni 2:1.
Hochwald eG: invariato

Arla: -1,0, gennaio -1.5 e febbraio invariato

Valio: invariato
I prezzi del latte di Valio si basano sulle dichiarazioni sul latte di una delle sue cooperative associate.

Savencia: invariato, gennaio +1,1, febbraio +0,8 and marzo invariato
Danone (prezzo A): -1,0
Lactalis: invariato, gennaio -0,7 e febbraio e marzo invariato
Sodiaal (prezzo A): -1,0

Dairy Crest: -1,2 a causa di un bonus di stagionalità inferiore e una svalutazione della sterlina britannica rispetto all’euro. -1,6 a causa della scadenza del bonus stagionale e di febbraio -1,0 a causa di un calo dei prezzi (-0,5 ppl) e del ritiro del pagamento supplementare per condizioni meteorologiche estreme (-0.5 ppl).

Dairygold: invariato
Glanbia Ingredients Ireland: invariato
Kerry: invariato

Granarolo: invariato fino a gennaio incluso.

Royal A-ware: invariato e gennaio -0,5
Con la dichiarazione sul latte di dicembre, il premio di sostenibilità di 0,50 € per 100 kg è stato versato sul latte consegnato nel 2018 e regolato con un anticipo mensile di 0,25 € per 100 kg. Nel confronto del prezzo del latte, questo premio è stato aumentato con effetto retroattivo da gennaio 2018 in poi di 0,25 € per 100 kg.
Dall’ottobre 2018, Royal A-ware ha 5 flussi speciali di latte. Il prezzo del latte calcolato si riferisce al cosiddetto flusso di latte dell’azienda. Questo latte crudo deve soddisfare una serie di requisiti, compresa la certificazione non OGM. Per questo flusso di latte, i produttori di latte ricevono un premio di 0,50 € da ottobre a dicembre e 1,25 € per 100 kg da gennaio 2019 in poi. Per il latte di allevamento non è obbligatorio il pascolo all’aperto. Su questa base, i prezzi del latte sono stati ridotti retroattivamente di 0,81 € da ottobre (nessun premio per i pascoli) e sono aumentati di 0,50 € grazie al premio per il latte di allevamento. Di conseguenza, i prezzi del latte in ottobre e novembre sono stati ridotti di 0,06 € per 100 kg (= + 0,25-0,81 + 0,50).
FrieslandCampina: invariato, gennaio -1,0 e febbraio +0,2

MEDIA: -0,36

Emmi: +0,5 a causa di un leggero aumento del prezzo B combinato con un cambio leggermente inferiore per il franco svizzero rispetto all’euro. A gennaio e febbraio, i prezzi del latte sono leggermente aumentati di +0,6 e + 0,1 rispettivamente. Per il latte consegnato nel 2017, è stato effettuato un pagamento supplementare di 3 franchi svizzeri o di 2,65 € per 100 kg. Questo importo è stato incorporato retroattivamente nei prezzi del latte 2017.
Fonterra: invariato
USA: -2,3
Espresso in dollari, il prezzo del latte negli Stati Uniti di classe III è sceso da 14,44 $ a novembre a 13,78 $ per cwt (peso a cento (45,36 kg)) a dicembre.

Situazione di mercato

(Fonte: ZuivelNL www.zuivelnl.org)

 Quotazioni ufficiali olandesi per i prodotti lattiero-caseari (€ per 100 kg)

In tutta l’UE c’è stata una stagnazione della fornitura di latte da agosto, che sembra essere il risultato della grave siccità in estate. A novembre il volume è diminuito di quasi l’1%, nei due mesi precedenti era già leggermente diminuito. In quel mese, l’offerta di latte in Germania, Francia e Italia, in particolare, è diminuita come anche nei Paesi Bassi. Impressionante è la forte crescita in Irlanda da agosto, dopo un periodo di contrazione. A ottobre e novembre il volume è addirittura aumentato del 20%.

Anche la produzione di latte nei principali paesi produttori di latte al di fuori dell’UE ha ristagnato a novembre. Solo Nuova Zelanda (+ 1,0%) e Stati Uniti (+ 0,6%) hanno registrato un altro aumento. Negli Stati Uniti, la crescita è stata a lungo al di sotto del tasso di crescita a lungo termine (1,6%). Argentina, Uruguay e Australia hanno visto un calo dei volumi a novembre. L’Australia ha registrato un calo per il sesto mese consecutivo. La Nuova Zelanda è in grado di mantenere il tasso di crescita e ha anche ottenuto un aumento dell’offerta di latte a dicembre.

A dicembre, la caduta dei prezzi del burro si è conclusa. A gennaio il mercato del burro si è ripreso e sono stati quotati prezzi più alti. Ciò è dovuto principalmente all’aumento degli interessi di acquisto, in particolare per il secondo trimestre. La quotazione del latte scremato in polvere continua ad aumentare grazie alla buona domanda. Questa è ora di 195 € e ben al di sopra del livello dei prezzi di intervento. In breve tempo le scorte di intervento sono state quasi completamente vendute, ma ciò non ha avuto alcuna conseguenza sui prezzi di mercato. A causa dell’aumento dei prezzi sul mercato della panna / latte magro e del latte scremato in polvere, i prezzi del latte intero in polvere sono in aumento. La domanda di latte in polvere europeo è tuttavia limitata, poiché la differenza di prezzo con il mercato mondiale è eccessiva.

 

Tutti i prezzi sono IVA esclusa, pagati ai produttori e assumendo che il latte venga raccolto a giorni alterni.
1) Esclusivo del pagamento supplementare più recente
2) Media aritmetica
3) In base alle previsioni più recenti
4) Basato sulle dichiarazioni USDA

 

Tutti i prezzi sono IVA esclusa, pagati ai produttori e assumendo che il latte venga raccolto a giorni alterni.
1) Esclusivo del pagamento supplementare più recente
2) Media aritmetica
3) In base alle previsioni più recenti
4) Basato sulle dichiarazioni USDA

 

Fonte: LTO International Milk Price Comparison (www.milkprices.nl)

Print Friendly, PDF & Email
Di |2019-02-05T11:04:14+02:005 Febbraio 2019|Categorie: News|Tags: , , , , , , , |

About the Author:

Ruminantia - Lo spazio in rete dell'Allevatore. I migliori professionisti del settore a supporto dell'allevatore italiano, con informazioni aggiornate e articoli scientifici.

Scrivi un commento