Tutti i prezzi sono IVA esclusa, pagati ai produttori e assumendo che il latte venga raccolto a giorni alterni.
1) Esclusivo del pagamento supplementare più recente
2) Media aritmetica
3) In base alle previsioni più recenti
4) Basato sulle dichiarazioni USDA

I prezzi del latte

I prezzi mensili del latte calcolati per ottobre 2019 sono stati in media di 33,51 € per 100 kg di latte standard. Un decremento di 0,07 € rispetto al mese precedente. Rispetto a ottobre 2018, il prezzo medio del latte è diminuito di 1,27 € o 3,6%.

La maggior parte dei prezzi del latte non è affatto cambiata rispetto al mese precedente. Un’eccezione è l’aumento del prezzo di Granarolo (+ € 1,9 per 100 kg). Anche i prezzi del latte calcolati di Danone e Saputo Dairy UK sono chiaramente cambiati, ma ciò è dovuto agli adeguamenti stagionali. Lo sviluppo relativamente stabile dei prezzi del latte nel 2019 è illustrato al meglio da Saputo Dairy UK, che non ha modificato il prezzo del latte prima della stagionalità da febbraio a dicembre 2019.

Oltre a Saputo Dairy UK, i prezzi del latte di Arla, FrieslandCampina, Granarolo ed Emmi sono noti anche fino a dicembre. I prezzi del latte di Granarolo rimangono gli stessi per il resto dell’anno. Il prezzo del latte di Arla rimane lo stesso a novembre, ma diminuisce di 1,0 € per 100 kg a dicembre. Il prezzo del latte della FrieslandCampina aumenta di 0,7 € e 0,9 € per 100 kg rispettivamente a novembre e dicembre. La tabella mostra i prezzi (anticipazione) del latte per il 2019 e il 2018 delle aziende lattiero-casearie i cui prezzi del latte sono noti fino a dicembre compreso. Si tratta di una media ponderata dei prezzi mensili del latte, senza tener conto di eventuali pagamenti supplementari dopo l’anno civile.

Tabella Prezzi del latte 2019 e 2018 (€ per 100 kg di latte standard, pagamenti supplementari esclusivi)

Sulla base dei prezzi del latte noti fino a ottobre compreso, si prevede che i prezzi del latte nell’UE scenderanno ad eccezione delle aziende lattiero-casearie francesi. Il calo è maggiore per le società irlandesi, seguite da quelle tedesche. Il forte aumento del prezzo del latte dell’azienda svizzera Emmi è sorprendente. Anche i prezzi del latte negli Stati Uniti aumenteranno drasticamente nel 2019 rispetto al 2018. Il prezzo del latte di classe III è aumentato ulteriormente in ottobre ed è ben al di sopra della media UE.

Variazioni di prezzo a ottobre 2019 (100 € al kg rispetto al mese precedente) e ulteriori informazioni per società

Milcobel: invariato

Muller: invariato
Il prezzo del latte è esclusivo di un bonus di 1,0 € per 100 kg per l’uso di alimenti zootecnici senza OGM.

DMK Deutsches Milchkontor eG: ottobre e novembre invariati
Il prezzo del latte include un bonus (medio) di 0,66 € per la partecipazione al programma di sostenibilità Milkmaster, ma esclude un bonus di 0,7 € per l’uso di alimenti zootecnici senza OGM.
Sulla base della relazione annuale 2018, il bonus medio Milkmaster è stato aumentato da 0,60 €, con effetto retroattivo da gennaio 2018, a 0,66 € per 100 kg.

Hochwald eG: invariato
Il prezzo del latte non include il bonus di 1,00 € per 100 kg per l’uso di alimenti zootecnici senza OGM.

Arla: ottobre invariato, novembre invariato e dicembre -1,0.
Il prezzo del latte include un bonus di 1,0 € per la partecipazione al programma di qualità e sostenibilità Arlagarden Plus, ma esclude un bonus di 1,0 € per 100 kg per l’uso di alimenti gratuiti OGM e 0,5 € per 100 kg per il benessere.

Valio: invariato
Il prezzo del latte include un bonus di 2,0 €  per la partecipazione al programma di sostenibilità/salute animale NASEVA. I prezzi del latte di Valio si basano sulle dichiarazioni del latte di una delle sue cooperative associate.

Savencia: -0,6
Danone (prezzo A): -2,8
Lactalis: ottobre e novembre invariati.
Quando i produttori di latte consegnano a Lactalis più latte di quanto concordato contrattualmente, pagano una multa per i litri supplementari forniti. L’importo totale delle ammende ricevute è versato da Lactalis agli allevatori sotto forma di un premio di qualità extra nei mesi di settembre, ottobre e novembre. Questo bonus di 0,3 € per 100 kg è stato incorporato retroattivamente nel prezzo del latte di settembre e incluso nel prezzo del latte calcolato di ottobre.
Sodiaal (prezzo A): -0,5 a causa di un premio stagionale inferiore

Saputo Dairy UK: +1,2 a causa di un premio stagionale più elevato e di un aumento del valore della sterlina britannica rispetto all’euro
Espresso in centesimi al litro e prima della stagionalità, il prezzo del latte rimane invariato fino a dicembre. Il prezzo del latte si basa sui prezzi alla produzione per la fornitura al caseificio di Davidstow.

Dairygold: invariato
Il prezzo del latte include un bonus di 0,1 € per il programma nazionale di sostenibilità SDAS (Sustainable Dairy Assurance Scheme), ma i bonus per la partecipazione alla registrazione del latte (0,1) e ai gruppi di allevamento della mandria della mandria (0,05 €) non vengono presi in considerazione.
Glanbia Ingredients Ireland: invariato
Il prezzo del latte include un pagamento di sostegno di 0,95 € pagato dalla cooperativa Glanbia.
Dal 13 novembre, Glanbia offre ai produttori di latte la possibilità di fornire una quantità limitata di latte nell’anno solare 2020 con un prezzo base del latte di 31 centesimi al litro (incluso 5,4% di IVA e 3,6% di grassi e 3,3% di proteine). È già il quattordicesimo schema che Glanbia offre ai suoi produttori di latte come possibilità, con il risultato che sempre più produttori di latte ricevono per parte del latte un prezzo fisso del latte che differisce dai prezzi mensili del latte.
Kerry: invariato
Il prezzo del latte include un bonus di 0,1 € per il programma di sostenibilità SDAS.

Granarolo: +1,9, novembre e dicembre invariati

FrieslandCampina: -0,2, novembre +0,7 e dicembre +0,9
Il prezzo del latte include un bonus (medio) di 0,63 € per il pascolo all’aperto, ma escluso un bonus di 1,0 € per 100 kg per l’uso di alimenti zootecnici senza OGM.

MEDIA: -0,07
Si noti che il prezzo del latte pubblicato per settembre è stato aumentato di 0,02 in modo retroattivo (vedere i commenti su Lactalis).

Emmi: -0,3 a causa di una svalutazione del valore del franco svizzero rispetto all’euro, novembre e dicembre un leggero aumento del prezzo B. Sebbene il prezzo B aumenti, il prezzo del latte calcolato per novembre e dicembre diminuirà a causa di un bonus stagionale inferiore.

Il prezzo del latte esclude un bonus di 2,75 € per 100 kg per il programma nazionale di sostenibilità Swissmilk Green.

Fonterra: -0,2 a causa di una svalutazione del valore del dollaro neozelandese rispetto all’euro. Il prezzo del latte calcolato si basa su un prezzo del latte previsto di 6,50 (intervallo di 6,25 $ – 6,75 $) più guadagni previsti di 0,20 (intervallo di 15-25 centesimi) o in totale 6,70 NZ $ per kg di solidi del latte.

USA:+0,7
Espresso in dollari, il prezzo del latte di classe III negli Stati Uniti è aumentato da 18,31 $ a settembre a 18,72 $ per peso corporeo (peso a cento (45,36 kg)) ad ottobre.

Situazione di mercato

(Fonte: ZuivelNL – www.zuivelnl.org)

Quotazioni ufficiali del lattiero-caseario olandesi (€ per 100 kg)

L’offerta di latte nell’UE è aumentata dell’1% a settembre, come nel mese precedente. Cumulativamente, l’offerta di latte nell’UE nei primi tre trimestri del 2019 è stata superiore dello 0,5% rispetto al 2018. Germania, Francia e Paesi Bassi hanno nuovamente mostrato un aumento a settembre. La fornitura di latte irlandese è rimasta praticamente invariata in questo mese, ponendo fine a un periodo di crescita esponenziale. La produzione di latte negli altri importanti paesi esportatori di prodotti lattiero-caseari a livello globale ha mostrato un quadro contrastante a settembre. L’offerta di latte in Argentina (+ 1%) e negli Stati Uniti (+ 1%) è cresciuta. Il volume in Australia (-5%), Nuova Zelanda (-1%) e Uruguay (-3%) è diminuito in questo mese. Durante questo periodo il tasso di crescita aggregato dei principali esportatori di prodotti lattiero-caseari (compresa l’UE) è stato ancora leggermente negativo a -0,1. Dopo alcuni mesi di leggero aumento, il livello dei prezzi del burro si è stabilizzato nella seconda metà di ottobre. Il mercato del burro si è ripreso alla fine di novembre a seguito di una domanda abbastanza buona, anche da varie destinazioni di esportazione. Il mercato del latte scremato in polvere è stabile e rimane positivo. La quotazione dei prezzi è aumentata ulteriormente a causa della buona domanda, in particolare in Asia, e dell’offerta piuttosto limitata. C’è ancora poca attività sul mercato del latte intero in polvere. La quotazione dei prezzi si muove con gli sviluppi del mercato del burro/grasso di latte e latte scremato in polvere ed è aumentata da metà agosto.

 

Tutti i prezzi sono IVA esclusa, pagati ai produttori e assumendo che il latte venga raccolto a giorni alterni.
1) Esclusivo del pagamento supplementare più recente
2) Media aritmetica
3) In base alle previsioni più recenti
4) Basato sulle dichiarazioni USDA

 

Tutti i prezzi sono IVA esclusa, pagati ai produttori e assumendo che il latte venga raccolto a giorni alterni.
1) Esclusivo del pagamento supplementare più recente
2) Media aritmetica
3) In base alle previsioni più recenti
4) Basato sulle dichiarazioni USDA

 

Il report originale è disponibile qui.

 

Fonte: LTO International Milk Price Comparison (www.milkprices.nl)

Print Friendly, PDF & Email