Riforma post-2020, approvata la seconda serie di proposte per una PAC più equa, semplice, flessibile

//Riforma post-2020, approvata la seconda serie di proposte per una PAC più equa, semplice, flessibile

Riforma post-2020, approvata la seconda serie di proposte per una PAC più equa, semplice, flessibile

Politica agricola europea più equa, più semplice e più flessibile: i deputati votano sulla riforma post 2020

  • Tetto per i pagamenti diretti a € 100.000 per una distribuzione più equa
  • Pagamenti diretti all’interno degli stati membri equi entro il 2027
  • Sostegno alle piccole fattorie, ai giovani agricoltori e alle donne
  • Il nuovo piano dei piani strategici nazionali è rimandato al 2020
La commissione AGRI ha approvato la seconda serie di proposte per migliorare la politica agricola dell’UE in modo da soddisfare meglio le aspettative degli agricoltori e dei consumatori dopo il 2020.
Il secondo voto sulla riforma della PAC si è incentrato sulle nuove norme dell’UE per i pagamenti diretti e lo sviluppo rurale dopo il 2020. Gli emendamenti del Comitato per l’agricoltura al cosiddetto regolamento sui piani strategici sono stati approvati martedì con 27 voti favorevoli e 17 contrari, con un’astensione.

Lunedì, i deputati hanno approvato le regole relative all’organizzazione comune dei mercati della riforma della PAC.

Riduzione dei pagamenti ad aziende agricole più grandi, sostegno a piccoli agricoltori, giovani e donne

Gli Stati membri dovrebbero limitare i pagamenti diretti annuali agli agricoltori al livello di € 100.000, ma potrebbero consentire agli agricoltori di detrarre il 50% degli stipendi legati all’agricoltura dall’importo totale prima della riduzione, dicono i deputati. Vogliono anche indirizzare almeno il 5% dei pagamenti diretti nazionali ai piccoli e medi agricoltori attraverso uno speciale aumento di “ricarica” per ettaro.

Almeno il 2% dei bilanci nazionali dei pagamenti diretti dovrebbe essere destinato ai giovani agricoltori (aumento per ha per i primi sette anni). Un ulteriore sostegno ai giovani agricoltori dovrebbe essere garantito dai finanziamenti per lo sviluppo rurale.

I deputati chiedono inoltre agli Stati membri di utilizzare il denaro dello sviluppo rurale per azioni specifiche volte a promuovere una maggiore inclusione delle donne nelle economie rurali.

La Commissione ha inoltre insistito sul fatto che tutti i pagamenti per ettaro per gli agricoltori all’interno degli stati dell’UE o dei loro territori raggiungono almeno il 75% delle loro sovvenzioni dirette medie entro il 2024 e il 100% entro il 2027.

Piani strategici: nuovo modello di consegna posticipato fino al 2022

Secondo la Commissione Agricoltura, il cosiddetto nuovo modello di consegna basato sui piani strategici nazionali che devono essere redatti dagli Stati membri e approvato dalla Commissione europea, dovrebbe essere posticipato di un anno fino al 2022 per consentire loro più tempo per adeguarsi.

Estendere gli eco-schemi per proteggere anche il benessere degli animali

Gli eurodeputati vogliono dedicare almeno il 30% del bilancio dello sviluppo rurale a misure ambientali e climatiche e non meno del 20% dei pagamenti diretti agli ecosistemi. Questi schemi ecologici volontari dovrebbero sostenere non solo l’ambiente, ma anche il benessere degli animali.

Ulteriori informazioni sull’incremento dei servizi di consulenza per gli agricoltori, la definizione di agricoltore attivo, il livellamento dei pagamenti diretti e le regole per il trasferimento di denaro tra i pilastri sono disponibili qui.

Citazione

Ho cercato di trovare un equilibrio tra sostenere gli agricoltori e proteggere l’ambiente. L’architettura verde è stata rafforzata, ponendo un accento più forte su un approccio basato sugli incentivi. Una più equa distribuzione dei pagamenti è stata proposta per sostenere le PMI agricole“, ha affermato la relatrice Esther Herranz García (PPE, ES).

La priorità fondamentale era quella di salvaguardare le regole comuni per proteggere la politica dell’UE e trattare gli agricoltori in tutta l’UE allo stesso modo ed evitare distorsioni del mercato, dando nel contempo maggiore margine di manovra agli Stati membri per adattarsi alle loro particolari situazioni interne. La commissione ha inoltre insistito per mantenere il bilancio della PAC al suo livello attuale e spero che i governi dell’UE sostengano la nostra richiesta di mantenere una PAC forte“, ha aggiunto.

Prossimi passi

Il testo approvato dai deputati della commissione per l’agricoltura deve essere esaminato dal Parlamento nella sua interezza. Questo può accadere solo dopo le elezioni europee del 23-26 maggio. La Conferenza dei presidenti (presidente del PE e leader dei gruppi politici) può decidere di inoltrare il testo alla Camera. In caso contrario, la nuova commissione per l’agricoltura dovrà esaminare nuovamente la questione.

 

Fonte: Parlamento Europeo

Print Friendly, PDF & Email

About the Author:

Ruminantia - Lo spazio in rete dell'Allevatore. I migliori professionisti del settore a supporto dell'allevatore italiano, con informazioni aggiornate e articoli scientifici.

Scrivi un commento