Rete Rurale Nazionale, report “Le filiere agroalimentari nelle Regioni italiane”

//Rete Rurale Nazionale, report “Le filiere agroalimentari nelle Regioni italiane”

Rete Rurale Nazionale, report “Le filiere agroalimentari nelle Regioni italiane”

Nel quadro del supporto della Rete Rurale Nazionale (RRN) alle Autorità di gestione dei programmi di sviluppo rurale per quanto riguarda la strategia per potenziare la competitività delle imprese agroalimentari e per l’organizzazione delle filiere, la scheda progetto Ismea 10.2 “Competitività e filiere agroalimentari” del piano biennale 2017-18 della RRN dedica particolare attenzione ai dati statistici ed economici a livello territoriale, attraverso la progettazione e la realizzazione di banche dati regionali e, laddove i dati siano disponibili, provinciali e comunali. I dati e le analisi sono funzionali a supportare sia il monitoraggio e la valutazione degli impatti delle politiche adottate, sia l’individuazione di criteri di priorità e selezione per i bandi da emanare, soprattutto per quanto riguarda specifici settori, oltre che le caratteristiche delle imprese destinatarie degli interventi per la competitività.

Per la creazione delle banche dati a livello regionale utilizzate in questo Rapporto è stato realizzato un ampio lavoro di ricognizione, messa a sistema e valorizzazione dei dati disponibili a livello regionale sulle filiere agroalimentari, con lo scopo di costruire una base informativa ampia e approfondita per le analisi dello scenario socio-economico e del settore agroalimentare sul territorio nazionale e per le valutazioni delle politiche attuate.

La raccolta dei dati ha interessato diverse fonti statistiche e amministrative su diversi ambiti (la struttura delle imprese agricole e di quelle agroindustriali, le coltivazioni biologiche e i prodotti con Indicazione Geografica, il mercato estero, ecc.) ed è stata progettata l’organizzazione delle banche dati su base regionale con l’individuazione delle variabili più significative.

Il presente Report restituisce quindi al lettore un quadro dell’evoluzione delle principali variabili economiche e produttive per i più importanti comparti agricoli, con un’articolazione regionale, in un arco di tempo mediolungo, dal 2007 al 2017. L’obiettivo è fornire una rappresentazione di benchmark per quanto riguarda le principali filiere agroalimentari, consentendo il confronto tra i vari sistemi agricoli regionali, su cui innestare un monitoraggio continuativo dell’evoluzione futura. Nelle tabelle si è deciso di evidenziare, da un lato, l’andamento complessivo tra il 2007 e il 2015 e, dall’altro lato, l’evoluzione degli anni più recenti anno per anno; questa scelta deriva dall’interesse a evidenziare separatamente le dinamiche economiche del periodo di programmazione 2007-13 rispetto a quelle del corrente periodo di programmazione 2014-20.

Il report è articolato in otto capitoli, dedicati alle principali filiere agroalimentari. Nel dettaglio, sono state prese in esame le seguenti filiere: cerealicola, lattiero-casearia, carne e prodotti a base di carne (salumi e simili), olivicolo-olearia, ortofrutticola, vitivinicola, foraggi ed alimentazione animale, piante industriali. In quest’ultimo capitolo sono comprese le statistiche relative a tabacco e semi oleosi.

 Leggi il report completo

 

Fonte: Rete Rurale Nazionale

Print Friendly, PDF & Email
Di |2019-06-18T10:38:45+02:0018 Giugno 2019|Categorie: News|Tags: , , , , , |

About the Author:

Ruminantia - Lo spazio in rete dell'Allevatore. I migliori professionisti del settore a supporto dell'allevatore italiano, con informazioni aggiornate e articoli scientifici.

Scrivi un commento