Tutti i prezzi sono IVA esclusa, pagati ai produttori e assumendo che il latte venga raccolto a giorni alterni.
1) Esclusivo del pagamento supplementare più recente
2) Media aritmetica
3) In base alle previsioni più recenti
4) Basato sulle dichiarazioni USDA

I prezzi del latte

I prezzi mensili del latte calcolati a novembre 2019 sono stati in media di 33,73 € per 100 kg di latte standard. Un aumento di 0,22 € rispetto al mese precedente. Rispetto a novembre 2018, il prezzo medio del latte è diminuito di 1,09 € o 3,1%.

Il fatto che il prezzo medio del latte sia leggermente aumentato è dovuto alle compagnie lattiero-casearie irlandesi, che hanno aumentato il loro prezzo del latte di 1 euro ogni 100 kg. A causa del bonus stagionale, il prezzo del latte (provvisorio) di Glanbia è aumentato ancora di più. D’altra parte, ci sono prezzi del latte più bassi in Francia, ma ciò è principalmente dovuto a un effetto stagionale. Oltre ai prezzi del latte irlandese, sono aumentati anche i prezzi del latte calcolati di Saputo Dairy UK e FrieslandCampina, entrambi di 0,7 € per 100 kg. A dicembre e gennaio i prezzi del latte di Arla rimangono invariati, mentre il prezzo del latte della FrieslandCampina aumenta (dicembre + 0,9 €) e diminuisce (gennaio – 1,2 € per 100 kg).

Il prezzo più basso del latte di FrieslandCampina a gennaio è principalmente dovuto a un adeguamento del sistema. I prezzi del latte mensili o il prezzo garantito da FrieslandCampina si basano sui prezzi del latte di altre società lattiero-casearie nell’Europa nord-occidentale. Finora, i prezzi del latte di altre società includevano premi massimi. Da gennaio questi bonus non vengono presi in considerazione, con conseguente riduzione del prezzo garantito. Inoltre, il prezzo garantito si applica a contenuti standard più elevati con il risultato che i corrispondenti prezzi di grassi, proteine e lattosio sono leggermente inferiori. Anche il prezzo garantito a gennaio è stato corretto (abbassato), poiché i prezzi del latte di dicembre delle altre industrie lattiero-casearie sono stati successivamente sopravvalutati. Infine, FrieslandCampina prevede anche prezzi del latte leggermente inferiori a gennaio.

Per 12 mesi consecutivi, Saputo Dairy UK non ha modificato il prezzo del latte prima della stagionalità, ma ha annunciato una riduzione del prezzo di 0,7 pence al litro o 0,8 € per 100 kg per febbraio 2020. Dopo un aumento continuo fino a novembre, il prezzo del latte di classe III per gli USA è sceso di nuovo per la prima volta a dicembre. Per tutto il 2019, il prezzo del latte di classe III negli Stati Uniti è aumentato in media del 16% rispetto al 2018.

Variazioni di prezzo a novembre 2019 (100 € al kg) rispetto al mese precedente e ulteriori informazioni per società

Milcobel: invariato, dicembre + 1,5 (provvisorio)

Muller: Invariato
Il prezzo del latte è al netto di un bonus di 1,0 € per 100 kg per l’uso di alimenti zootecnici senza OGM.
DMK Deutsches Milchkontor eG: invariato, dicembre + 1,0
Il prezzo del latte include un bonus (medio) di 0,66 € per la partecipazione al programma di sostenibilità Milkmaster, ma esclude un bonus di 0,7 € per l’uso di alimenti zootecnici senza OGM.
Sulla base della relazione annuale 2018, il bonus medio di Milkmaster è stato aumentato da 0,60 € con effetto retroattivo da gennaio 2018 a 0,66 € per 100 kg.
Hochwald eG: invariato
Il prezzo del latte non include il bonus di 1,00 € per 100 kg per l’uso di alimenti zootecnici senza OGM.

Arla: novembre, dicembre e gennaio invariati
Il prezzo del latte include un bonus di 1,0 € per la partecipazione al programma di qualità e sostenibilità Arlagarden Plus, ma esclude un bonus di 1,0 € per 100 kg per l’uso di alimenti zootecnici senza OGM e 0,5 € per 100 kg per il benessere.

Valio: invariato
Il prezzo del latte include un bonus di 2,0 € per la partecipazione al programma di sostenibilità/salute animale NASEVA. I prezzi del latte di Valio si basano sulle dichiarazioni del latte di una delle sue cooperative associate.

Savencia: -0,2, dicembre invariato Danone (prezzo A): -0,5
Lactalis: invariato, dicembre +0,3
Sodiaal (prezzo A): -2,2 a causa di un prelievo stagionale

Saputo Dairy UK: +0,7 a causa di un aumento del valore della sterlina britannica rispetto all’euro, espresso in pence per litro e prima della stagionalità il prezzo del latte è rimasto invariato per un anno. A febbraio il prezzo del latte diminuirà di 0,7% o 0,8 € per 100 kg. Il prezzo del latte si basa sui prezzi alla produzione per la fornitura all’industria lattiero-casearia Davidstow.

Dairygold: +1,0
Il prezzo del latte include un bonus di 0,1 € per il programma nazionale di sostenibilità SDAS (Sustainable Dairy Assurance Scheme), ma i bonus per la partecipazione alla registrazione del latte (0,1) e ai gruppi di allevamento bovino per la salute della mandria (0,05 € ) non vengono presi in considerazione.
Glanbia Ingredients Ireland: (provvisorio) +2,9
I prezzi del latte calcolati includono un bonus stagionale provvisorio di 1,9 € per 100 kg.
Il prezzo del latte include un pagamento di supporto di 0,95 € pagato dalla cooperativa Glanbia.
Kerry: +1,0
Il prezzo del latte include un bonus di 0,1 € per il programma di sostenibilità SDAS.

Granarolo: novembre e dicembre invariati

FrieslandCampina: +0,7, dicembre +0,9 e gennaio -1,2
Il prezzo del latte include un bonus (medio) di 0,63 € per il pascolo, ma escluso un bonus di 1,0 € per 100 kg per l’uso di alimenti zootecnici senza OGM.

MEDIA: +0,22

Emmi: -3,1 a causa della scadenza del bonus stagionale, dicembre (+0,3) e gennaio (+0,5) a causa di un leggero aumento del prezzo B.
Il prezzo del latte esclude un bonus di 2,75 € per 100 kg per il programma nazionale di sostenibilità Swissmilk Green.

Fonterra: +0,8 a causa di una rivalutazione del valore del dollaro neozelandese rispetto all’euro. Il prezzo del latte calcolato si basa su un prezzo del latte previsto di 6,50 (intervallo di 6,25 $-6,75 $) più guadagni previsti di 0,20 (intervallo di 15-25 centesimi) o in totale 6,70 NZ $ per kg di solidi del latte.

Stati Uniti: +3,7
Espresso in dollari, il prezzo del latte di classe III negli Stati Uniti è aumentato da 18,72 $ ad ottobre a 20,45 $ per cwt (peso a cento (45,36 kg)) in novembre. Sebbene in calo a dicembre ($ 19,39), il prezzo medio di Classe III 2019 è superiore del 16% rispetto al 2018 (16,96 contro 14,61).

La situazione del mercato

(Fonte: ZuivelNL www.zuivelnl.org)

L‘offerta di latte nell’UE è aumentata modestamente (+ 0,3%) ad ottobre, un lieve indebolimento rispetto ai due mesi precedenti. Cumulativamente, l’offerta di latte nell’UE nei primi dieci mesi del 2019 è stata dello 0,5% superiore rispetto al 2018. È proseguita la crescita in Francia e nei Paesi Bassi. La fornitura di latte olandese ha registrato un vantaggio per il quarto mese consecutivo. Al contrario, l’offerta di latte in Germania è diminuita. Anche l’offerta di latte irlandese è diminuita a ottobre, a settembre non si è più registrata alcuna crescita. Ciò ha posto fine a un aumento esponenziale.

La produzione di latte negli altri importanti paesi esportatori di prodotti lattiero-caseari a livello globale ha mostrato un quadro contrastante a ottobre, analogo ai mesi precedenti. L’offerta di latte in Argentina (+ 1%) e negli Stati Uniti (+ 1%) è cresciuta. Il volume in Australia (-5%), Nuova Zelanda (-3%) e Uruguay (-1%) è diminuito in questo mese. Il tasso di crescita aggregato dei principali esportatori di prodotti lattiero-caseari (compresa l’UE) è stato ancora leggermente negativo allo – 0,1% durante questo periodo.

Il mercato è attualmente stabile per tutti i prodotti lattiero-caseari. Le quotazioni per il burro, il latte scremato in polvere e il latte intero in polvere sono rimaste allo stesso livello dall’inizio di dicembre. Il mercato del burro è calmo ed è stato recentemente sostenuto principalmente dalla necessaria domanda di copertura e dai buoni prezzi della panna fresca. Il mercato del latte scremato in polvere è ancora solido, grazie alla buona domanda e alla disponibilità limitata. Tuttavia, gli acquirenti stanno gradualmente acquisendo una certa resistenza all’alto livello dei prezzi dei prodotti in polvere europei. Inoltre, l’UE sta sperimentando sempre più concorrenza sul mercato mondiale con prodotti statunitensi più economici e sta perdendo terreno con questo.

 

Tutti i prezzi sono IVA esclusa, pagati ai produttori e assumendo che il latte venga raccolto a giorni alterni.
1) Esclusivo del pagamento supplementare più recente
2) Media aritmetica
3) In base alle previsioni più recenti
4) Basato sulle dichiarazioni USDA

 

Tutti i prezzi sono IVA esclusa, pagati ai produttori e assumendo che il latte venga raccolto a giorni alterni.
1) Esclusivo del pagamento supplementare più recente
2) Media aritmetica
3) In base alle previsioni più recenti
4) Basato sulle dichiarazioni USDA

Il report originale è disponibile qui.

 

Fonte: LTO International Milk Price Comparison (www.milkprices.nl)

 

Print Friendly, PDF & Email