Rassegna dei prezzi internazionali del latte di febbraio 2019

//Rassegna dei prezzi internazionali del latte di febbraio 2019

Rassegna dei prezzi internazionali del latte di febbraio 2019

Tutti i prezzi sono IVA esclusa, pagati ai produttori e assumendo che il latte venga raccolto a giorni alterni.
1) Esclusivo del pagamento supplementare più recente
2) Media aritmetica
3) In base alle previsioni più recenti
4) Basato sulle dichiarazioni USDA

Prezzi del latte

I prezzi mensili del latte calcolati per febbraio 2019 sono stati in media di 33,82 € per 100 kg di latte standard. Un decremento di 0,02 € rispetto al mese precedente. Rispetto a febbraio 2018, il prezzo del latte medio è di 1,01 € o inferiore del 2,9%.

Nonostante diverse riduzioni dei prezzi, i prezzi del latte sono rimasti in media praticamente gli stessi del mese precedente. Ciò è dovuto principalmente al fatto che il prezzo del latte della compagnia irlandese Glanbia ha un bonus stagionale calcolato relativamente alto. Senza questo supplemento, il prezzo medio del latte sarebbe sceso di 0,25 € per 100 kg. Solo pochi prezzi del latte sono aumentati. Oltre a Glanbia (+ 3,5 €), ciò riguarda FrieslandCampina (+ 0,3 €) e Danone (+ 0,1 €). Gli altri prezzi del latte sono rimasti gli stessi o sono scesi.

Variazioni di prezzo a febbraio 2019 (100 € al kg) rispetto al mese precedente e ulteriori informazioni per società

Milcobel: invariato

Muller: invariato
Il prezzo del latte è esclusivo di un bonus di 1,0 € per 100 kg per l’uso di mangimi senza OGM.
DMK Deutsches Milchkontor eG: -1,0 e marzo  invariato
Il prezzo del latte include un bonus (medio) di 0,6 € per la partecipazione al programma di sostenibilità Milkmaster, ma esclude un bonus di 0,7 € per l’uso di mangimi senza OGM.
Hochwald eG: invariato.
Il prezzo del latte non include un bonus di 1,0 € per la partecipazione al programma di sostenibilità MilchPlus.

Arla: febbraio e marzo invariati, aprile -0,1
Il prezzo del latte include un bonus di 1,0 € per la partecipazione al programma di qualità e sostenibilità Arlagarden Plus, ma esclude un bonus di 1,0 € per 100 kg per l’uso di mangimi GMO gratuiti.

Valio: invariato
Il prezzo del latte calcolato per gennaio è stato ridotto in modo retrospettivo da 35,10 € a 34,91 €. Questo perché da gennaio in poi il rapporto tra proteine e grassi è passato da 2,8 a 1,7. Il prezzo del latte include un bonus di 1,0 € per la partecipazione al programma di sostenibilità/salute degli animali NASEVA. I prezzi del latte di Valio si basano sulle dichiarazioni sul latte di una delle sue cooperative associate.

Savencia: -0,5 e marzo invariato
Danone: (prezzo A): + 0,1
Lactalis: febbraio e marzo provvisori invariati
Sodiaal (prezzo A): invariato. In febbraio Sodiaal ha aumentato il prezzo di base, ma allo stesso tempo ha introdotto un prelievo stagionale con un conseguente prezzo del latte (quasi) invariato.
Il prezzo del latte non include un bonus per la partecipazione al programma di sostenibilità “La Route du Lait”.

Dairy Crest: -0,6 a causa di un calo dei prezzi (-0,5 ppl) e il ritiro del pagamento supplementare per condizioni meteorologiche estreme parzialmente compensato da un valore più elevato della sterlina britannica rispetto all’euro. Marzo invariato e aprile un calo a causa di un prelievo stagionale (prezzo base invariato).

Dairygold: -1,0
Il prezzo del latte include un bonus di 0,1 € per il programma di sostenibilità SDAS (Sustainable Dairy Assurance Scheme), ma i nuovi bonus di sostenibilità per la partecipazione alla registrazione del latte (0,1) e alla salute delle mandrie dei gruppi di allevamento (0,05 €) non sono presi in considerazione.
Il prezzo calcolato è esclusivo del bonus stagionale per il latte consegnato a febbraio, poiché questo pagamento sarà distribuito con la dichiarazione sul latte di marzo.

Glanbia Ingredients Ireland: + 3,5
Il prezzo del latte calcolato è provvisorio essendo incluso un cosiddetto “late lactation bonus” di 4,0 € per 100 kg per il latte consegnato a febbraio. Inoltre, il prezzo del latte include un contributo di sostegno di 0,48 € (0,95 €) pagato dalla cooperativa Glanbia e un pagamento intermedio di mercato di 0,95 € pagato dal processore di Glanbia Ireland.
Kerry: -1,0
Sul latte fornito da maggio a dicembre gli agricoltori hanno ricevuto un pagamento supplementare di 0,49 € per 100 kg (0,5 centesimi/litro). Questo pagamento è retrospettivamente aggiunto al prezzo del latte calcolato del periodo maggio-dicembre 2018. Il prezzo del latte include un bonus di 0,1 € per il programma di sostenibilità SDAS.

Granarolo: invariato fino a marzo compreso.

FrieslandCampina: +0,2, marzo invariato e aprile -0,5
Il prezzo del latte include un bonus (medio) di 0,63 € per i pascoli all’aperto, ma esclude un bonus di 1,0 € per 100 kg per l’uso di mangimi privi di OGM.

MEDIA: -0.0
Il prezzo medio del latte di gennaio è corretto da 33,85 € a 33,83 € (si vedano le osservazioni di Valio).

Emmi: -3,4 a causa di un prelievo stagionale a febbraio.

Fonterra: invariato
Il prezzo del latte calcolato si basa su un prezzo del latte previsto di 6,45 (intervallo di 6,30 $-6,60 $) più entrate previste di 0,20 (intervallo di 15-25 centesimi) o in totale 6,65 NZ $ per kg di solidi del latte.

USA: + 0,1
Espresso in dollari, il prezzo del latte di classe III degli Stati Uniti è leggermente diminuito da 13,96 $ in gennaio a 13,89 $ per cwt (peso a cento (45,36 kg)) a febbraio.

Situazione di mercato

(Fonte: ZuivelNL www.zuivelnl.org)

Nell’UE, la fornitura di latte a gennaio è già diminuita rispetto al livello dell’anno precedente (-1,3%) per il quinto mese consecutivo. Oltre ai Paesi Bassi, l’offerta di latte in ritardo in Francia, Germania e Austria è stata il principale fattore determinante. D’altra parte, c’è stata una forte crescita in Polonia e nel Regno Unito. Anche la produzione di latte nella maggior parte degli altri importanti paesi esportatori di latte è rimasta indietro o stagnante a gennaio. Solo in Nuova Zelanda ha realizzato una forte crescita (+ 7,7%). Negli Stati Uniti, la crescita dello 0,9% è stata ancora ben al di sotto della media, mentre in Australia il calo dovuto alla siccità ha portato ad un inizio di produzione marcatamente debole del nuovo anno solare (-11%). A conti fatti, il tasso di crescita aggregato dei principali esportatori di latte a gennaio è stato negativo: -0,3% (-84 mila tonnellate).

Dopo la caduta dei prezzi a febbraio, il mercato del burro si è stabilizzato a marzo, lasciando un margine per aumenti di prezzo verso la fine di marzo. Gli sviluppi stagionali della domanda svolgono parzialmente un ruolo in questo. Vi è inoltre un crescente interesse per le esportazioni, poiché il prodotto UE è diventato più competitivo a causa dell’aumento dei prezzi del mercato mondiale. La quotazione del latte scremato in polvere è rimasta piuttosto stabile a poco meno di 200 € dopo un lungo periodo di recupero fino a metà marzo, ma poi ha nuovamente perso terreno. Il quadro del mercato rimane abbastanza calmo. Nel segmento dei mangimi, le scorte di prodotti di intervento precedenti ancora presenti sul mercato hanno un effetto deprimente sui prezzi. La quotazione del latte intero in polvere è ancora in aumento, anche se il quadro dei prezzi è un po ‘più stabile con poca attività nel corso del mese di marzo. Oceania e Sud America sono ora fuori stagione. Un prodotto europeo può trarne vantaggio compilando la potenziale domanda di esportazione, che potrebbe ulteriormente sostenere il mercato.

 

Tutti i prezzi sono IVA esclusa, pagati ai produttori e assumendo che il latte venga raccolto a giorni alterni.
1) Esclusivo del pagamento supplementare più recente
2) Media aritmetica
3) In base alle previsioni più recenti
4) Basato sulle dichiarazioni USDA

 

Tutti i prezzi sono IVA esclusa, pagati ai produttori e assumendo che il latte venga raccolto a giorni alterni.
1) Esclusivo del pagamento supplementare più recente
2) Media aritmetica
3) In base alle previsioni più recenti
4) Basato sulle dichiarazioni USDA

 

Fonte: LTO International Milk Price Comparison (www.milkprices.nl)

Print Friendly, PDF & Email
Di |2019-04-03T11:50:15+02:003 Aprile 2019|Categorie: News|Tags: , , , , , , , |

About the Author:

Ruminantia - Lo spazio in rete dell'Allevatore. I migliori professionisti del settore a supporto dell'allevatore italiano, con informazioni aggiornate e articoli scientifici.

Scrivi un commento